Altavilla Irpina è un borgo antico che si affaccia sul massiccio del Partenio, nel cuore della verde Irpinia.
 
CERCA PER ZONA

Altavilla Irpina: un borgo antico

Sat, 20 Jan 2018
Altavilla Irpina: un borgo antico

Ubicata nel cuore della verde Irpinia, a mt 340 s.l.m. nella media valle del Sabato, tra i capoluoghi di Avellino e Benevento. L'abitato si impone sulla valle del fiume Sabato distribuito su tre colli : Torone, Ripe e Foresta. Il borgo di Altavilla ha origini molto antiche; la zona presentava diversi insediamenti già a partire dall'Età del Ferro, come testimoniano i numerosi reperti ritrovati nel corso degli anni e custoditi, ad oggi, nel Museo Civico della Gente senza Storia, ubicato nel Palazzo dei Verginiani, antico monastero costruito nel 1691, nonché sede dell'amministrazione comunale. 

L'area in questione era già nota a Virgilio : ne troviamo, infatti, una citazione dell'Eneide con il nome di Poetilia. Tuttavia non si tratta dell'unico riferimento letterario: secoli dopo, nel 1881, Giovanni Verga ambienterà, proprio ad Altavilla Irpina, il suo romanzo Il marito di Elena. 

Nel 1183 risalgono le prime testimonianze relative alla Collegiata Chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo. Dal 2003 la chiesa è diventata Santuario Diocesano e luogo privilegiato per il culto dei Santi Pellegrino e Alberico Crescitelli, quest'ultimo missionario altavillese che fu martire in Cina e le sue reliquie sono custodite nella Casa Museo a lui dedicata. 

Dopo un breve periodo di dominio militare, Bartolomeo I De Capua, importante uomo politico, letterato e giureconsulto, acquista il feudo dando vita ad una dinastia che durò fino alla sua morte nel 1792. Tuttavia, proprio uno dei rampolli di casa De Capua, tale Andrea I, consorte in seconde nozze di Costanza di Chiaromonte, ex moglie e regina ripudiata di Ladislao d'Angiò Durazzo, ebbe il merito della costruzione del magnifico Palazzo Baronale, sorto sui resti di un antico castello. Costanza di Chiaromonte, tuttavia, non fu l'unico personaggio femminile ad avere lasciato un segno nelle pagine di storia del paese; pare, infatti, che proprio ad Altavilla Irpina , durante un lungo viaggio verso Milano, Costanza d'Altavilla abbia incontrato il suo futuro sposo ed erede dell'impero Germanico, Enrico VI. Ancora oggi in memoria di Costanza d'Altavilla, il 18 agosto di ogni anno si svolge il Palio dell'Anguria, un torneo in costume medievale durante il quale coraggiosi cavalieri a dorso di indomiti asinelli tentano con ogni mezzo, di condurre sana e salva una grossa anguria ai piedi della regina Costanza.

Il mese di agosto si arricchisce di un'altra suggestiva manifestazione che cade il 24 del mese, data in cui si tiene la festa di San Pellegrino, il cui culto risale al 1780. Dopo l'ingresso delle reliquie in paese si sarebbero verificati una serie di eventi miracolosi, che in breve, diffusero la fama del Santo, sino all'istituzione della festa dei Battenti, una processione molto sentita dai fedeli che, di bianco vestiti con fascia rossa sul petto e a piedi scalzi, dalle province circostanti dell'Avellinese raggiungono Altavilla Irpina. 

Quando, nel 1866, a valle dell'abitato furono scoperti importanti giacimenti di zolfo, l'attività estrattiva portò ad Altavilla un forte sviluppo economico e sociale. Solo due anni dopo, nel 1868, si realizzò uno stabilimento industriale del quale oggi si possono ammirare i corpi di fabbrica, dove si conservano i forni di fusione e i moli a turbina. L'attività di estrazione si concluse nel 1981, e attualmente dell'imponente impianto industriale resta attiva solo una parte che produce zolfi per l'agricoltura, usati come fertilizzanti e correttivi. 

Altavilla Irpina: un borgo antico! 

COMMENTI :

Notizie correlate

Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformido col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di