Il borgo di Acquaviva Picena, famoso per la sua rocca e per le tradizionali pajarole, si trova nelle Marche.
 
CERCA PER ZONA

Acquaviva Picena: mura fortificate, la rocca e le pajarole

Thu, 19 Jul 2018
Acquaviva Picena: mura fortificate, la rocca e le pajarole

Completamente cinto da mura fortificate, il borgo di Acquaviva Picena – in provincia di Ascoli Piceno - è dominato dalla celebre rocca, capolavoro di architettura militare rinascimentale. La prima costruzione della rocca risale al XIV secolo da parte dei nobili della famiglia Acquaviva, ma è stata poi riedificata nel 1474 su progetto dell’architetto Baccio Pontelli. Presenta una pianta a quadrilatero irregolare, che racchiude un’ampia corte centrale con pozzo e con i vertici rafforzati da torrioni.

Il torrione più alto, il mastio, di forma cilindrica, è alto circa 22 metri. E’ una delle fortezze meglio conservate delle Marche e nel 1907 è stata donata al comune della località. Il borgo di Acquaviva Picena, stretto e lungo, palesa un lungo vicolo che inizia a livello delle mura, passa sotto diversi palazzi e giunge con una scalinata su via Marziale, l'asse principale di Acquaviva.

Da visitare è il Museo delle armi antiche che la fortezza ospita al suo interno: una pregevole raccolta di armi bianche dei secoli XIV-XVIII, inclusi anche alcuni pezzi provenienti da altri continenti. Nell’ampia corte – al cui centro campeggia un pozzo - si svolge annualmente il Palio del duca, rievocazione storica delle nozze di Foresteria d’Acquaviva con la figlia di un nobile della corte di Federico II. Oltre alla rocca, c’è tutto il borgo da esplorare, cui accedere da quattro porte aperte nelle mura castellane: un susseguirsi di significative emergenze romaniche, gotiche e rinascimentali.

Piazza San Nicolò è il baricentro del borgo antico, disposta in forma allungata fra due opposti colli, sulla quale si affacciano la chiesa omonima, del XVI secolo, Casa Rossi Panelli e la Torre Civica. Fra le chiese del borgo spiccano la chiesa di San Lorenzo, contenente un retablo seicentesco, la Chiesa di San Giorgio e la chiesa di Santa Maria delle Palme. Fuori dal centro storico, invece, sorge la chiesa di S. Francesco con l’annesso convento, uno fra i più antichi monasteri delle Marche, ascrivibile al XIII secolo. Attività tradizionale del borgo è la produzione di cesti di paglia, effettuata secondo un metodo tramandato di generazione in generazione. Si tratta delle “pajarole”, i cestini di paglia di frumento tipici di Acquaviva Picena. Scorci di folclore locale da vivere anche con un percorso nel Museo della “Pajarola”.

COMMENTI :

Notizie correlate

Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformido col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di