Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food

Fontanellato tra storia, giri

Potreste andarci in qualunque giorno della settimana, ma a Fontanellato ogni giorno sembra il sabato del villaggio. L'atmosfera che si respira in questo piccolo borgo della bassa parmense è incantata e spensierata. I ritmi quotidiani procedono lenti e gli abitanti chiacchierano nella piazza principale con il loro simpatico e coinvolgente accento emiliano. Proprio al centro della piazza si erge quello che è il simbolo indiscusso di Fontanellato, Rocca Sanvitale, l'imponente fortezza edificata agli inizi del 1100 per volere della famiglia Pallavicino e dimora dei conti Sanvitale per oltre cinque secoli.

C'è tanta storia custodita a Fontanellato, non solo nelle sale del castello, che vi invitiamo a visitare internamente, ma anche nelle viuzze che convergono in Piazza Matteotti, punto nevralgico attorno a cui si sviluppa l'intero paesino e sede di un fitto susseguirsi di eventi che fanno di Fontanellato un borgo vivo e vivace 12 mesi su 12. Tra queste iniziative spicca Castle Street Food, una rassegna di cibi di strada che si svolge ogni anno a fine aprile ai piedi della Rocca. Noi ci siamo gustati gnocco fritto con prosciutto crudo e nugget di pollo presso uno dei vari food truck disposti lungo il fossato del maniero, in una cornice davvero suggestiva, con musica che risuonava dalle mega casse audio del castello e uno speaker che incitava la folla a divertirsi e a provare le prelibatezze provenienti da ogni angolo d’Italia e del mondo. Un vero e proprio "assedio gastronomico", diventato un appuntamento fisso e attesissimo a Fontanellato.

Se dopo una sana abbuffata volete farvi un giretto diverso dal solito, il comune mette a disposizione dei turisti antiche barchette a bordo delle quali è possibile navigare nel fossato pieno d’acqua che circonda il castello. La tratta dura nemmeno dieci minuti, ma vi assicuriamo che è un'esperienza affascinante e molto romantica per le coppiette. Marinai vestiti con costumi d'epoca e remi in mano vi faranno scoprire scorci inediti della Rocca Sanvitale e, quando passerete sotto il ponte che collega la fortezza alla "terraferma", vi chiederanno di abbassare leggermente la testa: a noi è sembrato di essere in gondola per i canali di Venezia!

Il castello, dicevamo, merita assolutamente una visita al suo interno. La saletta dipinta dal Parmigianino nel 1524 con la raffigurazione del mito di Diana e Atteone rappresenta uno dei migliori capolavori del manierismo italiano. Le stanze, perfettamente conservate, richiamano sia l'essenzialità dell’originaria architettura medievale, sia lo sfarzo nobiliare del XVI e XVII secolo: l'appartamento dei Sanvitale, con arredamento in legno pregiato e suppellettili di grande valore, è l'esempio più esaustivo di questa commistione tra due epoche diverse. Ad attirare ghost hunter ed esperti del paranormale, la leggenda di Maria Costanza Sanvitale, nipotina della Duchessa Maria Luigia d'Austria, che apparirebbe periodicamente alla finestra della Sala da Ricevimento. La piccola, che adorava moltissimo disegnare, morì alla tenera età di cinque anni. Alcune guide del castello hanno dichiarato di aver intravisto una sagoma di una bambina dai capelli neri che si aggirava per le sale quando non c'era nessuno. Questo e molti altri fenomeni legati a spettri e spiriti di persone defunte alimentano il mistero attorno ai Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli, circuito turistico cui la Rocca Sanvitale appartiene di diritto.

Nel borgo, oltre agli edifici colorati e alle stradine piene di bar, ristoranti e piccole botteghe, troverete la chiesa parrocchiale di Santa Croce, dove sono custoditi preziosi dipinti del 1700, e l'oratorio dell’Assunta, in stile barocchetto. Alle porte di Fontanellato, invece, immerso in un parco botanico, si cela il Labirinto della Masone, una foresta di bambù considerata il labirinto più grande d’Europa. Insomma, Fontanellato è proprio un borgo da non perdere se volete trascorrere un'indimenticabile giornata d’altri tempi. Come raggiungerlo? Percorrete in macchina l'Autostrada del Sole (A1) fino all'uscita di Fidenza/Salsomaggiore Terme, poi proseguire sulla Strada Statale 9 Via Emilia e la Strada Provinciale 63. Fontanellato non ha una stazione ferroviaria, quindi per chi arriva in treno le stazioni più vicine sono quelle di Parma (distante 19 chilometri) e Fidenza (12 chilometri).

COMMENTI :

Eventi a Fontanellato


Notizie correlate

Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di