La Bistecca Nera, il Crüt di Valeson e altre storie fantastiche alla Becjarie di Valvasone.
 
CERCA PER ZONA

La Becjarie di Valvasone: passione per la carne Made in Friuli

Sun, 24 Dec 2017
La Becjarie di Valvasone: passione per la carne Made in Friuli

Alla Becjarie del borgo di Valvasone, in Friuli Venezia Giulia, c’è sempre aria di festa. Una birra, la griglia che sparge nell’aria l’odore intenso della carne alla brace, risate, chiacchiere e tanta gioia profusa da chi la carna la lavora letteralmente da una vita. Daniele Comuzzi, figlio d'arte di una famiglia di macellai attiva dal 1730 (originaria di Rivignano, si sposterà prima a Bertiolo prima di approdare a Valvasone per cogliere l'occasione di rilevare un'attività sfitta), porta avanti con entusiasmo e orgoglio la tradizione, e appena può la reinventa. Raffaele Cesarini incomincia invece a fare il macellaio per passione, figlio di chi il maiale in casa l’ha sempre tenuto, e anche questa è tradizione.

Si conoscono nel 2006, il giorno di Santa Lucia, dieci anni esatti fa, in un’azienda dove lavoreranno insieme per diversi anni. Raffaele approfitta fin da subito delle conoscenze professionali di Daniele, e Daniele vede in lui un ragazzo con la passione per il lavoro e l'interesse indomito per il suo mestiere, a tal punto che, oltre a fare squadra, diventano amici inseparabili e così decidono (stufi di lavorare carni mediocri) di accettare la proposta di prendere in affitto una macelleria in società, macelleria che chiameranno La Becjarie (macelleria in lingua friulana).

Fin da subito il negozio diventa un punto di riferimento per gli appassionati della carne di alta qualità. I risultati non tardano dunque ad arrivare e così prendono coraggio e spingono il loro negozio sempre più verso le idee che li aveva spinti ad aprirlo e a realizzare il loro sogno professionale: creare una filiera di qualità, grazie ad una rete di collaboratori e fornitori fidati, realizzando così anche la salumeria fresca e stagionata di tradizione. Ma la Becjarie non si ferma qui: sarà pronto infatti per Aprile 2018 il nuovo punto vendita.

I due soci e amici hanno deciso di rilevare l’ex latteria sociale di Valvasone, un edificio storico sito in Via Roma che fu la sede di una delle più importanti realtà del territorio e che, prima di chiudere definitivamente i battenti nel 2008, vantava più di un secolo di attività: un pezzo di storia sociale e di un mondo che purtroppo non c’è più. Delle vecchie architetture dell’edificio la Becjarie manterrà intatta la facciata dello storico caseificio, in ricordo di quel simbolo e di quel mondo giunto a loro dai nonni e dai genitori. Gli interni invece (in passato suddivisi in tanti piccoli locali) verranno completamente rivoluzionati, per dare vita ad uno spazio a misura della loro passione e della loro genuina visione del lavoro.

Una volta consolidati muri e facciata il resto sarà pura Becjarie: un ampio spazio espositivo per i tanti prodotti preparati ogni giorno con cura che saranno esposti nel tradizionale bancone (di ben 12 metri), nei banchi frigo e nelle vetrine, dove un piccolo spazio verrà dato anche ai prodotti tipici del territorio come i vini (in particolar modo) ma anche una vasta scelta di formaggi locali. Il resto dello spazio verrà adibito a quello che rappresenta il vanto dei due proprietari: quello di condividere con i clienti, gli amici e i familiari la loro passione e il loro lavoro. Verranno allestiti infatti alcuni tavoli sempre apparecchiati, dove gli avventori saranno ben presto coinvolti in assaggi di salumi, formaggi, piccole specialità alla griglia, il tutto innaffiato dagli ottimi vini locali. Un posto dove la convivialità, l’allegria e l’autenticità del sogno portato avanti da Daniele e Raffaele non potrà che diventa sempre più concreto e definito. Questo e molto altro vi aspetta nei nuovi locali della Becjarie.

