Rocca Abbaziale - Cosa vedere a Subiaco - Castelli, chiese, monumenti e musei - La Rocca Abbaziale di Subiaco si trova sul punto più alto del borgo, nel Lazio.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Rocca Abbaziale

Cosa vedere a Subiaco, Roma

La Rocca Abbaziale di Subiaco, conosciuta come Rocca dei Borgia, fu costruita intorno alla fine dell'XI secolo dall'abate Giovanni V. Costruita su una ripida collina per scopi difensivi con fortificazioni, carceri, una torre di avvistamento ed una chiesa. La Rocca fu fatta costruire, tra il 1073 ed il 1077, come difesa dell'ingente patrimonio che l'abbazia di Santa Scolastica deteneva nella zona. La Rocca subì diversi danni dopo il terremoto del 1349.

Il pontefice Callisto III (zio del futuro papa Alessandro VI) nel 1456 decise di affidare ad un suo delegato l'amministrazione dell'immenso patrimonio dell'Abbazia, istituendo quella commenda cardinalizia che privò i monaci del potere temporale sul borgo. I restauri furono completati nel 1476 sotto la commenda del cardinale Rodrigo Borgia, che ampliò la struttura facendo costruire il bastione quadrangolare che guarda ad est. Qui si suppone siano nati i suoi figli Giovanni, Cesare e Lucrezia dalla sua amante Vannozza Cattanei.

Rodrigo Borgia, dopo essere salito al soglio pontificio nel 1492 col nome di Alessandro VI, cedette la rocca al cardinale Giovanni Colonna. La famiglia Colonna reggerà il territorio per 116 anni.

Nel 1778 l'architetto Pietro Camporese, per volere di papa Pio VI, effettuò lavori di restauro che però eliminarono gli elementi che caratterizzavano la rocca come castello medievale: la torre venne dimezzata, eliminata la trappola e le carceri; il nucleo occidentale venne dotato dell'imponente orologio. La costruzione divenne così un palazzo moderno, adatto a essere utilizzato come residenza dell'abate commendatario. Vi alloggiarono anche i papi Pio VII, Gregorio XVI e Pio IX.

La Rocca Abbaziale di Subiaco è un complesso composto da tre strutture di epoche lontane fra loro.

Il nucleo originario, nel tempo ampiamente rimaneggiato, risale al XI sec. ed è la parte caratterizzata dal grande orologio (opera di Giuseppe Ravaglia) fatto installare sette secoli più tardi da papa Pio VI. Si trattava in origine di una torre ad uso prettamente militare, fatta erigere dall'abate di Santa Scolastica Giovanni V da Farfa sul promontorio che dominava l'alta Valle dell'Aniene, al tempo in cui il nucleo urbano di Subiaco si concentrava sulle rive del fiume. Il complesso originario era formato anche da una piccola chiesa dedicata a San Tommaso e da una triplice cinta muraria, i cui perimetri verosimilmente ricalcavano quelle ancor oggi visibili.

La torre quadrangolare rivolta ad est costituisce il secondo corpo di fabbrica del complesso. Venne fatta erigere dal cardinal Rodrigo Borgia durante la seconda metà del '400. Nonostante l'aspetto austero di un mastio (e i "trabocchi" fatti installare al suo interno), il bastione cambiò presto la sua funzione: qualche decennio dopo la sua erezione, il commendatario Francesco Colonna commissionò i lavori di restauro al suo interno, finalizzati a renderlo un ambiente di rappresentanza.

L'ultimo nucleo venne commissionato alla fine del Settecento da papa Pio VI (Giovannangelo Braschi), allo scopo di unire le due strutture preesistenti e cambiare definitivamente il senso architettonico dell'insieme: con la sua edificazione la Rocca perde sostanzialmente la funzione militare originaria per diventare a tutti gli effetti un palazzo di rappresentanza. I lavori furono affidati nel 1778 all'architetto Pietro Camporese, il quale eliminò i trabocchetti, ingentilì le mura di cinta, dimezzò la torre borgiana, inglobò la piccola chiesa nella nuova struttura e istituì il magnifico portale d'entrata con doppia scalinata, sormontato dallo stemma Braschi.

All'interno della Rocca è ospitato inoltre il MACS Museo delle Attività Cartarie e della Stampa.

Contatta ora Rocca Abbaziale

Compila questo modulo per metterti in contatto direttamente

Accetto i termini della privacy
Voglio ricevere la newsletter
TAGS :

Visita Subiaco

Eventi a Subiaco

Cosa vedere nei dintorni

MACS Museo delle Attività Cartarie e della Stampa
MACS Museo delle Attività Cartarie e della Stampa
Il Museo delle Attività Cartarie e della Stampa è ospitato all'interno della Rocca Abbaziale di Subiaco, nel Lazio.
Rampa della Rocca, Subiaco (RM)
0.01 Chilometri da Rocca Abbaziale
Borgo dei Cartai
Borgo dei Cartai
Il Borgo dei Cartai è un museo laboratorio di Subiaco, nel Lazio.
Via degli Opifici, 62, Subiaco (RM)
0.30 Chilometri da Rocca Abbaziale
Villa di Nerone
Villa di Nerone
Simbruina Stagna, la Villa di Nerone, si trova a Subiaco nel Lazio.
Via dei Monasteri, 41, Subiaco (RM)
1.33 Chilometri da Rocca Abbaziale
Monastero di Santa Scolastica
Monastero di Santa Scolastica
Il monastero di Santa Scolastica fu fondato a Subiaco, nel Lazio, da san Benedetto da Norcia.
Via dei Monasteri, 41, Subiaco (RM)
1.56 Chilometri da Rocca Abbaziale
Santuario del Sacro Speco
Santuario del Sacro Speco
Il Santuario del Sacro Speco, è un antico monastero benedettino che si trova nel territorio di Subiaco, nel Lazio.
Via S. Benedetto, Subiaco (RM)
2.11 Chilometri da Rocca Abbaziale
Castelvecchio
Castelvecchio
Castelvecchio, piccola frazione del comune di Sante Marie, viene definito il paese dell’anima, dove oggi risiedono circa 50 persone e dove la tranquillità è assicurata.
67067 Castelvecchio, Sante Marie (AQ)
21.57 Chilometri da Rocca Abbaziale
Valdevarri
Valdevarri
Valdevarri, poco distante da Sante Marie, è la frazione della spiritualità e del mistero.
67067 - Valdevarri , Sante Marie (AQ)
21.57 Chilometri da Rocca Abbaziale
Scanzano
Scanzano
Scanzano, frazione del comune di Sante Marie, è uno dei borghi più suggestivi della Marsica occidentale.
67067 Scanzano , Sante Marie (AQ)
23.74 Chilometri da Rocca Abbaziale
Tubione
Tubione
Tubione, frazione del comune di Sante Marie, è un piccolissimo borgo con sette residenti.
67067 Tubione, Sante Marie (AQ)
23.74 Chilometri da Rocca Abbaziale

Piú letti del mese

Ricetta: il Panficato gigliese
Ricetta: il Panficato gigliese
Discepolo del panforte senese, il panficato è il dolce tipico di Giglio Castello che viene preparato con fichi secchi e noci e tanti altri prodotti tipici dell'isola
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Civitas Medievale a Dozza: un viaggio nel tempo a due passi da Bologna
Civitas Medievale a Dozza: un viaggio nel tempo a due passi da Bologna
Da non perdere, all'inizio di marzo il borgo di Dozza ospiterà il pittoresco evento Civitas Medievale.
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di