Villa Cahen - Cosa vedere a Allerona - Castelli, chiese, monumenti e musei - Villa Cahen si trova all'interno della Selva di Meana, nei pressi del borgo di Allerona, in Umbria.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Villa Cahen

Cosa vedere a Allerona, Terni

  • Strada Provinciale 50, Allerona (TR)
  • 0763 628317

La caratteristica particolare è costituita dal giardino all'italiana ricco delle più varie specie arboree e erbacee, anche rarissime, che il proprietario faceva arrivare dai luoghi più lontani. Si tratta di una architettura studiata con molta cura e arricchita da arredi naturali e artificiali che ne fanno un raro esempio di stile liberty. Altre particolarità sono costituite dalla limonaia e dalle serre per la protezione delle piante durante l'inverno.

Fu costruita nel 1880 dal ricchissimo finanziere di Anversa Edouard Cahen. Il sentimento che lo legava alla natura ed ai boschi è ben rappresentato dalla costruzione della Villa Selva di Meana che fece realizzare sulla riva del Paglia opposta a Torre Alfina e che, nel 1894, alla sua morte passò al figlio Ugo mentre il maggiore Teofilo prese in eredità il castello. I due fratelli usavano, si dice, comunicare con un sistema di specchi, ma dalla villa al castello avevano fatto costruire una strada con relativo ponte in ferro sul fiume Paglia, travolto poi da una piena nel 1937.

La villa ha una forma esterna sobria ed elegante, nello stile dell'epoca, il Liberty, affermatosi durante l'ultimo quarto del 1800, quando da poco si era formata l'Italia come stato nazionale e la preoccupazione dichiarata degli uomini di cultura più in vista era quella di sollecitare la nascita di uno stile rappresentativo dell'unità raggiunta, in concomitanza per di più con il progresso industriale che in quel periodo produceva e utilizzava nuovi materiali per l'edilizia. Il Liberty dunque, inteso come una nuova forma d'arte e di distinzione delle famiglie nobili, era lo stile più adatto e nelle sue forme esteriori si fondevano quella sensibilità e consapevolezza dei problemi formali e della necessaria fusione fra decorazione e struttura. La base specifica dello stile Liberty è la fede nell'integrazione dell'arte con la vita e quindi la volontà di non produrre alcunché fuori dei canoni del bello estetico.

Particolare importante della Villa è il giardino la cui immagine è stata modellata con quell'esigenza che muove gli animi a modellare la natura secondo le varie poetiche del giardinaggio facendo sì che si costituisca come oggetto di contemplazione vissuta. Un giardino in cui si identificano natura ed arte, nel quale il godimento estetico acquista un senso particolare, un luogo in cui vivere e contemplare sono un tutt'uno. Una natura modellata come opera d'arte nella disposizione di alberi e piante, fiori e prati, con l'ornamento aggiuntivo di statue e mormorio di ruscelli e scrosciar di cascate, dove i colori e le luci e il canto degli uccelli offrono un tutto armonico per la contemplazione di chi vive il giardino vivendo nel giardino.

La struttura esterna della Villa è esaltata dalle superfici candide delle pareti cui aggiungono note di colore delle persiane, le modulazioni degli aggetti e soprattutto il corpo ben funzionale della torretta. Il passaggio dall'esterno all'interno della Villa è sottolineato da rapporti luminosi, dalla luce piena dell'esterno alla penombra fresca dell'andito da dove si comincia a scoprire il mobile gioco delle luci e delle ombre che si riflettono su ambienti ricavati con estrema pulizia della forma e di nitore geometrico. La Villa è distribuita su vari piani: un piano seminterrato adibito a magazzini e locali per i servizi elettrici e termici, un piano terra per le sale da studio, da ricevere e da pranzo ampie e signorili, un terzo piano per le camere da letto e loro annessi riservati ai proprietari, un ulteriore piano per le stanze da letto per la servitù.

Temi importanti della costruzione appaiono, oltre alla già ricordata torretta in muratura, i numerosi particolari interni delle decorazioni a stucco, i vetri policromi, quasi come segni di una vivissima partecipazione affettiva dell'architetto e del costruttore, dell'arredatore e del proprietario tutti ugualmente mossi dall'ambizione di dar vita a nuove formule architettoniche che fossero specchio e simbolo di una nuova classe dominante.

TAGS :

Visita Allerona

Eventi a Allerona

Cosa vedere nei dintorni

Castello di Torre Alfina
Castello di Torre Alfina
Torre Alfina è un piccolo borgo medievale nei pressi di Acquapendente, nel Lazio.
Via al Castello, 18, Acquapendente (VT)
4.26 Chilometri da Villa Cahen
Museo del Fiore
Museo del Fiore
Il museo del Fiore si trova nei pressi del borgo di Acquapendente, nel Lazio.
Località Giardino, Torre Alfina, Acquapendente (VT)
6.41 Chilometri da Villa Cahen
Basilica del Santo Sepolcro
Basilica del Santo Sepolcro
La Basilica del Santo Sepolcro è il Duomo di Acquapendente, nel Lazio.
Via Julia De Jacopo, 33, Acquapendente (VT)
8.74 Chilometri da Villa Cahen
Museo della Città
Museo della Città
Il Museo della città di Acquapendente si trova sull'antico tracciato urbano della Via Francigena, nel Lazio.
Via Roma, 134-136, Acquapendente (VT)
8.89 Chilometri da Villa Cahen
Collegiata dei Santi Leonardo e Cassia
Collegiata dei Santi Leonardo e Cassia
La Collegiata dei Santi Leonardo e Cassia si trova a San Casciano dei Bagni, in Toscana.
Via S. Cassiano, 17, San Casciano dei Bagni (SI)
10.78 Chilometri da Villa Cahen
Fortezza di Radicofani
Fortezza di Radicofani
La costruzione del castello di Radicofani, in Toscana (IX sec.) è da attribuire ai Carolingi.
Via della Città Fortificata, 10, Radicofani (SI)
19.05 Chilometri da Villa Cahen
Museo Civico per la Preistoria del Monte Cetona
Museo Civico per la Preistoria del Monte Cetona
Il Museo Civico per la Preistoria del Monte Cetona documenta le varie fasi del popolamento umano nel territorio che gravita intorno al Monte Cetona, a partire dal Paleolitico fino alla fine dell’Età del Bronzo.
Palazzo Comunale, Via Roma, 37 , Cetona (SI)
19.44 Chilometri da Villa Cahen
Museo Geologico e delle Frane
Museo Geologico e delle Frane
Il Museo Geologico e delle Frane del borgo di Civita, nel Lazio, illustra la lotta di Civita per la sua sopravvivenza.
Palazzo Alemanni, Piazza San Donato, Civita, Bagnoregio (VT)
22.62 Chilometri da Villa Cahen
Museo Archeologico di Sarteano
Museo Archeologico di Sarteano
Il Museo Archeologico di Sarteano, in Toscana, è ospitato nelle sale del cinquecentesco palazzo Gabrielli.
Via Roma, 24, Sarteano (SI)
22.89 Chilometri da Villa Cahen

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di