La carne buona deve avere tutta una catena di attenzioni legata al benessere animale, la qualità del cibo, le tecniche di allevamento, i tempi di crescita, la macellazione e tutto quanto ne consegue fino alla frollatura e alla lavorazione del prodotto finale. I prodotti di maggior rilievo sono rappresentati dai preparati ‘pronti a cuocere’ (come dicono loro), tra cui troviamo le loro invenzioni, come la Bistecca Nera, il Crüt di Voleson e la gola di cacao, oltre al loro salame di gran qualità.

La Bistecca Nera nasce in onore della nipote di Daniele, che desiderava che lo zio le creasse qualcosa di speciale per Halloween. Da Daniele e Raffaele a ora di pranzo c’è sempre gente. Mangiano qualcosa al volo e spesso parenti e amici li raggiungono (e non vedono l’ora!). “Ma cosa vuoi che ti faccia per Halloween!? Una bistecca nera?”. E così ecco l’idea: unire alle tradizionali spezie, utilizzate per la marinatura, il cacao, in modo che la carne assuma un colore scuro. Realizzare poi la gola di cacao (stavolta un insaccato di carne di guanciale) è stato un gioco da ragazzi.

Ma l’esempio più lampante di come l’arte di lavorare la carne possa sposare la più fervida fantasia è il Crüt di Voleson, un curioso insaccato creato dalla bistecca di lonza, con tutto il suo grasso, marinata nelle spezie tradizionali e stagionata a crudo. La Becjarie custodisce gelosamente la storia di questo salume unico, che narra di un Conte ingordo, di un cacciatore gentile e dell’amicizia tra quest’ultimo con un maiale. Se passate a trovare Daniele e Raffaele alla nuova Becjarie, fatevela raccontare: saranno felici di poterla di nuovo decantare mentre ve ne tagliano una fetta.

Tutti i prodotti della Becjarie sono fatti con autentica passione. Cominciando dagli insaccati tradizionali (salame nostrano, ossocolli, pancette stese oppure arrotolate, soppresse, lardi, lardi pancettati, guanciale, la gola di cacao) e tanti altri ‘pronti a cuocere’ (zampone a lunga cottura, spadellate di maiale, tacchino o pollo con carciofi, peperoni; peperoni ripieni, circa una dozzina di varietà di hamburger, tramezzini, arrosticini, polpette, polpettoni e arrosti a forma cuore di tacchinella o di pollo. Ed infine il banco macelleria, con tutti i tagli di carne solo di alta qualità.

Vi ritroverete così magicamente in compagnia di due amici, disponibili a fare quattro chiacchiere e bere un buon bicchiere di Refosco sempre pronto per l'occasione.

Eventi a Valvasone


Notizie correlate

I consigli di e-borghi per un weekend di Pasqua senza stress
I consigli di e-borghi per un weekend di Pasqua senza stress
e-borghi ha scelto per voi 10 borghi per il vostro weekend di Pasqua. Rilassatevi e prendetevi tutto il tempo per decidere: al resto abbiamo pensato noi.
By Redazione
Il Relais La Loggia di Gradara ed il suo innovativo Emporio: l’amore a 360°
Il Relais La Loggia di Gradara ed il suo innovativo Emporio: l’amore a 360°
La Loggia Emporio e Relais si trova nel cuore del borgo di Gradara, nelle Marche. Ottima location per fughe romantiche o gite di relax.
By Redazione
Hotel Sole - La Fenice. Ieri, oggi... ma soprattutto domani
Hotel Sole - La Fenice. Ieri, oggi... ma soprattutto domani
Due tra le più spettacolari e storiche strutture alberghiere a Tremosine, le loro radici e il loro legame con il territorio.
By Redazione
Alla scoperta del Giardino del Centro Storico di Montemerano
Alla scoperta del Giardino del Centro Storico di Montemerano
Il Giardino del Centro Storico mette a disposizione dei propri ospiti quattro accoglienti appartamenti, ricavati all'interno del Castello di Montemerano
By
Relais Ciavatta Country Hotel & Osteria La Frasca a Manciano (Grosseto)
Relais Ciavatta Country Hotel & Osteria La Frasca a Manciano (Grosseto)
Il Relais Ciavatta Country Hotel è uno degli alberghi ideali dove trascorrere la vostra prossima vacanza in Maremma.
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di