Un borgo nel cuore della Val d’Orcia. Un’espressione di grande bellezza e anche del senso concreto del progettare, in linea con la proverbiale magniloquenza toscana
 
CERCA PER ZONA

San Quirico d'Orcia, patrimonio dell’Unesco in provincia di Siena

Wed, 12 Sep 2018
San Quirico d'Orcia, patrimonio dell’Unesco in provincia di Siena

Nel Medioevo era un’importante tappa della Via Francigena e oggi il borgo mostra ancora la sua struttura dell’epoca all'interno di una caratteristica cinta muraria, divisa dalla via principale, via Dante Alighieri. San Quirico d’Orcia, però, vanta origini ancora più antiche, probabilmente etrusche, e si staglia nel cuore della Val d’Orcia - in provincia di Siena -, in un elisir di vigneti, uliveti e boschi di querce.

La spiccata presenza di beni artistici, architettonici e naturali collocano oggi il borgo di San Quirico d’Orcia - insieme ad altri cinque comuni nel Parco Artistico Naturale Culturale della Val d’Orcia. Un mosaico di storia da scoprire, un equilibrio tra natura e ingegno umano a iniziare dalla romanica Collegiata dei Santi Quirico e Giuditta, le cui prime notizie risalgono all’VIII secolo. Il suo esterno ha mantenuto l'aspetto originario in stile gotico e presenta una breve scalinata che conduce al grande portone d'entrata - con due colonne laterali sormontate da capitello ionico -, mentre l'interno rivela uno stile barocco e un’unica navata con pianta a croce latina. Fra le opere custodite e sotto un soffitto a capriate campeggia una pala dipinta da Sano di Pietro, pittore di scuola senese del XV secolo. Il disegno delle coreografie ecclesiastiche di San Quirico d’Orcia prosegue con la chiesa di San Francesco, il cui interno è caratterizzato da elementi gotici e da una pregevole Vergine attribuita ad Andrea della Robbia. All’esterno dell’edificio, stradine lastricate e fontane di pietra costellano il centro del borgo che testimonia la sua presenza – e importanza - lungo il tracciato Via Francigena, con l’Ospedale della Scala, nel quale veniva offerta ospitalità ai pellegrini. 

Da visitare sono anche i resti della torre del Cassero e gli Horti Leonini, significativo esempio di giardino all’italiana. Con un gioco di sponda, infine, ci si può recare a Bagno Vignoni, frazione di San Quirico d'Orcia: nella sua piazza centrale è collocata una grande vasca medievale, dove l'acqua sgorga direttamente dalla sorgente termale. Attorno alla vasca, si affacciano sulla piazza palazzi rinascimentali e il loggiato di Santa Caterina da Siena.

COMMENTI :

Notizie correlate

Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformido col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di