Convento di San Francesco - Cosa vedere a Susa - Castelli, chiese, monumenti e musei - La chiesa e l'ex convento di San Francesco di Susa, edificati a partire dal secondo quarto del Duecento, presentano numerose testimonianze ad affresco.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Convento di San Francesco

Cosa vedere a Susa, Torino

L'origine del convento è stata attribuita dalla tradizione allo stesso frate Francesco, ma questa lettura non è suffragata dai documenti. Secondo la leggenda, i primi Frati Minori, in compagnia del Santo, si fermarono nella città di Susa, ospiti di Beatrice di Ginevra, moglie del Conte di Savoia Tommaso I. In tale occasione Francesco avrebbe donato alla nobildonna, in segno di accettazione di un terreno ove stabilire la propria comunità, una manica della povera tonaca; tale reliquia è oggi conservata nella chiesa dei Frati Minori Cappuccini ad Annecy, dopo essere stata ospitata per un lungo periodo nella Sainte Chapelle di Chambéry.

Il convento francescano di Susa acquisì ben presto un importante ruolo sia in campo religioso che civile ed ebbe la caratteristica di essere una fondazione "anomala", in quanto situato in una località posta all'interno dell'arco alpino e non a ridosso del medesimo, come era avvenuto per altre fondazioni dell'area. Soppresso in epoca napoleonica, esso fu riaffidato ai frati francescani nel 1899. Questi ultimi hanno lasciato definitivamente nel 2007 la casa segusina e l'ex convento svolge ora attività di accoglienza per gruppi e singoli pellegrini.

All'interno della chiesa, la testata della navata destra ospita un ciclo pittorico del XV secolo raffigurante gli evangelisti e gli apostoli Pietro e Paolo, mentre la sala capitolare presenta un ciclo con santi e beati francescani databile al 1340-50, con una interessante raffigurazione di San Francesco che riceve le stigmate. Infine, nella sacrestia nuova sono visibili le figure della Vergine, della Maddalena e di S. Bernardo, ancora parzialmente sotto scialbo. Nella testata della navata sinistra, la cappella detta la cappella del Presepe, in origine dedicata ad usi funerari, presenta un ciclo affrescato di grande interesse, risalente alla metà del XIV secolo e recentemente riscoperto e restaurato, dedicato al tema della morte e della salvezza: particolarmente intense sono le raffigurazioni della crocifissione, e la cavalcata dei tre vivi e tre morti.

Nel chiostro maggiore, denominato di San Francesco, sono conservati antichi frammenti lapidei, tre epigrafi del Duecento, tre epigrafi del Trecento e due belle finestre in cotto quattrocentesche in stile gotico piemontese. Sul lato del chiostro contiguo alla chiesa si ammirano inoltre frammenti, recentemente restaurati, di un affresco quattrocentesco rappresentante Sant'Anna, la Madonna, il Bambino e una figura maschile.

Contatta ora Convento di San Francesco

Compila questo modulo per metterti in contatto direttamente

Accetto i termini della privacy
Voglio ricevere la newsletter
TAGS :

Visita Susa

Eventi a Susa

Cosa vedere nei dintorni

Affresco della Sindone
Affresco della Sindone
Posto sull’estremità ad angolo dei portici di Via Palazzo di Città, questo affresco degli inizi del XVII secolo raffigura il lenzuolo sacro sorretto da due cardinali.
Via Palazzo di Città, 10, Susa (TO)
0.17 Chilometri da Convento di San Francesco
Castello di Susa - Museo civico
Castello di Susa - Museo civico
Il castello della Contessa Adelaide di Susa si apre al pubblico con un percorso di scoperta delle sue origini.
Via al Castello, 14, Susa (TO)
0.27 Chilometri da Convento di San Francesco
Aree Archeologiche di Susa
Aree Archeologiche di Susa
Susa, città di origine celtica, acquisì con la conquista romana l'importantissimo ruolo di punto nevralgico lungo la via delle Gallie.
Arco di Ottaviano Augusto, Via degli Archi, Susa (TO)
0.33 Chilometri da Convento di San Francesco
Cattedrale di San Giusto
Cattedrale di San Giusto
La chiesa abbaziale di San Giusto di Susa, attuale cattedrale, venne consacrata il 18 ottobre 1027.
Piazza San Giusto, Susa (TO)
0.35 Chilometri da Convento di San Francesco
Museo Diocesano di Arte Sacra
Museo Diocesano di Arte Sacra
A Susa, nel complesso edilizio adiacente all'antica chiesa della Madonna del Ponte, si articola il Museo Diocesano di Arte Sacra, sede centrale del Sistema Museale Diocesano.
Via Mazzini, 1, Susa (TO)
0.36 Chilometri da Convento di San Francesco
Abbazia Benedettina dei SS. Pietro e Andrea
Abbazia Benedettina dei SS. Pietro e Andrea
L'abbazia di Novalesa venne fondata nel 726 dal patrizio merovingio Abbone, in Val Cenischia.
Borgata San Pietro, 4, Novalesa (TO)
5.83 Chilometri da Convento di San Francesco
Museo archeologico dell'Abbazia
Museo archeologico dell'Abbazia
Inaugurato nel 2009, il Museo Archeologico dell'Abbazia di Novalesa è ospitato nelle sale dell'antico refettorio dei monaci e nel portico prospettante sull'antico cortile dei novizi.
Borgata San Pietro, 4, Novalesa (TO)
5.83 Chilometri da Convento di San Francesco
Cappella della Santa Madonna Addolorata di Borgetto
Cappella della Santa Madonna Addolorata di Borgetto
L'affresco della Cappella della Santa Madonna Addolorata si trova in località Borgetto, nei pressi di Novalesa, in Piemonte.
Frazione Borgetto, Novalesa (TO)
6.48 Chilometri da Convento di San Francesco
Museo di Arte Religiosa Alpina
Museo di Arte Religiosa Alpina
Novalesa, antichissimo borgo sito ai piedi del valico del Moncenisio, ha da sempre legato la sua storia a quella della famosa abbazia benedettina.
Via Maestra, 19, Novalesa (TO)
6.53 Chilometri da Convento di San Francesco

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di