Echi di storia, condottieri e intrighi di potere da scoprire, per un vero e proprio viaggio nel tempo.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Verucchio, tutta la suggestione dei Malatesta in questo borgo che domina la Val Marecchia

Verucchio, tutta la suggestione dei Malatesta in questo borgo che domina la Val Marecchia

E’ un borgo storico con un centro fortificato, è incastonato nella provincia di Rimini ed è conosciuto come la “culla dei Malatesta” perché proprio qui ebbe inizio la potenza dei Malatesta a opera di Giovanni della Penna dei Billi (1150-90), detto appunto “il Malatesta”. Dalla Rocca Malatestiana - una delle più grandi e ben conservate fortificazioni malatestiane – il panorama è intrigante e lo sguardo può spaziare dal mare Adriatico ai verdi contrafforti appenninici. Arroccato su uno sperone imponente, Verucchio è un susseguirsi di chiese, piazzette, antiche fonti e pievi e si presenta con il suo impianto medievale, disteso tra due colline un tempo coronate da poderose rocche: quella del Sasso, oggi Rocca Malatestiana, e quella del Passerello. Il borgo è ricco di edifici storici e al centro di piazza Malatesta prospetta il palazzo del Municipio, edificio che nel 1895 ha sostituito parte di quello più antico, purtroppo andato perduto. Sulla piazza prospettano ulteriori palazzi storici: il settecentesco palazzo Giungi-Morolli, il neoclassico palazzo Bedetti e, a breve distanza e in via dei Martiri, palazzo Pecci, in stile neoclassico, un elisir di bellezza e di preziosità storica. Interessante, oltre alla Rocca Malatestiana e agli edifici, è anche il Museo Civico Archeologico, allestito nei locali di un antico convento agostiniano: nelle sale della collezione museale sono esposti pregevoli rinvenimenti archeologici della cultura villanoviana verucchiese. Nelle vicinanze della seconda rocca di Verucchio - detta del Passerello -, invece, c’è la Porta del Passerello, dalla quale può avere inizio un ideale percorso attraverso il borgo lungo le mura di S. Giorgio. Alle pendici dello sperone di roccia su cui si erge Verucchio campeggia una pieve romanica mentre in località Villa Verucchio è da visitare il Convento Francescano: secondo la leggenda, il cenobio sorge sul luogo dove San Francesco d'Assisi avrebbe piantato un bastone attorno al quale nacquero radici e foglie di un cipresso. E il gigantesco cipresso, con tutti i suoi secoli d’età, è tutt’oggi visibile nel chiostro.

Foto principale da www.riviera.rimini.it

COMMENTI :

Eventi a Montefiore Conca


Notizie correlate

Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Un paesaggio di ispirazione per uno dei personaggi più significativi e importanti del periodo fascista: Carlo Levi.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di