Alla scoperta del parco nazionale del Lazio, tra natura incontaminata, scenari leggendari e sapori inconfondibili
 
CERCA PER ZONA

Circeo, nel mito di Ulisse

Circeo, nel mito di Ulisse

Il Parco Nazionale del Circeo, a un’ora di distanza da Roma e due da Napoli, è un’oasi naturale costellata da borghi caratteristici e vestigia delle epoche passate, una terra dove il mito greco si intreccia con millenni di storia. Incastonato tra i borghi di San Felice Circeo (nella foto in basso), di Fogliano e della razionalista Sabaudia, il parco si affaccia sul Mar Tirreno ed è circondato dalla più grande foresta di pianura d’Italia dove trovano rifugio daini, volpi, cinghiali. È proprio questo eden che Circe - la maga che nell’Odissea irretiva gli uomini trasformandoli in maiali - elesse a sua dimora, pur potendo ambire all’Olimpo. Da Sperlonga, il borgo dove l’Imperatore Tiberio amava rifugiarsi, il promontorio del Circeo sembra un’isola, l’antica Eea appunto, terra di miti antichi, approdo di saraceni, rifugio dei templari, feudo dei nobili Caetani, roccaforte pontificia e oggi paradiso del birdwatching.

Un parco per tutte le stagioni

Fondato negli anni 30 per preservare l’ecosistema delle paludi dell’Agro Pontino, il parco è stato dichiarato nel 1997 "riserva della biosfera" dall’Unesco grazie alla varietà di ambienti e specie custodite e che, insieme ai suoi borghi, ne fanno una meta ideale da esplorare in tutte le stagioni dell’anno: a piedi, in bici, a cavallo, in canoa e in barca, magari a vela. Si osserva la natura passeggiando su sentieri tracciati ma anche sdraiati al sole sulle spiagge sabbiose del litorale, scoprendo a nuoto le grotte che punteggiano la costa e avventurandosi tra i canneti che circondano le zone umide. Di particolare fascino è la strada che parte dalle zone umide e arriva al borgo di Sabaudia, una lingua di sabbia dove i laghi costieri e le onde del mare si contendono il terreno difeso strenuamente dai rigogliosi cespugli di macchia mediterranea che delimitano la strada fino alle pendici del Monte Circe. Da qui il panorama è unico: il mare circonda il promontorio e apre la vista sul Golfo di Gaeta, sulle Isole Pontine e sul lido di Astura, dominato dalla torre omonima.

Un parco, un mosaico 

È piacevole lasciarsi trasportare dai propri pensieri e, seguendo uno dei percorsi tracciati sui 21 chilometri di rete, esplorare i diversi ambienti naturali di questo scrigno della biodiversità. Si passa dalla macchia mediterranea e dalle numerose grotte del promontorio alla gigantesca duna costiera (in alcuni punti arriva a sfiorare 30 metri) che si estende fino a Capo Portiere e che in primavera esplode in un tripudio di colori e fioriture, fino alle scogliere scoscese dell’Isola di Zannone sovrastata dai resti dell’Abbazia di Santa Maria e del Santo Spirito. I quattro laghi costieri (Paola, dei Monaci, Fogliano e Caprolace) e le attigue zone umide, inoltre, danno dimora, prevalentemente in primavera e autunno, a più di 260 differenti specie di uccelli tra cui germani reali, aironi cenerini, cicogne e fenicotteri. Basta un binocolo per lasciarsi travolgere dalle emozioni. La foresta, un susseguirsi di boschi di pini, lecci e querce da sughero, è quel che resta dell’antica selva di Terracina.

Il Circeo e i luoghi della storia

Millenni di miti e storia s’intrecciano nel territorio del Circeo, a iniziare dalle molteplici grotte che punteggiano il promontorio, riparo naturale in epoche remote (nella grotta Guattari è stato rinvenuto un teschio di Neanderthal), che ne fanno un parco archeologico suggestivo da visitare senza fretta, per riscoprire il fascino epico del passato. Risalendo da Torre Paola, una torre difensiva nel territorio del borgo di Sabaudia verso il Picco di Circe, si incontrano le mura ciclopiche dell’Acropoli del III a.C. e le fondamenta dell’Ara di Circe risalenti al IV secolo a.C.. Di particolare interesse è poi l’area attorno al Lago di Paola, località amata un tempo da centurioni romani, ricchi patrizi e perfino imperatori. Adagiate sulle rive del lago si trovano anche la Villa di Domiziano (I sec. d.C.), una domus imperiale con stabilimento termale e grandiose cisterne, poi ancora la scenografica pescheria Piscina di Lucullo e l’incredibile opera di ingegneria romana costituita dal porto-canale di Paola.

Il parco gustoso

Numerosi sono gli alberghi, gli agriturismi, i campeggi e i ristoranti che si trovano all'interno del perimetro del Parco e in zone limitrofe. Le giornate all'aria aperta nel Parco del Circeo invitano a indulgere nei piaceri della buona tavola che, in questa terra di confine tra Lazio e Campania, possono essere particolarmente sfiziosi come la bresaola di bufala, ricavata dai tagli pregiati della carne di bufalo con la quale in zona si preparano anche salsicce, coppietta, speck e carpacci, talvolta accompagnati da un particolare caviale di limone (Finger Lime) e da oli di assoluta qualità. Nella zona del Parco non mancano ostriche, cozze e vongole allevate localmente. Tra i vini, il protagonista è innanzitutto il Circeo Doc, adesso anche biologico, di Borgo Grappa, seguito da diversi vini locali freschi e profumati, da abbinare a mozzarella e scamorza di latte di bufala (prodotto agroalimentare tradizionale e DOP) o una zuppa di pesce del Circeo.

Leggi anche il servizio dedicato al Parco Nazionale del Circeo sul terzo numero della nostra rivista digitale e-borghi travel

Eventi a San Felice Circeo

  • San Felice Grande (San Felice Rànne)
    29-07-2019 | San Felice Circeo (LT)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-07-29 2019-07-29 Europe/Rome San Felice Grande (San Felice Rànne) Dopo la Celebrazione Solenne alle 12 si portano in processione le Reliquie e la Statua del Santo Papa e Martire. Le serate che precedono il 29 luglio sono sempre allietate da concerti musicali in piazza e ogni anno si rinnova la tradizione del Grandioso Spettacolo Pirotecnico di San Felice Ranne. San Felice Circeo

    Dopo la Celebrazione Solenne alle 12 si portano in processione le Reliquie e la Statua del Santo Papa e Martire. Le serate che precedono il 29 luglio sono sempre allietate da concerti musicali in piazza...

    Borgo di San Felice Circeo

  • Festa di Maria SS. Assunta in cielo e San Rocco
    Dal 15-08-2019 Al 16-08-2019 | San Felice Circeo (LT)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-08-15 2019-08-16 Europe/Rome Festa di Maria SS. Assunta in cielo e San Rocco San Rocco è il compatrono di San Felice Circeo e la processione dal Centro Storico giunge fino all'omonima contrada San Rocco, dove si trova una piccola statua del Santo. San Felice Circeo

    San Rocco è il compatrono di San Felice Circeo e la processione dal Centro Storico giunge fino all'omonima contrada San Rocco, dove si trova una piccola statua del Santo.

    Borgo di San Felice Circeo

  • Festa di San Francesco d'Assisi
    04-10-2019 | San Felice Circeo (LT)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-10-04 2019-10-04 Europe/Rome Festa di San Francesco d'Assisi in località Borgo Montenero San Felice Circeo

    in località Borgo Montenero

    Borgo di San Felice Circeo

  • Festa della Madonna Immacolata
    08-12-2019 | San Felice Circeo (LT)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-12-08 2019-12-08 Europe/Rome Festa della Madonna Immacolata presso la chiesa dell'Immacolata in Pinetina. Dal 29 novembre si tiene ogni sera la Novena, che si conclude con la Solenne Celebrazione animata dalla corale della chiesa, il "Coro dell'Immacolata". San Felice Circeo

    presso la chiesa dell'Immacolata in Pinetina. Dal 29 novembre si tiene ogni sera la Novena, che si conclude con la Solenne Celebrazione animata dalla corale della chiesa, il "Coro dell'Immacolata".

    Borgo di San Felice Circeo

  • San Felice Piccolo (San Felicèje)
    26-04-2020 | San Felice Circeo (LT)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-26 2020-04-26 Europe/Rome San Felice Piccolo (San Felicèje) Si portano in processione le reliquie del Santo San Felice Circeo

    Si portano in processione le reliquie del Santo

    Borgo di San Felice Circeo


Notizie correlate

Arbatax diventa uno spettacolo 'a luci rosse'
Arbatax diventa uno spettacolo 'a luci rosse'
Dalla prossima estate le famose Rocce Rosse saranno illuminate da un impianto led che renderà ancora più suggestivo uno dei simboli naturalistici dell'Ogliastra e di tutta la Sardegna
By Redazione
5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi marinari da visitare in inverno
4 borghi marinari da visitare in inverno
La suggestione intimista di 4 borghi di mare in inverno, quando rivelano la loro anima senza i fronzoli del chiacchiericcio estivo. Mentre le onde si infrangono sulla riva, la poesia regna fra i vicoli dei borghi, ricchi di seduzione e di storia
By Luciana Francesca Rebonato
5 Borghi pugliesi magici in inverno
5 Borghi pugliesi magici in inverno
5 Borghi pugliesi da scoprire in inverno, forzieri di tradizioni, arte e folclore. La Puglia più autentica e più suggestiva, per emozioni che durano nel tempo.
By Luciana Francesca Rebonato
5 borghi per sciare e divertirsi sulla neve
5 borghi per sciare e divertirsi sulla neve
Borghi di montagna e piste da sci: un binomio imperdibile, in inverno. Arte e storia ma anche caroselli bianchi per sciare e per divertirsi con ciaspolate, sci di fondo, snowpark, snow-board e trekking nella neve
By Luciana Francesca Rebonato

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di