Piccolo nucleo cittadino dove ancora oggi è tutelata la cultura dell'antica Arberia italiana.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Plataci, dove i murales raccontano il passato

Mon, 15 Oct 2018
Plataci, dove i murales raccontano il passato

Alta Calabria cosentina. Scendendo dalla Puglia e dalla Lucania jonica, uno dei primi paesi calabresi che si incontrano. Non tra i primissimi. Si pensi alla bella Rocca Imperiale, sorta di portone di Calabria per chi dovesse entrare nella regione. E siamo dunque a Plataci, centro importante per la tutela linguistica dell'antico arbëreshe. 

Piccolo nucleo cittadino dove ancora oggi è tutelata la cultura dell'antica Arberia italiana. Ne abbiamo già parlato per Civita.

Plataci, Pllatëni in "albanese", conta meno di mille abitanti. La storia qui è istoriata, dipinta. Il paese dei murales, altissimo con i suoi quasi mille metri, ti aspetta. E c'è silenzio. E c'è storia. C'è anche il Pollino, versante d'oriente: di sotto la grande piana di Sibari e poi l'azzurro dello Ionio. Mari e monti, si direbbe. E gli albanesi pure qui, come detto. 

Con ancora prima i platani, pronti a dare il nome alla località. Plataci dipendeva una volta dalla vicina Cerchiara, altro bel centro. Musiche, canti, abiti e danze: antiche tradizioni qui sfidano l'oblio. Tante le usanze che vengono dal passato. Ecco la festa della Madonna di Costantinopoli, a primavera, martedì dopo la Pentecoste e poi anche a novembre. Ancora oggi sentitissima dagli arbëreshe, la Madonna trova casa in un venerato santuario. Amata anche la ricorrenza estiva di san Rocco. Il Festival dei Piccoli Cantori Arbëreshe ha poi il merito di salvaguardare le melodie che furono dei padri. Lo stesso vanto dei murales, opere che sulla pietra istoriano e fermano il passato, salvaguardandolo con creatività e leggerezza. C'è stato, fino a qualche anno fa, anche un avvincente concorso a tema.

I riti, anche qui come in altri paesi, agricoli e pagani. "Domani è il primo marzo, togliete le pecore dallo stazzo e pascolatele; serve ad allontanare le forze naturali invisibili del cattivo tempo", si canta in arbëreshe nei giorni del Carnevale, festa che qui, ai limiti dell'eresia, si festeggia fino alla prima domenica di Quaresima. 

A Plataci due chiese soprattutto: la più antica è quella di San Giovanni Battista (1400) e poi c'è la settecentesca della Madonna di Costantinopoli. Nel territorio il Bosco della Montagnola, il più alto del paese. A tre chilometri, invece, il monte Barone, con la bella sorgente Cabugi; poi il lago Forano, sul versante del monte Sparviere, diviso con la vicina Alessandria del Carretto. Tanti i sentieri naturalistici: un panorama magnifico. 

COMMENTI :

Notizie correlate

Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di