Il borgo di Acquaviva Picena, famoso per la sua rocca e per le tradizionali pajarole, si trova nelle Marche.

 
CERCA PER ZONA

Acquaviva Picena: mura fortificate, la rocca e le pajarole
Thu, 19 Jul 2018

Acquaviva Picena: mura fortificate, la rocca e le pajarole

Completamente cinto da mura fortificate, il borgo di Acquaviva Picena – in provincia di Ascoli Piceno - è dominato dalla celebre rocca, capolavoro di architettura militare rinascimentale. La prima costruzione della rocca risale al XIV secolo da parte dei nobili della famiglia Acquaviva, ma è stata poi riedificata nel 1474 su progetto dell’architetto Baccio Pontelli. Presenta una pianta a quadrilatero irregolare, che racchiude un’ampia corte centrale con pozzo e con i vertici rafforzati da torrioni.

Il torrione più alto, il mastio, di forma cilindrica, è alto circa 22 metri. E’ una delle fortezze meglio conservate delle Marche e nel 1907 è stata donata al comune della località. Il borgo di Acquaviva Picena, stretto e lungo, palesa un lungo vicolo che inizia a livello delle mura, passa sotto diversi palazzi e giunge con una scalinata su via Marziale, l'asse principale di Acquaviva.

Da visitare è il Museo delle armi antiche che la fortezza ospita al suo interno: una pregevole raccolta di armi bianche dei secoli XIV-XVIII, inclusi anche alcuni pezzi provenienti da altri continenti. Nell’ampia corte – al cui centro campeggia un pozzo - si svolge annualmente il Palio del duca, rievocazione storica delle nozze di Foresteria d’Acquaviva con la figlia di un nobile della corte di Federico II. Oltre alla rocca, c’è tutto il borgo da esplorare, cui accedere da quattro porte aperte nelle mura castellane: un susseguirsi di significative emergenze romaniche, gotiche e rinascimentali.

Piazza San Nicolò è il baricentro del borgo antico, disposta in forma allungata fra due opposti colli, sulla quale si affacciano la chiesa omonima, del XVI secolo, Casa Rossi Panelli e la Torre Civica. Fra le chiese del borgo spiccano la chiesa di San Lorenzo, contenente un retablo seicentesco, la Chiesa di San Giorgio e la chiesa di Santa Maria delle Palme. Fuori dal centro storico, invece, sorge la chiesa di S. Francesco con l’annesso convento, uno fra i più antichi monasteri delle Marche, ascrivibile al XIII secolo. Attività tradizionale del borgo è la produzione di cesti di paglia, effettuata secondo un metodo tramandato di generazione in generazione. Si tratta delle “pajarole”, i cestini di paglia di frumento tipici di Acquaviva Picena. Scorci di folclore locale da vivere anche con un percorso nel Museo della “Pajarola”.

Notizie correlate

Vrù (Torino), il borgo dei presepi dove Torino e Pisa si incontrano
Vrù è un piccola frazione di Cantoira, nelle Valli di Lanzo. Si tratta di un un borgo diroccato sulle montagne fermo in cui vivevano i minatori che estraevano il talco. Oltre che per i presepi e per le miniature della Mole di Torino e della Torre di Pisa.
By Antonia Gorgoglione
Puglia: il borgo di Locorotondo, meraviglia della Murgia dei Trulli, terra del vino e dell’olio.
Tra il pittoresco centro storico, gli affacci sulle distese di ulivi e vigneti, il vino bianco Locorotondo DOC, l’olio extravergine di oliva, le orecchiette, gli involtini di trippa e il galletto castrato al forno.
By Luca Sartori
Saint Vincent e Chatillon: i borghi simbolo della Valle d'Aosta
Due meravigliosi borghi che racchiudono tutta l'anima della Valle d'Aosta caratterizzati da attrazioni storiche, culturali, naturalistiche e legate al benessere
By Redazione
Polignano a Mare: bellezza sempre di stagione
Il fascino del mare d'inverno, un’emozione che in Puglia non si può non vivere
By Marino Pagano
Enzo Siciliano e Falerna, bellezze di 'Diamante'
Nel territorio del borgo di Castiglione Marittimo, qui Enzo Siciliano pensa il suo 'Diamante'.
By Marino Pagano
5 borghi romantici per emozioni fra poesia, sogno e realtà
5 borghi romantici, capolavori italiani ricchi di magia e dal fascino secolare che suscitano stupore e meraviglia. Per emozioni indimenticabili e che durano nel tempo
By Luciana Francesca Rebonato