Alla scoperta della Barbagia: una Sardegna dalle tradizioni millenarie, austera e bellissima.

 
CERCA PER ZONA

Viaggio nella Sardegna più aspra e selvaggia: la Barbagia
Thu, 26 Oct 2017

Viaggio nella Sardegna più aspra e selvaggia: la Barbagia

Pensando alla Sardegna balenano davanti ai nostri occhi immagini blu e e spensierate legate all’estate, all’acqua cristallina, ai tramonti arrossati di fine agosto. Viaggiare e conoscere davvero quest’isola unica però significa anche conoscerne le sfumature più austere, i territori dell’entroterra meno battuti, privati e selvaggi che conservano una delle anime più antiche dell’isola: quella più riservata, dura e di una bellezza commovente.

Oggi vi portiamo in Barbagia, terra di tradizioni millenarie che sorge tra Nuoro e la neonata provincia dell’ Ogliastra.

COSA VEDERE 

Un suono evocativo e denso di significato: Barbagia deve il suo nome ai romani, che la chiamarono Barbaria perché difficile da conquistare ma ospitale e ricca di bellezze tutte da scoprire.

Verso est troviamo il Supramonte Ogliastrino, un altopiano calcareo dominato dal Monte Corrasi (1.463 m) che si estende nei territori dell'Oliena, Orgosolo, Dorgali, Bunei e Urzulei, splendido dal punto di vista naturale e paesaggistico. Questo territorio è diviso naturalmente da due valli profonde e frastagliate, dette codule, che sfociano nel mare scavandosi un varco tra le pareti calcaree del litorale: il risultato è uno spettacolare paesaggio caratterizzato da gole, rupi e falesie. 

Dopo aver fatto il pieno i meraviglie naturali, spostiamo la nostra attenzione all’operato umano: da queste parti si trovano delle tipiche abitazioni rurali in pietra, le caratteristiche cortes, e le botteghe artigiane. L’artigianato è un’attività estremamente fiorente in Barbagia, specialmente nei paesi di Belvì e Aritzo, famosi per le cassapanche intagliate e la falegnameria in generale; la pelletteria è il settore principe di Dorgali mentre Oliena è nota per la sartoria; le più pregiate pentole e tegami in rame vengono invece dalla Barbagia di Seulo

 La Barbagia è un tesoro da scoprire in ogni momento dell'anno, ma l'autunno le dona particolarmente. Non ci credete? Non vi resta che partecipare ad Autunno in Barbagia 2017 , una festa che è diventata ormai vera e propria istituzione e che si tiene ogni anno da settembre a dicembre, coinvolgendo numerosi paesi della zona. Vengono organizzati molti eventi e spettacoli nelle caratteristiche cortes, nelle botteghe artigiane e nelle cantine. 

Eventi a Atzara


Notizie correlate

e-borghi travel: la nuova rivista di viaggi digitale e gratuita
Una nuova spettacolare rivista digitale dedicata ai borghi, ai territori e al turismo slow ci accompagnerà attraverso nuove memorabili avventure
By Redazione
Arona, Entracque e Guarene, tre perle piemontesi entrano tra le Bandiere Arancioni
Con questi tre nuovi borghi, il Piemonte raggiunge la seconda posizione tra le regioni più "arancioni" d’Italia.
By Redazione
Borghi digitali con Open Fiber
Rete ultraveloce nei borghi. Una nuova Italia grazie a Open Fiber, che cambia la velocità del Belpaese: le sue reti in fibra ottica, infatti, scorrono come in una strada a cento corsie e fanno viaggiare velocemente le informazioni
By Redazione
Luciana Francesca Rebonato
Petralia Soprana: il borgo dei Borghi autunno 2018
Il celebre concorso Borgo dei Borghi si è concluso con la vittoria di Petralia Soprana, incantevole comune situato all'interno del parco delle Madonie, in Sicilia
By Redazione
Borghi Photo Marathon 2018: le foto e la premiazione al TTG di Rimini
Un'entusiasmante manifestazione e mostra fotografica che non premia soltanto gli autori ma anche, e sopratutto i borghi
By Redazione
La bella Bevagna è 'Città del Cinema'
Il fascino della cittadina umbra
By Marino Pagano
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi