Piccolo nucleo cittadino dove ancora oggi è tutelata la cultura dell'antica Arberia italiana.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Plataci, dove i murales raccontano il passato

Mon, 15 Oct 2018
Plataci, dove i murales raccontano il passato

Alta Calabria cosentina. Scendendo dalla Puglia e dalla Lucania jonica, uno dei primi paesi calabresi che si incontrano. Non tra i primissimi. Si pensi alla bella Rocca Imperiale, sorta di portone di Calabria per chi dovesse entrare nella regione. E siamo dunque a Plataci, centro importante per la tutela linguistica dell'antico arbëreshe. 

Piccolo nucleo cittadino dove ancora oggi è tutelata la cultura dell'antica Arberia italiana. Ne abbiamo già parlato per Civita.

Plataci, Pllatëni in "albanese", conta meno di mille abitanti. La storia qui è istoriata, dipinta. Il paese dei murales, altissimo con i suoi quasi mille metri, ti aspetta. E c'è silenzio. E c'è storia. C'è anche il Pollino, versante d'oriente: di sotto la grande piana di Sibari e poi l'azzurro dello Ionio. Mari e monti, si direbbe. E gli albanesi pure qui, come detto. 

Con ancora prima i platani, pronti a dare il nome alla località. Plataci dipendeva una volta dalla vicina Cerchiara, altro bel centro. Musiche, canti, abiti e danze: antiche tradizioni qui sfidano l'oblio. Tante le usanze che vengono dal passato. Ecco la festa della Madonna di Costantinopoli, a primavera, martedì dopo la Pentecoste e poi anche a novembre. Ancora oggi sentitissima dagli arbëreshe, la Madonna trova casa in un venerato santuario. Amata anche la ricorrenza estiva di san Rocco. Il Festival dei Piccoli Cantori Arbëreshe ha poi il merito di salvaguardare le melodie che furono dei padri. Lo stesso vanto dei murales, opere che sulla pietra istoriano e fermano il passato, salvaguardandolo con creatività e leggerezza. C'è stato, fino a qualche anno fa, anche un avvincente concorso a tema.

I riti, anche qui come in altri paesi, agricoli e pagani. "Domani è il primo marzo, togliete le pecore dallo stazzo e pascolatele; serve ad allontanare le forze naturali invisibili del cattivo tempo", si canta in arbëreshe nei giorni del Carnevale, festa che qui, ai limiti dell'eresia, si festeggia fino alla prima domenica di Quaresima. 

A Plataci due chiese soprattutto: la più antica è quella di San Giovanni Battista (1400) e poi c'è la settecentesca della Madonna di Costantinopoli. Nel territorio il Bosco della Montagnola, il più alto del paese. A tre chilometri, invece, il monte Barone, con la bella sorgente Cabugi; poi il lago Forano, sul versante del monte Sparviere, diviso con la vicina Alessandria del Carretto. Tanti i sentieri naturalistici: un panorama magnifico. 

COMMENTI :

Notizie correlate

Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Un paesaggio di ispirazione per uno dei personaggi più significativi e importanti del periodo fascista: Carlo Levi.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di