Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni' - Cosa vedere a Panicale - Castelli, chiese, monumenti e musei - Il Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni' si trova nel borgo di Panicale, in Umbria.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'

Cosa vedere a Panicale, Perugia

Il museo ha sede nella cinquecentesca chiesa di Sant’Agostino di Panicale, recuperata per poter conservare ed esporre i numerosi manufatti in tulle ricamato in precedenza dislocati presso privati e chiese cittadine. Il ricamo ad ago eseguito direttamente su tulle in cotone o in seta si diffuse già a partire dai primi decenni del XIX secolo grazie al perfezionamento, ad opera degli inglesi Heathcoat e Lurdley nel 1809, di un telaio per produrre meccanicamente il tulle, un tessuto molto leggero, vaporoso ma al tempo stesso resistente, caratterizzato da maglie a fori esagonali.

Questa tecnica di ricamo, nata per offrire una produzione simile a quella dei merletti a fuselli e ad ago, era praticata dalle monache del collegio delle Vergini di Panicale e insegnata alle allieve che lo frequentarono almeno fino al 1872, anno della sua chiusura. A partire dagli anni trenta, la tradizione venne ripresa dalla panicalese Anita Belleschi Grifoni, che ne perfezionò la lavorazione, ne rielaborò i disegni e ne semplificò i punti. Convinta delle potenzialità economiche e sociali legate a questa tradizionale attività femminile, la Belleschi Grifoni fondò una scuola e istituì il marchio “Ars Panicalensis”.

Grazie all’intraprendenza della signora Anita e alle sue numerose relazioni sociali, ma anche per il costo contenuto dei manufatti, il ricamo dell’“Ars Panicalensis” diventò celebre tra i nobili e le famiglie della media e alta borghesia, tanto che suoi esemplari vennero anche venduti alla casa Savoia e ai principi Torlonia. La scuola, al pari di precedenti e analoghe esperienze nella regione, ebbe anche l’obiettivo di garantire alle donne una propria indipendenza economica e una personale realizzazione attraverso la produzione e la commercializzazione dei loro manufatti.

Dopo la morte di Anita Belleschi Grifoni e la chiusura della scuola, alcune ricamatrici hanno continuato a mantenere in vita la tradizionale tecnica.

TAGS :

Visita Panicale

Eventi a Panicale

Cosa vedere nei dintorni

Palazzo del Podestà
Palazzo del Podestà
Il Palazzo del Podestà si trova nel centro storico del borgo di Panicale, in Umbria.
Piazza Masolino, Panicale (PG)
0.07 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'
Collegiata di San Michele Arcangelo
Collegiata di San Michele Arcangelo
La Collegiata di San Michele Arcangelo è una chiesa di Panicale, in Umbria.
Via Gregorio Sellari, 1, Panicale (PG)
0.16 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'
Chiesa di San Sebastiano
Chiesa di San Sebastiano
La chiesa di San Sebastiano del borgo di Panicale in Umbria, fu edificata Fra il XIV ed il XV secolo.
Via Belvedere, 1, Panicale (PG)
0.47 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'
TrasiMemo – Banca della Memoria del Trasimeno
TrasiMemo – Banca della Memoria del Trasimeno
Il TrasiMemo si trova all’interno di Palazzo Baldeschi a Paciano, in Umbria.
Via Francesco Mario Sensini, 59, Paciano (PG)
2.24 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'
Rocca del Leone
Rocca del Leone
Rocca del Leone, situata vicino al Palazzo Ducale, è attualmente utilizzata per spettacoli folcloristici e teatrali durante l'estate
Via Belvedere, 5, Castiglione del Lago (PG)
11.50 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'
Chiesa di San Domenico
Chiesa di San Domenico
La chiesa di San Domenico è in stile barocco ed è composta da due vaste aule
Via del Forte, 34, Castiglione del Lago (PG)
11.50 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'
Palazzo della Corgna
Palazzo della Corgna
Detto anche Palazzo Ducale, fu la principale residenza dei della Corgna, i quali governarono, dal 1563 al 1647, il borgo di Castiglione del Lago
Piazza Antonio Gramsci, 1, Castiglione del Lago (PG)
11.52 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'
Museo Archeologico Nazionale di Chiusi
Museo Archeologico Nazionale di Chiusi
Con il biglietto del Museo Archeologico di Chiusi si possono anche visitare la tomba del Leone, la tomba della Pellegrina e, su prenotazione, la tomba della Scimmia.
Via dei Longobardi, 291, Chiusi (SI)
12.10 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'
Concattedrale di San Secondiano
Concattedrale di San Secondiano
La Concattedrale di San Secondiano è il duomo del borgo di Chiusi. Si caratterizza per il suo campanile isolato, sotto al quale si trova una piscina romana del I secolo a.C.
Via Porsenna, 89, Chiusi (SI)
12.12 Chilometri da Museo del Tulle 'Anita Belleschi Grifoni'

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di