Tutt’intorno, una cinta muraria che custodisce uno scrigno di preziosi e l’originale pavimentazione in pietra
 
CERCA PER ZONA

Montelupone, un borgo collinare medievale in una quinta storica edificata nel tempo e in più epoche.

Tue, 07 Aug 2018
Montelupone, un borgo collinare medievale in una quinta storica edificata nel tempo e in più epoche.

Si staglia a tredici chilometri da Macerata ed è annoverato fra I Borghi più Belli d’Italia. In posizione collinare, Montelupone vanta un centro storico straordinariamente ben conservato e il borgo è caratterizzato da mura castellane, da quattro porte d’ingresso - che nei secoli passati venivano chiuse al tramonto e riaperte all’alba - e dall’originale pavimentazione in pietra conservatasi sino a oggi. La cinta muraria percorre tutto il perimetro del centro storico per circa un chilometro di lunghezza e le torri presenti sono di due tipologie: a pianta rettangolare e a pianta pentagonale, queste ultime a testimonianza dell’avvenuta dominazione malatestiana. Nel centro del borgo si trova il trecentesco Palazzetto del Podestà - o dei Priori - con la torre civica e un loggiato a cinque archi sovrastato da altrettante bifore ogivali poste nel salone principale del piano nobile, che custodisce un affresco devozionale del Cinquecento. Al piano nobile ha sede la Pinacoteca Civica, da visitare insieme al Museo d’Arti e Mestieri Antichi, che ha sede nei sotterranei del Palazzo Comunale. Ottocentesco, il palazzo comunale custodisce il Teatro Storico Nicola Degli Angeli, in stile neoclassico con influenze palladiane mentre palazzo Emiliani custodisce un fregio del pittore Biagio Biagetti, raffigurante le “Quattro stagioni” interpretate attraverso il ciclo vegetativo del grano. Di grande pregio è la chiesa di S. Francesco, eretta per opera della Confraternita francescana nella seconda metà del Duecento e poi rimaneggiata nel tardo-barocco, contenente un coro ligneo settecentesco, quattro statue delle virtù teologali realizzate in stucco nel 1752 e un organo del 1753. Sul suo altare maggiore era collocata la Madonna del latte di Antonio da Faenza - 1525 -, ora ospitata all’interno della chiesa collegiata, che custodisce anche la Cappella dell’Addolorata, ridipinta da Cesare Peruzzi tra il 1934 e il 1941. Icona d’arte a Montelupone è anche la Chiesa di S. Chiara, sede dell’antico convento delle Clarisse ed eretta tra i secoli XV e XVIII, che conserva porte intarsiate nel 1796 da Cristoforo Casari e la grande tela dell’Annunciazione della Vergine, copia del Barocci del XVIII secolo.

COMMENTI :

Notizie correlate

Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di