Siamo a Castelvecchio di Rocca Barbena (Sv) a pochi km dalle più rinomate località turistiche del ponente ligure. Siamo in un borgo dove il turista, l'ercursionista, il residente e il "mi scusi, mi son perso" ritrovano il sentiero di sè stessi.
 
CERCA PER ZONA

Tra verdi rampicanti e profumati piatti

Mon, 14 May 2018
Tra verdi rampicanti e profumati piatti

Castelvecchio di Rocca Barbena si è presentato a me ed io a lui come chi nella propria casa invita ed è invitato in essa: accogliente, gentile, rispettoso, e nel frastuono del silenzio raggiante alle luci del mezzogiorno gustosamente fresco.

Chi arriva in auto può parcheggiare all'ingresso del borgo, dove una piazzuola dà il benvenuto al forestiero, e percorrendo una breve discesa scalinata che attraversa casette, orti e graditi profumi culinari raggiungengere la piazza centrale sulla quale sono affacciate -da poco meno di mille anni- abitazioni in pietra su uno e due livelli, talvota protette da moderni tetti rossi che ben si sposano con il grigio del loco. Comignoli, tetti e terrazzini svolazzanti al sole e al vento tiepido di primavera par che facciano da cornice al castello, che posto sulle alture del borgo ammira il rurale paesaggio e quello antropizzato. E mentre ammiro tutto questo mi viene in mente l'artigiano leopardiano che con l'opra in man, cantando, fassi in su l'uscio..

Dalla piazza si imbocca una stradina (o carrugio come si dice in LIguria), sormontata da archi che uniscono le pareti laterali, lungo la quale -così come in altri carrugi- la presenza di portoncini nuovi, vecchi e restaurati mi fa pensare a chi vi abita, a chi vi ha abitato e a chi ritorna.

I passi di chi ritorna credo che siano come quelli che ho sentito camminando lungo il borgo: silenziosi e affaccendati, chi nel proprio magazzino lavorava a porte aperte; silenziosi e affaticati, chi dal borgo andava o in esso vi giungeva con pedule e borracce da riempire lungo il trek; affettuosi e silenziosi, chi camminava come me.

Dal carrugio si arriva in uno slargo dove il grigio della pietra viene piacevolmente coperto dal verde della vegetazione, il quale si arrampica su muretti, balconi, terrazze, che unito agli alberi, che accompagnano i passi lungo la strada che conduce alla chiesa, dona al visitatore una gentile tranquillità. Da qui lo spazio si allarga verso la vallata che conduce agli orti, agli uliveti, ai sentieri che portano verso altri borghi, al mare. Da qui lo sguardo si orienta, giunta l'ora che volge al buon pranzo, verso un posticino grazioso e ospitale, al sapor dei prodotti del borgo.

 

COMMENTI :

Notizie correlate

Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformido col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di