Sui muri delle case troverete murales firmati da pittori di tutta Italia. Più che un villaggio, una mostra... a cielo aperto!
 
CERCA PER ZONA

Alla scoperta di Apricale, il borgo più amato dagli artisti

Alla scoperta di Apricale, il borgo più amato dagli artisti

Se volete celebrare la giornata del 25 aprile in un luogo d'altri tempi, Apricale farà al caso vostro: qui vi sembrerà di tornare indietro nei secoli, all’epoca delle fiabe di principesse e principi. Apricale, infatti, è un borgo medievale tra i meglio conservati in Italia. Camminando sugli antichi ciottolati in pendenza, avrete la piacevole sensazione di perdervi in un labirinto fatto di vicoli stretti che, seguendo un percorso a spirale, vi condurranno alla sommità del villaggio. Da lì potrete godere dello splendido panorama della Val Nervia che si estende verso la Riviera Ligure di Ponente. Insomma, il borgo perfetto per chi ama fare su e giù per gli scalini in pietra, senza bisogno di essere particolarmente allenati. Vi consigliamo comunque di mettere un paio di comode scarpe da tennis!

Apricale, in provincia di Imperia, è un paesino arroccato su una collina dell’entroterra ligure occidentale e circondato dalle Alpi Marittime, dista circa 15 chilometri da Ventimiglia, 17 da Bordighera, 30 da Sanremo e poco meno di un’ora in automobile dal confine francese. Anche per la sua vicinanza alla “città dei Fiori” (dove a febbraio si tiene il noto Festival canoro) e alla Francia, ve lo consigliamo vivamente per una gita che può comprendere altre interessanti località turistiche nei dintorni.

Ciò che colpisce subito di Apricale, quando si arriva alle sue pendici percorrendo la strada provinciale, è la disposizione "a lucertola" delle case, che risalgono il colle formando delle curve sinuose. Non a caso, all’apice del borgo, sorge il Castello della Lucertola, che sembra la punta di questa coda immaginaria. Un po’ di etimologia. Il termine "Apricale" deriva dal latino "Apricus", che significa "soleggiato", “esposto al sole”. E, in effetti, la bellezza del paesaggio circostante, immerso nei silenziosi boschi di ulivi, splende di quiete.

Essendo situato nell’entroterra, a 270 metri di altitudine in una zona montana isolata e a 20 chilometri dal litorale, il mezzo più comodo per raggiungere Apricale è l’automobile. Dall’Austostrada A10 dei Fiori uscite a Ventimiglia o Bordighera, prendete la Strada Provinciale 64 fino a Isolabona, dove imboccate la Strada Provinciale 63. In pochi minuti, dopo un paio di tornanti, arriverete ai vari parcheggi che si trovano lungo la strada ai piedi del borgo.

Per chi arriva in Liguria in aereo, l’aeroporto più vicino è l’Aeroporto Cristoforo Colombo di Genova, che dista da Apricale circa 2 ore e 20 minuti percorrendo l’autostrada. In treno, la stazione ferroviaria più vicina ad Apricale è quella di Ventimiglia, dove partono bus e pullman per Dolceacqua, Isolabona e Apricale. Ma, per spostarvi più agilmente tra i borghi delle Alpi Marittime, la macchina resta la soluzione migliore.

Apricale è il borgo più amati dagli artisti. Durante la vostra passeggiata nel cetro storico, infatti, vi accorgerete, oltre che della presenza massiccia di vasi di piante e fiori posti accanto alle porte delle case, anche di altrettanti murales dipinti sui muri in mattone. Apricale, infatti, è molto frequentato da pittori provenienti non solo dalla Liguria ma da ogni angolo d'Italia. Le loro firme accompagnano i loro capolavori artistici a cielo aperto, quadri esterni con soggetti umani impegnati in normali attività della vita quotidiana.

Al centro di Apricale, in Piazza Vittorio Emanuele, spiccano le chiese della Purificazione di Maria Vergine e di San Bartolomeo e il Castello della Lucertola, cuore artistico del borgo. Edificato intorno al decimo secolo, fu concepito come fortezza difensiva dai Conti di Ventimiglia. Nel 1500 venne raso al suolo dai Grimaldi di Monaco, per poi essere ricostruito nell’Ottocento a scopo militare. Oggi, al suo interno, è custodito il Museo della Storia di Apricale, che ospita diverse gallerie di artisti liguri, tra cui le illustrazioni del noto pittore genovese Emanuele Luzzati, scomparso nel 2007.

Piazza Vittorio Emanuele rappresenta l’epicentro delle attività aggregative del villaggio. Qui si organizzano tanti eventi folcloristici durante l’anno. Vi segnaliamo: La notte romantica, che si celebra in tutti i borghi d’Italia il 25 giugno; il Teatro della Tosse, spettacoli itineranti per le vie del borgo dal 5 al 15 agosto; la Sagra della Pansarola, ogni prima domenica di settembre dedicata al tipico dolce di Apricale, accompagnato dallo zabione caldo; festa patronale della Natività di Maria Vergine, 8 settembre; Festa dell’olio nuovo, per tutto il mese di novembre; Falò in piazza il 24 dicembre. Insomma, visitate Apricale in qualsiasi stagione dell'anno: l'arte accompagnerà ogni vostro singolo passo, alla scoperta di un borgo... da incorniciare!

Notizie correlate

Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di