Il fascino della cittadina umbra
 
CERCA PER ZONA

La bella Bevagna è 'Città del Cinema'

Sun, 30 Sep 2018
La bella Bevagna è 'Città del Cinema'

Che Bevagna fosse bellissima lo si sapeva. Arriva ora un importante riconoscimento per la cittadina perugina. Vediamo di cosa si tratta. Non prima però di parlarvi di queste magnifiche e piccole mura.

IL FASCINO DI UNA PIAZZA
Confinante con Foligno e Montefalco, a sud della provincia di Perugia, nell'area che inizia a guardare a Spoleto, Bevagna è uno scrigno. Celeberrima la piazza Silvestri, cui si accede percorrendo il corso, una volta entrati da porta Foligno o Flaminia. Già impegnando la strada che confluisce verso il centro dell'agorà civico, si comprende bene l'urbanistica medievale classica. E così la piazza dell'antica Mevania culla il visitatore al culmine di un passaggio in discesa attraverso resti romani e chiese interessanti. Ma qui è il fulcro di tutto. Anche in senso propriamente artistico. Una fontana meravigliosa e neomedievale, una colonna romana, due chiese importanti, il Palazzo dei Consoli con il teatro. Bevagna è tutta qui. Lo è attraverso il fascino secolare di questa piazza: bella persino nella sua quasi asimmetria; austera e stravagante insieme. L'area è priva di un ordine strettamente geometrico, preferendo semmai la dimensione offerta dal gioco prospettico. Il campo visivo è però maestoso e sereno, piano. Dentro Bevagna non hai la sensazione di vivere l'arcinota Umbria delle colline e delle morbide, ma spesso anche selvagge, alture. Appena esci dal borgo torni in quell'ambiente, con chiese e santuari collocati più in altitudine. Qui lo splendore 'piana' preciso e quasi severo. Una scena fatta anche di un silenzio imponente e plateale, è proprio il caso di dire. Venite a scoprire Bevagna anche fuori dei flussi turistici stagionali. Facile respirare quell'aria di raccoglimento devoto che cattura nelle due ascetiche chiese che sulla piazza trovano casa: San Michele e San Silvestro. Siamo nel bel mezzo del basso medioevo. Un momento importante per tutta l'Umbria. Impossibile non citare, poi, la colonna romana, detta di San Rocco. La celebre fontana data invece al 1896. Il Palazzo dei Consoli, 1270, offre un prospetto assai stiloso, con le sue bifore e l'elegante loggia. Una scalinata ed ecco l'accesso al teatro Torti, 1886. Tre ordini di palchi per un teatro non grande ma lineare nella sua armonia. La volta cinquecentesca unisce il palazzo alla chiesa romanica di San Silvestro, capolavoro vero dell'arte romanica umbra. Di fronte, la chiesa di San Michele, del 1100, pure romanica. Qui s'eleva la torre campanaria, con trifora gotica.
Sulla bellissima e spettacolare piazza (dall'impatto, si è detto, comunque discreto) ha luogo il famoso mercato delle Gaite di Bevagna, immancabile appuntamento con le tradizioni della città medievale. Un evento cui partecipa praticamente tutta la città e, ormai da anni, sempre più turisti da ogni parte d'Italia e del mondo.

LA NOTIZIA
Vi raccontiamo poi l'interessante novità su Bevagna direttamente con le parole della sua prima cittadina, Annarita Falsacappa. Una bella boccata d'ossigeno per la città. Anche al di là del cinema e dell'arte.

"È ufficiale e dunque sono davvero felice di comunicarvi che Bevagna si è aggiudicata il titolo di Città del Cinema. Ottimo davvero, vista l'antica memoria del nostro regista Mario Mattoli e del suo film girato a Bevagna, "Musica in piazza", con comparse del paese. Ma c'è di più! Ben si sa che i comuni, per poter avere delle riprese con attori importanti e produzioni di richiamo, che pubblicizzano il proprio territorio, sono disposti a pagare anche profumatamente e, spesso, lo spostamento di una troupe da un comune ad un altro dipende proprio dalla entità del contributo. Per noi è andata diversamente. Abbiamo iniziato a maggio con le riprese in un solo giorno de "Il Nome della Rosa", uno sceneggiato televisivo in 8 puntate che sarà trasmesso da Rai 1, e abbiamo chiesto ed ottenuto di sistemare la nostra fontana, da decenni senza zampillo e muta. Oggi gorgoglia festosa ed è motivo di attrazione per i nostri bambini ma anche per i tanti turisti che scelgono l'inquadratura esatta per la foto. Il regista Paul Verhoeven, molto ambito da ogni città non solo italiana, finito a Bevagna per il viaggio fatto in Umbria da una signora del suo staff, che aveva visitato il nostro paese ed era stata ammaliata dalla piazza, ha passeggiato per le nostre vie, ha lavorato nel nostro salotto buono, ha abitato in una delle nostre case e, per un lungo periodo, ha condiviso i nostri spazi. Cosa ci può essere di più incisivo per la promozione di un paese sempre un po' defilato che un film di Paul Verhoeven? Eppure ci abbiamo provato ed abbiamo ottenuto dalla produzione la cifra di 50 mila euro per l'apertura controllata di tre varchi. Per noi è davvero molto, questo ci permetterà di sorvegliare l'accesso delle tre vie più frequentate di Bevagna, di regolamentare il traffico, di far rispettare gli orari della ztl e le zone pedonali. Stiamo predisponendo tutti i documenti necessari e, appena espletate le pratiche, si procederà con l'installazione. Questo va nella direzione di un riassetto della viabilità, ci consente di completare il discorso sui parcheggi per i residenti e a pagamento e di nuove aree da destinare a parcheggio nelle zone di Bevagna in cui siano insufficienti".

