Borghi di montagna e piste da sci: un binomio imperdibile, in inverno. Arte e storia ma anche caroselli bianchi per sciare e per divertirsi con ciaspolate, sci di fondo, snowpark, snow-board e trekking nella neve
 
CERCA PER ZONA

5 borghi per sciare e divertirsi sulla neve

Tue, 20 Nov 2018
5 borghi per sciare e divertirsi sulla neve

Borghi incastonati fra i monti e nella purezza della neve. Per andare a sciare, divertirsi con lo slittino o ciaspolare, scoprire candidi boschi con lo sci di fondo o passeggiare nella storia. Circondati da paesaggi-cartolina che regalano emozioni.

Neve e allegria, sport e divertimento. In inverno i borghi sembrano ancora più magici, con i giochi di neve e i disegni del ghiaccio delle fontane, che sembrano sculture scolpite dal vento. L’aria frizzante è un invito a percorrere i dintorni dei borghi di montagna con gli sci ai piedi o praticando lo sport invernale preferito.

1. Gressoney-Saint-Jean (Valle d’Aosta)

Gressoney-Saint-Jean

Un borgo alpino alle pendici del Monte Rosa che ha saputo conservare le caratteristiche della propria origine Walser, a cominciare dal dialetto “titsch”. Un borgo con la chiesa cinquecentesca, castel Savoia che sembra uscito da una favola e le scintillanti piste da sci del Weissmatten, annoverato nel comprensorio del Monterosa Ski. Per i più provetti sciatori ci sono i tracciati di gara agonistici “Leonardo David” e la pista “nera” - che attraversa un bosco di pini cembri – mentre il baby snow park è il paradiso dei bambini. Emozionante e per tutta la famiglia è sicuramente una bella pattinata sul lago ghiacciato Gover. L’area del Weissmatten è collegata con le restanti piste del comprensorio del Monterosa ski da un servizio di ski-bus di dieci minuti.

3. Vigo di Fassa (Trentino)

Vigo di Fassa

A Vigo di Fassa si scia, si esplorano i dintorni del borgo con le ciaspole – anche di sera – e si scoprono le antiche tradizioni. E’ in questo borgo, infatti, che emerge l’autentico cuore ladino della Val di Fassa, con tanto di istituto culturale e l’innovativo Museo Ladin de Fascia. Gli oltre 13 chilometri di piste di quest'area si raggiungono in funivia da Vigo di Fassa o in seggiovia da Pera di Fassa. Il Ciampedìe – “campo di Dio” in latino -, dai suoi 2.000 metri di altezza, regala un panorama a 360 gradi sulle Dolomiti della val di Fassa.

3. Campo Tures (Alto Adige)

Campo Tures

Il borgo è dominato dall’imponente castel Tures del XIII secolo e se è vero che è da conoscere in tutte le stagioni, Campo Tures è imperdibile in inverno per trascorrere giorni sugli sci in un’atmosfera incantata. L’area sciistica Speikboden di Campo Tures consente una vista mozzafiato sulle vette delle Valli di Tures e Aurina: si trova nei pressi di Campo Tures e offre 38 chilometri di piste perfettamente predisposte. Nelle vicinanze, invece, a Riva di Tures, ci sono 16 chilometri di piste da fondo.

4. Cutigliano (Toscana)

Croce Spigolino Cutigliano

Sulla montagna pistoiese, ecco un borgo medievale ritmato da stradine, piazzette ed edifici storici, come il trecentesco palazzo dei Capitani della Montagna. Il borgo è il punto di partenza ideale per gli amanti degli sport invernali: si trova, infatti, a due passi dal comprensorio sciistico della Doganaccia, con i suoi quindici chilometri di piste. Il campo scuola è servito da un tapis-roulant gratuito di 60 metri, ideale per i primi approcci a sci e snowboard e ci sono ben due anelli di fondo. Uno si sviluppa per poco più di due chilometri intorno al lago di San Gualberto, l’altro per poco più di tre chilometri in quota e al Passo della Croce Arcana. Da percorrere, magari, in occasione di adrenaliniche ciaspolate a contatto con la natura.

5. Pescocostanzo (L'Aquila)

Pescocostanzo

Situato tra la Majella e l’alta valle del Sangro, Pescocostanzo è un borgo che domina la zona dell’Alto Sangro e dell’altopiano delle Cinque Miglia. Una gemma medievale, con tanto di eremo di San Michele Arcangelo, una chiesa rupestre del XII secolo in stile romanico. In inverno Pescocostanzo - Vallefura offre una ski area che si sviluppa dal paese ai pendii del monte Calvario, mentre sul lato opposto una seggiovia quadriposto conduce gli sciatori da 1.440 metri di quota sino al rifugio, situato a 1729 metri. La seggiovia Vallefura, uno skilift e una manovia servono interessanti piste per lo sci alpino, inclusi tracciati di “gigante” cronometrati. Sfizioso e divertente è un grande snowpark con più linee di discesa e illuminazione notturna, mentre un baby garden diverte i piccoli con giochi e un percorso di snowtubing. Un anello di fondo - in località Bosco di Sant’Antonio -, infine, parte da quota 1.280 metri e arriva a 1.360 metri d’altitudine.

COMMENTI :

Notizie correlate

Neo-eremiti e castellani
Neo-eremiti e castellani
Siamo nella striscia occidentale del Parco Regionale delle Serre calabresi, a Soreto e ad Arena: entrambe appartenenti alla provincia di Vibo Valentia. Un piccolo viaggio: in un antico convento francescano; in un piccolo borgo medioevale vibonese.
By Daniela Sorace
Circeo, nel mito di Ulisse
Circeo, nel mito di Ulisse
Alla scoperta del parco nazionale del Lazio, tra natura incontaminata, scenari leggendari e sapori inconfondibili
By Cinzia Meoni
Arbatax diventa uno spettacolo 'a luci rosse'
Arbatax diventa uno spettacolo 'a luci rosse'
Dalla prossima estate le famose Rocce Rosse saranno illuminate da un impianto led che renderà ancora più suggestivo uno dei simboli naturalistici dell'Ogliastra e di tutta la Sardegna
By Redazione
5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi marinari da visitare in inverno
4 borghi marinari da visitare in inverno
La suggestione intimista di 4 borghi di mare in inverno, quando rivelano la loro anima senza i fronzoli del chiacchiericcio estivo. Mentre le onde si infrangono sulla riva, la poesia regna fra i vicoli dei borghi, ricchi di seduzione e di storia
By Luciana Francesca Rebonato

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di