Il Ricetto di Candelo: realtà rurale medievale piemontese ai giorni nostri, dalle attrattive votive, naturalistiche ed enogastronomiche. Luogo di protezione dei beni del popolo candelese. Abitazione del feudatario Sebastiano Ferrero dal 1496.

 
CERCA PER ZONA

Il Ricetto Medievale di Candelo

Il Ricetto Medievale di Candelo

Il Ricetto di Candelo, in provincia di Biella, immerso nella campagna piemontese suggerisce l'idea e le emozioni di un mondo rurale lontano nel tempo e perduto. Ricetto deriva dal latino receptum, rifugio: luogo difeso e cinto da fortificazioni.

Tra i borghi più affascinanti del Piemonte Medievale fu edificato dal popolo candelese su un terreno della signoria locale dei Vialardi, allo scopo di difendere i beni della comunità come vino e granaglie, e proteggere persone durante i periodi di guerre.Il Ricetto non fu mai abitato stabilmente, ed ebbe la funzione di cantina comunitaria depositatrice anche di prodotti agricoli e bestiame.

Grazie alla sua matrice contadina si è conservato fino ai giorni nostri mantenendo la struttura originaria. A pianta semipentagonale, comprende all'interno duecento cantine museali appartenenti a privati, ad associazioni candelesi e al comune. L'entrata dalla Torre Porta immerge nel Medioevo rurale e reale, della gente comune e della vita quotidiana.

La Torre del Principe sulla destra, fu l'abitazione di Sebastiano Ferrero (1438-1519) feudatario di Candelo per merito del duca Filippo di Savoia dal 1496, fu anche consigliere di Stato e tesoriere generale del Ducato di Milano sotto il dominio francese. Sulla sinistra l' Ecomuseo della Vitivinicoltura,che conserva il patrimonio culturale rurale dei candelesi e illustra la storia del loro rapporto con l'ambiente circostante, la Sala Cerimonie e il Museo del Vino. Presso il Ricetto di Candelo è possibile svolgere diversi itinerari molto interessanti ed istruttivi religiosi, ecologici ed enogastronomici: affreschi votivi, la Passeggiata degli Alpini e le storiche osterie e trattorie. Suggestiva la Passeggiata Romantica fuori possenti mura.

Eventi


Notizie correlate

Vrù (Torino), il borgo dei presepi dove Torino e Pisa si incontrano
Vrù è un piccola frazione di Cantoira, nelle Valli di Lanzo. Si tratta di un un borgo diroccato sulle montagne fermo in cui vivevano i minatori che estraevano il talco. Oltre che per i presepi e per le miniature della Mole di Torino e della Torre di Pisa.
By Antonia Gorgoglione
Puglia: il borgo di Locorotondo, meraviglia della Murgia dei Trulli, terra del vino e dell’olio.
Tra il pittoresco centro storico, gli affacci sulle distese di ulivi e vigneti, il vino bianco Locorotondo DOC, l’olio extravergine di oliva, le orecchiette, gli involtini di trippa e il galletto castrato al forno.
By Luca Sartori
Saint Vincent e Chatillon: i borghi simbolo della Valle d'Aosta
Due meravigliosi borghi che racchiudono tutta l'anima della Valle d'Aosta caratterizzati da attrazioni storiche, culturali, naturalistiche e legate al benessere
By Redazione
Polignano a Mare: bellezza sempre di stagione
Il fascino del mare d'inverno, un’emozione che in Puglia non si può non vivere
By Marino Pagano
Enzo Siciliano e Falerna, bellezze di 'Diamante'
Nel territorio del borgo di Castiglione Marittimo, qui Enzo Siciliano pensa il suo 'Diamante'.
By Marino Pagano
5 borghi romantici per emozioni fra poesia, sogno e realtà
5 borghi romantici, capolavori italiani ricchi di magia e dal fascino secolare che suscitano stupore e meraviglia. Per emozioni indimenticabili e che durano nel tempo
By Luciana Francesca Rebonato