Eventi a Bevagna

  • San Vincenzo
    06-06-2019 | Bevagna (PG)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-06 2019-06-06 Europe/Rome San Vincenzo Bevagna

    Borgo di Bevagna

  • Mercato delle Gaite
    Dal 20-06-2019 Al 30-06-2019 | Bevagna (PG)
    Rievocazioni storiche

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-20 2019-06-30 Europe/Rome Mercato delle Gaite Le vie del borgo si popolano di banchi e si animano del rumore delle botteghe nelle quali il visitatore può trovare stoffe, oggetti in cuoio, vimini, cordami, carta, ferro battuto, rame candele lavorate a mano ed ancora formaggio, pesce, pane appena sfornato e focacce. Bevagna

    Le vie del borgo si popolano di banchi e si animano del rumore delle botteghe nelle quali il visitatore può trovare stoffe, oggetti in cuoio, vimini, cordami, carta, ferro battuto, rame candele lavorate...

    Borgo di Bevagna | Scopri di più

  • Sagra della Lumaca
    Dal 23-08-2019 Al 01-09-2019 | Bevagna (PG)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2019-08-23 2019-09-01 Europe/Rome Sagra della Lumaca Bevagna

    Borgo di Bevagna | Scopri di più

  • Concerto per il nuovo anno
    06-01-2020 | Bevagna (PG)
    Concerti

    Aggiungi al tuo calendario 2020-01-06 2020-01-06 Europe/Rome Concerto per il nuovo anno Teatro Francesco Torti Bevagna

    Teatro Francesco Torti

    Dalle 18:00 | Borgo di Bevagna


Notizie correlate

Le Associazioni Paesi Bandiera Arancione e Borghi Autentici sposano il progetto 'e-borghi'
Le Associazioni Paesi Bandiera Arancione e Borghi Autentici sposano il progetto 'e-borghi'
Il nostro circuito, dedicato alla valorizzazione dei borghi e del turismo slow, ha ottenuto il prestigioso patrocinio dell'organizzazione del Touring Club Italiano e dell'associazione che riunisce i piccoli e medi comuni del Belpaese
By Redazione
 E-borghi travel n° 4:  un 'mare' di meraviglie
E-borghi travel n° 4: un 'mare' di meraviglie
La nostra rivista digitale di questo mese è dedicata ai borghi marinari, in un viaggio sensoriale tra le isole più belle della Sardegna, navigando verso il litorale toscano e laziale, fino a toccare le coste del Salento, della Sicilia e avventurandoci oltre le acque italiane, alla scoperta delle mitologiche isole greche
By Redazione
A Montefioralle parte la 'Slow Road'
A Montefioralle parte la 'Slow Road'
Nel Chianti sarà presto attivo un progetto che mira a valorizzare le bellezze paesaggistiche, i profumi e i sapori della campagna toscana attraverso un percorso turistico da fare a piedi, con aree relax, panchine d'autore e visite alle vigne
By Redazione
Corchiano dice no alla plastica
Corchiano dice no alla plastica
Presentato in comune il progetto "Plastic Free", che dal primo giugno vieterà la distribuzione di materiale non biodegradabile in un territorio, quello viterbese, che deve tornare a respirare
By Redazione
Angera lancia il dialetto... digitale!
Angera lancia il dialetto... digitale!
Il borgo che sorge sulla sponda lombarda del Lago Maggiore rilancia il patrimonio linguistico locale attraverso una iniziativa molto innovativa presso la Biblioteca Civica
By Redazione
La Rocca Sanvitale di Fontanellato diventa family friendly
La Rocca Sanvitale di Fontanellato diventa family friendly
All'interno del castello arrivano fasciatoio e scalda biberon per bambini, due servizi in più per rendere ottimale l'accoglienza delle famiglie con bimbi piccoli
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di