Gravina in Puglia gioiello dell'Alta Murgia tra archeologia, devozione, tradizioni culinarie e festività. Città natale di Papa Benedetto XIII recentemente beatificato, ricca di chiese rupestri.

 
CERCA PER ZONA

Gravina in Puglia: gioiello dell'Alta Murgia tra archeologia e devozione
Thu, 03 May 2018

Gravina in Puglia: gioiello dell'Alta Murgia tra archeologia e devozione

Gravina in Puglia, provincia di Bari, sita nel cuore della verdeggiante campagna dell'Alta Murgia, è arroccata sul ciglio di un crepaccio profondo. La Gravina sotterranea è un mondo segreto con innumerevoli tesori: grotte, abitazioni preistoriche, chiese rupestri affrescate, antiche cantine, cunicoli, acquedotti e cisterne scavati in tufo e calcarenite.

L'interessante Museo Pomarici-Santomasi conserva gli affreschi della cripta rupestre di San Vito Vecchio al piano terra, e altri reperti nella sezione delle ceramiche, numismatica e archeologica.

A Gravina domina la cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta, dalla quale si gode una magnifica vista del paese. Dinnanzi alla cattedrale Piazza Papa Benedetto XIII con la statua a lui dedicata.

Papa Benedetto XIII (1650-1730) nato a Gravina dalla famiglia Orsini, celebrò il Giubileo nel 1725, ed è stato beatificato all'inizio del 2017: il paese si sta preparando al grande evento della sua futura santificazione. Dalla piazza scendendo le scalinate tra quartieri antichi, case medievali si raggiungono le chiese rupestri: la più grande è quella di San Michele, patrono di Gravina, festeggiato il 29 settembre, tra bellissime luminarie e fuochi d'artificio.

Arrivati alla stazione di Gravina è ammirabile il Santuario Madonna della Grazia dalla stupenda facciata unica nel suo genere: una maestosa aquila reale dalle ali spiegate e un grande rosone al centro. Nell'occhio dell'aquila un pezzo di cristallo attira lo sguardo dei visitatori per i riverberi dei raggi solari.

Gravina ha molte specialità culinarie, tra le quali la Verdeca, un tipico vino frizzante dolce verdognolo, e il Pallone, un grosso formaggio tondo dal sapore simile al provolone.

Notizie correlate

Comacchio: il borgo, le anguille e la laguna
Comacchio: magia delle acque nel Delta del Po, da percorrere in barca per assaporarne il ritmo slow per poi dedicarsi alla star del borgo: l‘anguilla. Con tanto di museo dedicato e ben 48 ricette che la vedono protagonista
By Luciana Francesca Rebonato
Vrù (Torino), il borgo dei presepi dove Torino e Pisa si incontrano
Vrù è un piccola frazione di Cantoira, nelle Valli di Lanzo. Si tratta di un un borgo diroccato sulle montagne fermo in cui vivevano i minatori che estraevano il talco. Oltre che per i presepi e per le miniature della Mole di Torino e della Torre di Pisa.
By Antonia Gorgoglione
Puglia: il borgo di Locorotondo, meraviglia della Murgia dei Trulli, terra del vino e dell’olio.
Tra il pittoresco centro storico, gli affacci sulle distese di ulivi e vigneti, il vino bianco Locorotondo DOC, l’olio extravergine di oliva, le orecchiette, gli involtini di trippa e il galletto castrato al forno.
By Luca Sartori
Saint Vincent e Chatillon: i borghi simbolo della Valle d'Aosta
Due meravigliosi borghi che racchiudono tutta l'anima della Valle d'Aosta caratterizzati da attrazioni storiche, culturali, naturalistiche e legate al benessere
By Redazione
Polignano a Mare: bellezza sempre di stagione
Il fascino del mare d'inverno, un’emozione che in Puglia non si può non vivere
By Marino Pagano
Enzo Siciliano e Falerna, bellezze di 'Diamante'
Nel territorio del borgo di Castiglione Marittimo, qui Enzo Siciliano pensa il suo 'Diamante'.
By Marino Pagano
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi