Descrizione del piccolo borgo umbro di Montefalco. Una piccola perla tra le colline Umbre
 
CERCA PER ZONA

Il borgo incantato di Montefalco

Sat, 02 Sep 2017
Il borgo incantato di Montefalco

Il borgo incantato di Montefalco sorge su una piccola collina, dalla strada ti appare sornione, chiuso come un'ostrica da aprire. Gode di un panorama bellissimo, fatto di vigneti curati come tappeti persiani, campanili di piccole chiese che fanno capolino... esso spazia da Perugia a Spoleto.

Montefalco va trovato, va cercato, va studiato, questo piccolo borgo di 7000 mila abitanti circa, custodisce tesori artistici inestimabili (come il ciclo pittorico di Benozzo Gozzoli nella chisa di San Francesco) e da il nome ad uno dei più famosi vini pregiati italiani, il Sagrantino di Montefalco.

Il suo nome deriva da Federico secondo di Svevia, che notò la numerosa concentrazione di falchi nella zona, da qui apppunto Montefalco. Una volta parcheggiata la macchina, nell'inaspettato enorme parcheggio, incontriamo la prima pelle della città, ovvero le sue mura e le sue porte, tra cui la porta di Sant’Agostino e la torre merlata del Verziere che da secoli guarda e difende l'ingresso nel borgo.

L'ho definito incantato perchè nel momento in cui ho visitato il borgo, proprio da qui, era passato il giro d'Italia, un tripudio di fiori rosa acceso indava la via maestra, i ristoranti, i palazzi e le finestre, creando una cornice da quadro a questo paesino. Mi suona di ricercato, simile ad una pietra preziosa levigata in ogni suo aspetto, curato in ogni angolo, questa è la sensazione che ho provato camminando per i vicoli di questo paesino. Il sole di Maggio si rifletteva in piazza del comune ed esaltava la bellezza del duecententesco palazzo comunale, a mio avviso uno dei palazzi più belli d'italia.

Il percorso aristico è illimitato, nonostante il piccolo borgo, le opere sono di carattere internazionale, ci si può perdere nel complesso museale della chiesa di Sant’Agostino che al prezzo di 7 euro, ci offre incredibili opere del Perugino, Melanzio, pittore nativo proprio di Montefalco, e la bellissima cappella affescata da Benozzo Gozzoli, pittore Fiorentino che con un ciclo di affreschi dedicato alla vita di San Francesco, ha lasciato un importantissima impronta rinascimentale. L'altra chiesa degna d'importanza è la chiesa di Santa Chiara da Montefalco, che conserva il corpo della santa ed è decorata da affreschi di scuola umbra. Per riprenderci possiamo sederci e gustare le prelibatezze offerte da molti ristorantini tipici lungo la via maestra del paesino. I ristoranti, sono piccoli inglobati nelle case, quindi bisogna affrettarsi nel sceglierli, quasi tutti hanno un retro, da cui si gode un panorama meraviglioso sulle colline umbre.

Assolutamente da non perdere le bruschette, per assaggiare l'olio che viene prodotto a chilometro zero, e il miele sempre originario del posto, su deliziosi formaggi. Qui a mezza via tra Assisi e Spoleto, ci sono tutti i necessari per passare un weekend all'insegna dell'arte e della buona cucina. Resterete incantati dalla precisione con cui viene gestito questo borgo ricco di storia.

COMMENTI :

Notizie correlate

Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Positano tra leggende, spiaggette incantevoli e moda
Ecco qualche curiosità sulla perla della Costiera Amalfitana
By Redazione
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformido col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di