Tutt’intorno, una cinta muraria che custodisce uno scrigno di preziosi e l’originale pavimentazione in pietra

 
CERCA PER ZONA

Montelupone, un borgo collinare medievale in una quinta storica edificata nel tempo e in più epoche.
Tue, 07 Aug 2018

Montelupone, un borgo collinare medievale in una quinta storica edificata nel tempo e in più epoche.

Si staglia a tredici chilometri da Macerata ed è annoverato fra I Borghi più Belli d’Italia. In posizione collinare, Montelupone vanta un centro storico straordinariamente ben conservato e il borgo è caratterizzato da mura castellane, da quattro porte d’ingresso - che nei secoli passati venivano chiuse al tramonto e riaperte all’alba - e dall’originale pavimentazione in pietra conservatasi sino a oggi. La cinta muraria percorre tutto il perimetro del centro storico per circa un chilometro di lunghezza e le torri presenti sono di due tipologie: a pianta rettangolare e a pianta pentagonale, queste ultime a testimonianza dell’avvenuta dominazione malatestiana. Nel centro del borgo si trova il trecentesco Palazzetto del Podestà - o dei Priori - con la torre civica e un loggiato a cinque archi sovrastato da altrettante bifore ogivali poste nel salone principale del piano nobile, che custodisce un affresco devozionale del Cinquecento. Al piano nobile ha sede la Pinacoteca Civica, da visitare insieme al Museo d’Arti e Mestieri Antichi, che ha sede nei sotterranei del Palazzo Comunale. Ottocentesco, il palazzo comunale custodisce il Teatro Storico Nicola Degli Angeli, in stile neoclassico con influenze palladiane mentre palazzo Emiliani custodisce un fregio del pittore Biagio Biagetti, raffigurante le “Quattro stagioni” interpretate attraverso il ciclo vegetativo del grano. Di grande pregio è la chiesa di S. Francesco, eretta per opera della Confraternita francescana nella seconda metà del Duecento e poi rimaneggiata nel tardo-barocco, contenente un coro ligneo settecentesco, quattro statue delle virtù teologali realizzate in stucco nel 1752 e un organo del 1753. Sul suo altare maggiore era collocata la Madonna del latte di Antonio da Faenza - 1525 -, ora ospitata all’interno della chiesa collegiata, che custodisce anche la Cappella dell’Addolorata, ridipinta da Cesare Peruzzi tra il 1934 e il 1941. Icona d’arte a Montelupone è anche la Chiesa di S. Chiara, sede dell’antico convento delle Clarisse ed eretta tra i secoli XV e XVIII, che conserva porte intarsiate nel 1796 da Cristoforo Casari e la grande tela dell’Annunciazione della Vergine, copia del Barocci del XVIII secolo.

Notizie correlate

Comacchio: il borgo, le anguille e la laguna
Comacchio: magia delle acque nel Delta del Po, da percorrere in barca per assaporarne il ritmo slow per poi dedicarsi alla star del borgo: l‘anguilla. Con tanto di museo dedicato e ben 48 ricette che la vedono protagonista
By Luciana Francesca Rebonato
Vrù (Torino), il borgo dei presepi dove Torino e Pisa si incontrano
Vrù è un piccola frazione di Cantoira, nelle Valli di Lanzo. Si tratta di un un borgo diroccato sulle montagne fermo in cui vivevano i minatori che estraevano il talco. Oltre che per i presepi e per le miniature della Mole di Torino e della Torre di Pisa.
By Antonia Gorgoglione
Puglia: il borgo di Locorotondo, meraviglia della Murgia dei Trulli, terra del vino e dell’olio.
Tra il pittoresco centro storico, gli affacci sulle distese di ulivi e vigneti, il vino bianco Locorotondo DOC, l’olio extravergine di oliva, le orecchiette, gli involtini di trippa e il galletto castrato al forno.
By Luca Sartori
Saint Vincent e Chatillon: i borghi simbolo della Valle d'Aosta
Due meravigliosi borghi che racchiudono tutta l'anima della Valle d'Aosta caratterizzati da attrazioni storiche, culturali, naturalistiche e legate al benessere
By Redazione
Polignano a Mare: bellezza sempre di stagione
Il fascino del mare d'inverno, un’emozione che in Puglia non si può non vivere
By Marino Pagano
Enzo Siciliano e Falerna, bellezze di 'Diamante'
Nel territorio del borgo di Castiglione Marittimo, qui Enzo Siciliano pensa il suo 'Diamante'.
By Marino Pagano

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi