Il Ricetto di Candelo: realtà rurale medievale piemontese ai giorni nostri, dalle attrattive votive, naturalistiche ed enogastronomiche. Luogo di protezione dei beni del popolo candelese. Abitazione del feudatario Sebastiano Ferrero dal 1496.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Il Ricetto Medievale di Candelo

Il Ricetto Medievale di Candelo

Il Ricetto di Candelo, in provincia di Biella, immerso nella campagna piemontese suggerisce l'idea e le emozioni di un mondo rurale lontano nel tempo e perduto. Ricetto deriva dal latino receptum, rifugio: luogo difeso e cinto da fortificazioni.

Tra i borghi più affascinanti del Piemonte Medievale fu edificato dal popolo candelese su un terreno della signoria locale dei Vialardi, allo scopo di difendere i beni della comunità come vino e granaglie, e proteggere persone durante i periodi di guerre.Il Ricetto non fu mai abitato stabilmente, ed ebbe la funzione di cantina comunitaria depositatrice anche di prodotti agricoli e bestiame.

Grazie alla sua matrice contadina si è conservato fino ai giorni nostri mantenendo la struttura originaria. A pianta semipentagonale, comprende all'interno duecento cantine museali appartenenti a privati, ad associazioni candelesi e al comune. L'entrata dalla Torre Porta immerge nel Medioevo rurale e reale, della gente comune e della vita quotidiana.

La Torre del Principe sulla destra, fu l'abitazione di Sebastiano Ferrero (1438-1519) feudatario di Candelo per merito del duca Filippo di Savoia dal 1496, fu anche consigliere di Stato e tesoriere generale del Ducato di Milano sotto il dominio francese. Sulla sinistra l' Ecomuseo della Vitivinicoltura,che conserva il patrimonio culturale rurale dei candelesi e illustra la storia del loro rapporto con l'ambiente circostante, la Sala Cerimonie e il Museo del Vino. Presso il Ricetto di Candelo è possibile svolgere diversi itinerari molto interessanti ed istruttivi religiosi, ecologici ed enogastronomici: affreschi votivi, la Passeggiata degli Alpini e le storiche osterie e trattorie. Suggestiva la Passeggiata Romantica fuori possenti mura.

COMMENTI :

Eventi a Ricetto di Candelo


Notizie correlate

Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di