Rete ultraveloce nei borghi. Una nuova Italia grazie a Open Fiber, che cambia la velocità del Belpaese: le sue reti in fibra ottica, infatti, scorrono come in una strada a cento corsie e fanno viaggiare velocemente le informazioni
 
CERCA PER ZONA

Borghi digitali con Open Fiber

Mon, 26 Nov 2018
Borghi digitali con Open Fiber

L’acronimo del futuro è FTTH - Fiber To The Home – che, tradotto, significa “fibra fino a casa”. Uno scenario che prevede la banda ultra larga in fibra ottica dalla centrale all’abitazione del cliente per l’intera tratta e con il massimo delle performance: la velocità, infatti, è fino a un gigabit al secondo.

Oltre che nelle grandi metropoli, Open Fiber sta portando la banda ultra larga dove nessun operatore di telecomunicazioni privato ha dichiarato di voler investire. Il piano di Open Fiber è nato proprio per colmare il divario tra le aree connesse e quelle più difficilmente raggiungibili. La rete che collegherà i borghi verrà realizzata con tecnologia FTTH e FWA - Fixed Wireless Access - attraverso la partecipazione alle gare pubbliche gestite da Infratel, che manterrà la proprietà della rete, affidandola in concessione a Open Fiber per 20 anni. Maggiore efficienza e affidabilità insieme a performance elevate sono le parole-chiave di Open Fiber che cablerà oltre 7.000 comuni in tutto il Paese.

Sempre più connessi
Innumerevoli i vantaggi che Open Fiber porta al turismo italiano, soprattutto ai borghi, che grazie a questa connessione in fibra potranno finalmente essere competitivi in tutti gli ambiti. Ecco un tris d’assi di esempi fra i borghi che hanno scelto Open Fiber: Arquà Petrarca, Anghiari e Floresta, incastonati rispettivamente nel nord, nel centro e nel sud Italia.

Arquà Petrarca

Arquà Petrarca - in provincia di Padova – è un borgo-gioiello medievale alle pendici del Monte Piccolo e del Monte Ventolone, nello scenario dei Colli Euganei. Fra gli edifici comunali che Open Fiber collegherà alla banda ultra larga, oltre al municipio e alle scuole per l’infanzia ed elementare, figurano anche la casa del Petrarca – la casa museo del poeta - e la Fondazione Musicale Masiero e Centamin. Entro il mese di maggio del 2019, ad Arquà Petrarca verrà realizzata una nuova infrastruttura di 19 chilometri che cablerà circa 1.200 unità immobiliari.

Anghiari

Al centro dell’Italia ecco Anghiari, in provincia di Arezzo e nella Valtiberina Toscana. E’ uno dei borghi più belli d’Italia, con una forte vocazione turistica dovuta al centro medievale perfettamente conservato. Il suo nome è legato alla celebre battaglia di Anghiari, dipinta da Leonardo Da Vinci, e alla tradizione del restauro del mobile antico. E’ prevista la posa di 64 chilometri di fibra Open Fiber e fra le 3.317 unità immobiliari da cablare, sono annoverate la sede comunale, le scuole elementari e i siti di interesse storico e amministrativo.

Floresta

Fra le gemme del sud Italia ecco Floresta, in provincia di Messina, il borgo più alto dell’intera Sicilia grazie ai suoi 1.275 metri di altitudine, un microcosmo d’arte e di storia, con soli 450 abitanti nel cuore del Parco dei Nebrodi. A Floresta la rete di Open Fiber, proporzionata alle dimensioni del borgo, è già stata completata, e ha raggiunto 141 unità immobiliari. Un esempio-guida, il borgo di Floresta, oggi baluardo di connettività e futuro, un tempo ricoperto da una fitta foresta, dalla quale i Romani attingevano per la costruzione delle loro navi. Oggi con Open Fiber si costruisce il domani.

By Redazione
Luciana Francesca Rebonato

Notizie correlate

Le Associazioni Paesi Bandiera Arancione e Borghi Autentici sposano il progetto 'e-borghi'
Le Associazioni Paesi Bandiera Arancione e Borghi Autentici sposano il progetto 'e-borghi'
Il nostro circuito, dedicato alla valorizzazione dei borghi e del turismo slow, ha ottenuto il prestigioso patrocinio dell'organizzazione del Touring Club Italiano e dell'associazione che riunisce i piccoli e medi comuni del Belpaese
By Redazione
 E-borghi travel n° 4:  un 'mare' di meraviglie
E-borghi travel n° 4: un 'mare' di meraviglie
La nostra rivista digitale di questo mese è dedicata ai borghi marinari, in un viaggio sensoriale tra le isole più belle della Sardegna, navigando verso il litorale toscano e laziale, fino a toccare le coste del Salento, della Sicilia e avventurandoci oltre le acque italiane, alla scoperta delle mitologiche isole greche
By Redazione
A Montefioralle parte la 'Slow Road'
A Montefioralle parte la 'Slow Road'
Nel Chianti sarà presto attivo un progetto che mira a valorizzare le bellezze paesaggistiche, i profumi e i sapori della campagna toscana attraverso un percorso turistico da fare a piedi, con aree relax, panchine d'autore e visite alle vigne
By Redazione
Corchiano dice no alla plastica
Corchiano dice no alla plastica
Presentato in comune il progetto "Plastic Free", che dal primo giugno vieterà la distribuzione di materiale non biodegradabile in un territorio, quello viterbese, che deve tornare a respirare
By Redazione
Angera lancia il dialetto... digitale!
Angera lancia il dialetto... digitale!
Il borgo che sorge sulla sponda lombarda del Lago Maggiore rilancia il patrimonio linguistico locale attraverso una iniziativa molto innovativa presso la Biblioteca Civica
By Redazione
La Rocca Sanvitale di Fontanellato diventa family friendly
La Rocca Sanvitale di Fontanellato diventa family friendly
All'interno del castello arrivano fasciatoio e scalda biberon per bambini, due servizi in più per rendere ottimale l'accoglienza delle famiglie con bimbi piccoli
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di