Descrizione del piccolo borgo umbro di Montefalco. Una piccola perla tra le colline Umbre
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Il borgo incantato di Montefalco

Sat, 02 Sep 2017
Il borgo incantato di Montefalco

Il borgo incantato di Montefalco sorge su una piccola collina, dalla strada ti appare sornione, chiuso come un'ostrica da aprire. Gode di un panorama bellissimo, fatto di vigneti curati come tappeti persiani, campanili di piccole chiese che fanno capolino... esso spazia da Perugia a Spoleto.

Montefalco va trovato, va cercato, va studiato, questo piccolo borgo di 7000 mila abitanti circa, custodisce tesori artistici inestimabili (come il ciclo pittorico di Benozzo Gozzoli nella chisa di San Francesco) e da il nome ad uno dei più famosi vini pregiati italiani, il Sagrantino di Montefalco.

Il suo nome deriva da Federico secondo di Svevia, che notò la numerosa concentrazione di falchi nella zona, da qui apppunto Montefalco. Una volta parcheggiata la macchina, nell'inaspettato enorme parcheggio, incontriamo la prima pelle della città, ovvero le sue mura e le sue porte, tra cui la porta di Sant’Agostino e la torre merlata del Verziere che da secoli guarda e difende l'ingresso nel borgo.

L'ho definito incantato perchè nel momento in cui ho visitato il borgo, proprio da qui, era passato il giro d'Italia, un tripudio di fiori rosa acceso indava la via maestra, i ristoranti, i palazzi e le finestre, creando una cornice da quadro a questo paesino. Mi suona di ricercato, simile ad una pietra preziosa levigata in ogni suo aspetto, curato in ogni angolo, questa è la sensazione che ho provato camminando per i vicoli di questo paesino. Il sole di Maggio si rifletteva in piazza del comune ed esaltava la bellezza del duecententesco palazzo comunale, a mio avviso uno dei palazzi più belli d'italia.

Il percorso aristico è illimitato, nonostante il piccolo borgo, le opere sono di carattere internazionale, ci si può perdere nel complesso museale della chiesa di Sant’Agostino che al prezzo di 7 euro, ci offre incredibili opere del Perugino, Melanzio, pittore nativo proprio di Montefalco, e la bellissima cappella affescata da Benozzo Gozzoli, pittore Fiorentino che con un ciclo di affreschi dedicato alla vita di San Francesco, ha lasciato un importantissima impronta rinascimentale. L'altra chiesa degna d'importanza è la chiesa di Santa Chiara da Montefalco, che conserva il corpo della santa ed è decorata da affreschi di scuola umbra. Per riprenderci possiamo sederci e gustare le prelibatezze offerte da molti ristorantini tipici lungo la via maestra del paesino. I ristoranti, sono piccoli inglobati nelle case, quindi bisogna affrettarsi nel sceglierli, quasi tutti hanno un retro, da cui si gode un panorama meraviglioso sulle colline umbre.

Assolutamente da non perdere le bruschette, per assaggiare l'olio che viene prodotto a chilometro zero, e il miele sempre originario del posto, su deliziosi formaggi. Qui a mezza via tra Assisi e Spoleto, ci sono tutti i necessari per passare un weekend all'insegna dell'arte e della buona cucina. Resterete incantati dalla precisione con cui viene gestito questo borgo ricco di storia.

COMMENTI :

Notizie correlate

Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, armonia e well-being
Castrocaro Terme, dominato da una fortezza, racchiude tutti gli ingredienti del tipico bien vivre romagnolo.
By Simona PK Daviddi
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi, ovvero ‘marsà al-ḥamāma’, (baia delle tortore), borgo marinaro siciliano incastonato su una lastra di roccia che si affaccia sullo Ionio e posto geograficamente tra Pachino a (Sud) e Noto a (Nord), nella parte Sud Orientale dell’isola sicula.
By Luca Mandalà
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel

Piú letti del mese

L’altra Toscana: viaggio nei borghi dell’immediato entroterra e sulle isole
L’altra Toscana: viaggio nei borghi dell’immediato entroterra e sulle isole
La Toscana è una regione ricca di infiniti tesori storico-architettonici e naturali, dove si incontrano borghi di rara bellezza
By Simona PK Daviddi
Itinerario tra 5 dei più suggestivi borghi della Sardegna settentrionale
Itinerario tra 5 dei più suggestivi borghi della Sardegna settentrionale
Da Olbia a Porto Torres, un itinerario che ci porterà alla scoperta di cinque fantastici borghi sardi tra mare ed entroterra
By Redazione
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Da Cavo a Cavo, un itinerario lungo le coste e i centri abitati della più importante isola della Toscana
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
Un itinerario oltreconfine che saprà regalare momenti indimenticabili tra mare, natura, relax, andando alla scoperta di 5 borghi della Corsica
By Redazione
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di