A San Marco in Lamis una tradizione che si rinnova
 
CERCA PER ZONA

Con le fracchie si accende la passione nel Gargano

Wed, 28 Mar 2018
Con le fracchie si accende la passione nel Gargano

Tempo di Passione, tempo di Settimana Santa in Puglia. La regione, come tutto il Sud, si caratterizza per riti antichi, ancestrali, perfettamente inseriti nel clima austero dei momenti legati alla morte di Cristo.

Santuario di San Matteo evangelista (anno 1000 c.a)
Santuario di San Matteo evangelista (anno 1000 c.a) - Foto San Marco in Lamis (Facebook)

Siamo a San Marco in Lamis, interno foggiano del Gargano, terra di lavoro e pastorizia, oggi in crescita con non poche difficoltà. Ma terra anche volitiva, che crede nella bellezza e nella cultura come strumenti di riscatto. Terra anche di devozioni, come quella che si ospita nel santuario di Santa Maria di Stignano. Per non parlare del famoso convento francescano di San Matteo, storico ricovero per le genti abruzzesi e molisane in pellegrinaggio verso la grotta di San Michele a Monte Sant’Angelo. Ma veniamo a cosa accade durante la Settimana Santa.

Le Fracchie - Foto di Roberto D'Agostino
Foto di Roberto D'Agostino

Ecco le cosiddette "fracchie" di San Marco, centinaia di fuochi che la notte del Venerdi Santo, già dal XVIII secolo, si accendono nelle strade del paese. Si tratta di grandi torce di legno che accompagnano la Madonna Addolorata e al contempo illuminano, con grande suggestione, le stradine del borgo. Davvero uno dei riti più noti in questi giorni, non solo al Sud ma anche in tutta l'Italia.

Tra '700 e '800 il culto all'Addolorata crebbe sempre più e così anche la confraternita dedicata si organizzò con maggior forza. Dapprima piccole, le torce sono poi cresciute fino all'attuale dimensione. Alla processione dell'Addolorata sono attestate dal 1824. Sono state pensate per offrire luce ai fedeli che dalla chiesetta costruita in onore della Vergine giungevano in città. Poi è arrivata l'illuminazione ma il culto non si è mosso e così la tradizione continua.

Fracchie a San Marco in Lamis

Sono nate le fracchie su ruota, in dimensioni notevoli ma regolamentate dopo qualche problema di ordine e sicurezza nei primi decenni del XX secolo. Il paese, in cui altamente consigliato è un giro nel quartiere storico originario detto La Padula, prepara con grande partecipazione l'evento. Associazioni culturali, amministrazione e chiesa locale: un insieme di fede e amore comunitario. Quest'anno, all'edificio Balilla, sarà allestita una mostra storica sulle fracchie, con la presenza artistica dei Madonnari dell'Accademia napoletana.Importante sarà anche il contributo del comitato della Via Crucis Vivente di San Marco, con personaggi in abiti d'epoca.

La cittadina foggiana merita una di quelle visite capaci di penetrare la realtà culturale e storica di un luogo. L'occasione che si presenta in questi particolari giorni dell'anno è decisamente delle migliori.

COMMENTI :

Notizie correlate

Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformido col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di