Siamo a Castelvecchio di Rocca Barbena (Sv) a pochi km dalle più rinomate località turistiche del ponente ligure. Siamo in un borgo dove il turista, l'ercursionista, il residente e il "mi scusi, mi son perso" ritrovano il sentiero di sè stessi.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Tra verdi rampicanti e profumati piatti

Mon, 14 May 2018
Tra verdi rampicanti e profumati piatti

Castelvecchio di Rocca Barbena si è presentato a me ed io a lui come chi nella propria casa invita ed è invitato in essa: accogliente, gentile, rispettoso, e nel frastuono del silenzio raggiante alle luci del mezzogiorno gustosamente fresco.

Chi arriva in auto può parcheggiare all'ingresso del borgo, dove una piazzuola dà il benvenuto al forestiero, e percorrendo una breve discesa scalinata che attraversa casette, orti e graditi profumi culinari raggiungengere la piazza centrale sulla quale sono affacciate -da poco meno di mille anni- abitazioni in pietra su uno e due livelli, talvota protette da moderni tetti rossi che ben si sposano con il grigio del loco. Comignoli, tetti e terrazzini svolazzanti al sole e al vento tiepido di primavera par che facciano da cornice al castello, che posto sulle alture del borgo ammira il rurale paesaggio e quello antropizzato. E mentre ammiro tutto questo mi viene in mente l'artigiano leopardiano che con l'opra in man, cantando, fassi in su l'uscio..

Dalla piazza si imbocca una stradina (o carrugio come si dice in LIguria), sormontata da archi che uniscono le pareti laterali, lungo la quale -così come in altri carrugi- la presenza di portoncini nuovi, vecchi e restaurati mi fa pensare a chi vi abita, a chi vi ha abitato e a chi ritorna.

I passi di chi ritorna credo che siano come quelli che ho sentito camminando lungo il borgo: silenziosi e affaccendati, chi nel proprio magazzino lavorava a porte aperte; silenziosi e affaticati, chi dal borgo andava o in esso vi giungeva con pedule e borracce da riempire lungo il trek; affettuosi e silenziosi, chi camminava come me.

Dal carrugio si arriva in uno slargo dove il grigio della pietra viene piacevolmente coperto dal verde della vegetazione, il quale si arrampica su muretti, balconi, terrazze, che unito agli alberi, che accompagnano i passi lungo la strada che conduce alla chiesa, dona al visitatore una gentile tranquillità. Da qui lo spazio si allarga verso la vallata che conduce agli orti, agli uliveti, ai sentieri che portano verso altri borghi, al mare. Da qui lo sguardo si orienta, giunta l'ora che volge al buon pranzo, verso un posticino grazioso e ospitale, al sapor dei prodotti del borgo.

 

COMMENTI :

Notizie correlate

Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel

Piú letti del mese

L’altra Toscana: viaggio nei borghi dell’immediato entroterra e sulle isole
L’altra Toscana: viaggio nei borghi dell’immediato entroterra e sulle isole
La Toscana è una regione ricca di infiniti tesori storico-architettonici e naturali, dove si incontrano borghi di rara bellezza
By Simona PK Daviddi
Itinerario tra 5 dei più suggestivi borghi della Sardegna settentrionale
Itinerario tra 5 dei più suggestivi borghi della Sardegna settentrionale
Da Olbia a Porto Torres, un itinerario che ci porterà alla scoperta di cinque fantastici borghi sardi tra mare ed entroterra
By Redazione
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Da Cavo a Cavo, un itinerario lungo le coste e i centri abitati della più importante isola della Toscana
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
Un itinerario oltreconfine che saprà regalare momenti indimenticabili tra mare, natura, relax, andando alla scoperta di 5 borghi della Corsica
By Redazione
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di