Echi di storia, condottieri e intrighi di potere da scoprire, per un vero e proprio viaggio nel tempo.

 
CERCA PER ZONA

Verucchio, tutta la suggestione dei Malatesta in questo borgo che domina la Val Marecchia

Verucchio, tutta la suggestione dei Malatesta in questo borgo che domina la Val Marecchia

E’ un borgo storico con un centro fortificato, è incastonato nella provincia di Rimini ed è conosciuto come la “culla dei Malatesta” perché proprio qui ebbe inizio la potenza dei Malatesta a opera di Giovanni della Penna dei Billi (1150-90), detto appunto “il Malatesta”. Dalla Rocca Malatestiana - una delle più grandi e ben conservate fortificazioni malatestiane – il panorama è intrigante e lo sguardo può spaziare dal mare Adriatico ai verdi contrafforti appenninici. Arroccato su uno sperone imponente, Verucchio è un susseguirsi di chiese, piazzette, antiche fonti e pievi e si presenta con il suo impianto medievale, disteso tra due colline un tempo coronate da poderose rocche: quella del Sasso, oggi Rocca Malatestiana, e quella del Passerello. Il borgo è ricco di edifici storici e al centro di piazza Malatesta prospetta il palazzo del Municipio, edificio che nel 1895 ha sostituito parte di quello più antico, purtroppo andato perduto. Sulla piazza prospettano ulteriori palazzi storici: il settecentesco palazzo Giungi-Morolli, il neoclassico palazzo Bedetti e, a breve distanza e in via dei Martiri, palazzo Pecci, in stile neoclassico, un elisir di bellezza e di preziosità storica. Interessante, oltre alla Rocca Malatestiana e agli edifici, è anche il Museo Civico Archeologico, allestito nei locali di un antico convento agostiniano: nelle sale della collezione museale sono esposti pregevoli rinvenimenti archeologici della cultura villanoviana verucchiese. Nelle vicinanze della seconda rocca di Verucchio - detta del Passerello -, invece, c’è la Porta del Passerello, dalla quale può avere inizio un ideale percorso attraverso il borgo lungo le mura di S. Giorgio. Alle pendici dello sperone di roccia su cui si erge Verucchio campeggia una pieve romanica mentre in località Villa Verucchio è da visitare il Convento Francescano: secondo la leggenda, il cenobio sorge sul luogo dove San Francesco d'Assisi avrebbe piantato un bastone attorno al quale nacquero radici e foglie di un cipresso. E il gigantesco cipresso, con tutti i suoi secoli d’età, è tutt’oggi visibile nel chiostro.

Foto principale da www.riviera.rimini.it

Notizie correlate

Vrù (Torino), il borgo dei presepi dove Torino e Pisa si incontrano
Vrù è un piccola frazione di Cantoira, nelle Valli di Lanzo. Si tratta di un un borgo diroccato sulle montagne fermo in cui vivevano i minatori che estraevano il talco. Oltre che per i presepi e per le miniature della Mole di Torino e della Torre di Pisa.
By Antonia Gorgoglione
Puglia: il borgo di Locorotondo, meraviglia della Murgia dei Trulli, terra del vino e dell’olio.
Tra il pittoresco centro storico, gli affacci sulle distese di ulivi e vigneti, il vino bianco Locorotondo DOC, l’olio extravergine di oliva, le orecchiette, gli involtini di trippa e il galletto castrato al forno.
By Luca Sartori
Saint Vincent e Chatillon: i borghi simbolo della Valle d'Aosta
Due meravigliosi borghi che racchiudono tutta l'anima della Valle d'Aosta caratterizzati da attrazioni storiche, culturali, naturalistiche e legate al benessere
By Redazione
Polignano a Mare: bellezza sempre di stagione
Il fascino del mare d'inverno, un’emozione che in Puglia non si può non vivere
By Marino Pagano
Enzo Siciliano e Falerna, bellezze di 'Diamante'
Nel territorio del borgo di Castiglione Marittimo, qui Enzo Siciliano pensa il suo 'Diamante'.
By Marino Pagano
5 borghi romantici per emozioni fra poesia, sogno e realtà
5 borghi romantici, capolavori italiani ricchi di magia e dal fascino secolare che suscitano stupore e meraviglia. Per emozioni indimenticabili e che durano nel tempo
By Luciana Francesca Rebonato