Un giro in Irpinia tra Lauro, Gesualdo e Montemiletto
 
CERCA PER ZONA

Irpinia: tre castelli, tre borghi

Sat, 23 Jun 2018
Irpinia: tre castelli, tre borghi

I castelli sono il segno dei borghi. Un paese si costruiva perché bisognava difendersi e in un certo senso isolarsi. Il castello sigla queste necessità. Oggi abbiamo un'idea romantica dei paesi e dei borghi. Una volta le prerogative di difesa erano preponderanti. Una storia in gran parte ancora da conoscere. Una storia che, specie al Sud, segue le dominazioni subite in questa parte della penisola. Furono soprattutto i Longobardi a volere i paesi così, attorno alle alture.

Per tornare a questa storia, vi proponiamo un tour attraverso tre castelli tutti da visitare.
Campania, insomma. Provincia di Avellino.

Partiamo da Lauro, terra dove il castello è "re" in un territorio semplice. Quando la catena del Partenio guarda ormai sempre più concretamente all'area partenopea, ecco che il vallo di Lauro, con i suoi omonimi monti, segna uno dei territori di confine tra le due province di Avellino e Napoli. Ed ecco la cittadina di Lauro, vista da una delle alture della zona. Questa è un'Irpinia semplice, estremamente rurale. Eppure, maestoso s'eleva il Castello Lancellotti, datato con certezza al XIII secolo ma con probabili prodromi di qualche secolo prima. È un valido motivo per seguire i solchi, anche d'intorno selvaggi e incolti, di questo particolare angolo campano, sconosciuto alle tracce turistiche di massa e forse, proprio per questo, incontaminato e arcaicamente puro. Da qui, anche dalla vicina Taurano, si ammira con trasporto il panorama verso il golfo di Napoli e il Vesuvio. L'antica capitale del Sud è lì, dominante la vista e le emozioni.

Spostandoci non poco, andiamo a conoscere il fascino del castello di Gesualdo.
Sempre provincia avellinese.

Catello di Gesualdo

Ecco appunto la bella cittadina di Gesualdo, con il suo celebre maniero. Il castello è stato il centro di potere della famiglia dei Gesualdo, che proprio da questo paese prese e derivò il nome. Fu la casa del principe Carlo Gesualdo, tra i padri della musica polifonica. Uomo legatissimo a Venosa (Pz), città dove nacque e di cui era feudatario. Qui il castello è ancora il vero principe del territorio. Tanti gli eventi che vi si organizzano, specie in nome della musica e del teatro. Gesualdo e Venosa sono unite proprio in onore dell'arte e della musica stessa. Il castello è maestoso, s'erge imperioso.

Castello di montemiletto

C'è poi un tesoro nascosto a Montemiletto (ancora Av). Qui siamo più vicini al capoluogo provinciale, ma anche Benevento non è lontana. Il borgo vanta un curioso e suggestivo castello, detto "Della Leonessa" dal nome degli storici feudatari. Il paese domina la valle dei fiumi Calore e Sabato, famosi fiumi campani e irpini. Un maniero che ospitò due volte Carlo III di Borbone. È stato recentemente restaurato. Montemiletto, Irpinia semplice e ben curata.

Piccoli tesori nascosti, insomma.

Un'Irpinia ormai amata dal turismo colto. Non resta che proseguire su questa strada.

Andateci, andiamoci.

Foto di Paky Cassano

Notizie correlate

Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di