Il borgo di Acquaviva Picena, famoso per la sua rocca e per le tradizionali pajarole, si trova nelle Marche.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Acquaviva Picena: mura fortificate, la rocca e le pajarole

Thu, 19 Jul 2018
Acquaviva Picena: mura fortificate, la rocca e le pajarole

Completamente cinto da mura fortificate, il borgo di Acquaviva Picena – in provincia di Ascoli Piceno - è dominato dalla celebre rocca, capolavoro di architettura militare rinascimentale. La prima costruzione della rocca risale al XIV secolo da parte dei nobili della famiglia Acquaviva, ma è stata poi riedificata nel 1474 su progetto dell’architetto Baccio Pontelli. Presenta una pianta a quadrilatero irregolare, che racchiude un’ampia corte centrale con pozzo e con i vertici rafforzati da torrioni.

Il torrione più alto, il mastio, di forma cilindrica, è alto circa 22 metri. E’ una delle fortezze meglio conservate delle Marche e nel 1907 è stata donata al comune della località. Il borgo di Acquaviva Picena, stretto e lungo, palesa un lungo vicolo che inizia a livello delle mura, passa sotto diversi palazzi e giunge con una scalinata su via Marziale, l'asse principale di Acquaviva.

Da visitare è il Museo delle armi antiche che la fortezza ospita al suo interno: una pregevole raccolta di armi bianche dei secoli XIV-XVIII, inclusi anche alcuni pezzi provenienti da altri continenti. Nell’ampia corte – al cui centro campeggia un pozzo - si svolge annualmente il Palio del duca, rievocazione storica delle nozze di Foresteria d’Acquaviva con la figlia di un nobile della corte di Federico II. Oltre alla rocca, c’è tutto il borgo da esplorare, cui accedere da quattro porte aperte nelle mura castellane: un susseguirsi di significative emergenze romaniche, gotiche e rinascimentali.

Piazza San Nicolò è il baricentro del borgo antico, disposta in forma allungata fra due opposti colli, sulla quale si affacciano la chiesa omonima, del XVI secolo, Casa Rossi Panelli e la Torre Civica. Fra le chiese del borgo spiccano la chiesa di San Lorenzo, contenente un retablo seicentesco, la Chiesa di San Giorgio e la chiesa di Santa Maria delle Palme. Fuori dal centro storico, invece, sorge la chiesa di S. Francesco con l’annesso convento, uno fra i più antichi monasteri delle Marche, ascrivibile al XIII secolo. Attività tradizionale del borgo è la produzione di cesti di paglia, effettuata secondo un metodo tramandato di generazione in generazione. Si tratta delle “pajarole”, i cestini di paglia di frumento tipici di Acquaviva Picena. Scorci di folclore locale da vivere anche con un percorso nel Museo della “Pajarola”.

COMMENTI :

Notizie correlate

Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Aliano, quando un luogo incontra l'anima dello scrittore
Un paesaggio di ispirazione per uno dei personaggi più significativi e importanti del periodo fascista: Carlo Levi.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di