Vrù è un piccola frazione di Cantoira, nelle Valli di Lanzo. Si tratta di un un borgo diroccato sulle montagne fermo in cui vivevano i minatori che estraevano il talco. Oltre che per i presepi e per le miniature della Mole di Torino e della Torre di Pisa.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Vrù (Torino), il borgo dei presepi dove Torino e Pisa si incontrano

Mon, 07 Jan 2019
Vrù (Torino), il borgo dei presepi dove Torino e Pisa si incontrano

Due sono le cose che mi rendono felice. Scoprire posti nuovi e stare insieme alle persone a cui tengo. Ecco perché la giornata di domenica 30 dicembre è e rimarrà indimenticabile.
Già qualche volta era stata nelle Valli di Lanzo, per lavoro e per visitare il famoso Ponte del Diavolo. Ma mai mi ero spinta oltre.

E così, mentre la radio trasmette allegre musiche di ballo da sala superiamo Ceres, superiamo  e superiamo pure il centro di Cantoira per dirigerci verso la piccola frazione di Vrù, qualche metro più sù.
Parcheghiamo e percorriamo a piedi un tratto di strada in salita e ci troviamo di fronte ad un piccolo Borgo in cui il tempo sembra essersi fermato.
Stradine sterrate circostante da prati, casette in pietra e legno, le une appiccicate alle altre. Hanno un so che di trasandato, vecchio, ma sono piene di fascino e trasudano storia. Sembrano disabitate, ma in realtà non lo sono.

Superiamo il Borgo che visiteremo al ritorno e imbocchiamo una salita. Il cartello davanti a noi ci indica che lassù si trova un museo a cielo aperto, l'ecomuseo della Brunetta gestito dal Cai, il Club Alpino Italiano, di Lanzo. Sono i resti di quella che agli inizi del 1900 era una miniera di talco.

La strada in salita sembra interminabile ma il clima non troppo freddo la rende una piacevole passeggiata.
Ad un certo punto sbucano alcune casette in pietra. Piccolissime, grige e con all'interno i mobili essenziali, sono un esempio di come vivevano i minatori. Siamo a 1100 metri di altezza, nella borgata Rivirin, ma per arrivare alle gallerie della miniera bisogna salire di altri 400 metri.

Accanto alle casette, due opere straordinarie, omaggio a due delle nostre città italiane più belle ed importanti. Una Mole Antonelliana, una Torre di Pisa, una rappresentazione di Rocciamelone, montagna appartenente alle Alpi Graie. Sono tutte ricavate da massi di pietra e sono alte più o meno due metri. A realizzarle un signore del posto, Francesco Berta, anche se qui tutti lo chiamano Cichin.

Cichin lavorava alla teleferica della miniera e durante le pause si dedicava alla sua passione. Creare dal legno e dalla pietra. A lui, alla sua ingegnosità, si deve anche il Presepe Meccanico, altra attrazione che fa arrivare ogni anno migliaia di turisti. Si trova in una baita che era la vecchia scuola, giù a Vrù.

Fornai, fabbri, pastori, animali ed un altro centinaio di personaggi, tutti in movimento in attesa dell'arrivo di Gesù. Ma quello di Cichin non é l'unico presepe. Ogni angolo della frazione ne ospita uno. Tutti sono realizzati con materiali di recupero ed oggetti di tutti i giorni. Matite, candele, stoffa, pietre, bambole. Un tripudio di colori che non può non mettere allegria.

La nostra gita termina quando inizia a fare buio. Lasciamo Vrù con lo stesso umore allegro e spensierato dei bambini. Sulla strada del ritorno, non possiamo farci mancare una sosta a Lanzo per acquistare un pezzo della famosa toma dop e dei buonissimi torcetti al burro.

COMMENTI :

Notizie correlate

Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel

Piú letti del mese

L’altra Toscana: viaggio nei borghi dell’immediato entroterra e sulle isole
L’altra Toscana: viaggio nei borghi dell’immediato entroterra e sulle isole
La Toscana è una regione ricca di infiniti tesori storico-architettonici e naturali, dove si incontrano borghi di rara bellezza
By Simona PK Daviddi
Ricetta: I Tozzetti alle nocciole
Ricetta: I Tozzetti alle nocciole
Un dolce tipico della tradizione viterbese che ricorda i famosi “cantucci” ma che si differenziano per l’uso delle nocciole tostate
By Redazione
Itinerario tra 5 dei più suggestivi borghi della Sardegna settentrionale
Itinerario tra 5 dei più suggestivi borghi della Sardegna settentrionale
Da Olbia a Porto Torres, un itinerario che ci porterà alla scoperta di cinque fantastici borghi sardi tra mare ed entroterra
By Redazione
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Da Cavo a Cavo, un itinerario lungo le coste e i centri abitati della più importante isola della Toscana
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di