Alla scoperta del borgo orobico che nel Medioevo rappresentava un importante snodo commerciale e diede i natali alla stirpe del celebre poeta Torquato Tasso
 
CERCA PER ZONA

Cornello dei Tasso, l'antico crocevia della Val Brembana

Thu, 16 May 2019
Cornello dei Tasso, l'antico crocevia della Val Brembana

Perché scegliere Cornello dei Tasso per una piacevole gita fuori porta? Perché questo minuscolo villaggio montano di origine medievale, immerso nei boschi dell’Alta Val Brembana, vi stupirà per il suo senso di quiete. E, passeggiando per i sottoportici in pietra, vi sembrerà di tornare alla vita commerciale degli antichi mercanti bergamaschi e valtellinesi, che qui s’incontravano per scambiare le loro merci. Cornello dei Tasso, infatti, era un vero e proprio crocevia d’affari.

Gioiellino dell’Alto Bergamasco, nel cuore dell’Alta Val Brembana, Cornello dei Tasso dista circa trenta chilometri da Bergamo. Il borgo, leggermente staccato dal comune di Camerata Cornello cui comunque appartiene, deve il suo nome sia al dialetto orobico (“Cornello” deriva da “corna”, che in bergamasco significa “roccia”, “pietra”), sia all’antica famiglia Tasso, che diede i natali al celebre poeta Torquato Tasso e che nel 1500, sotto l’impero asburgico, fondò il primo servizio postale italiano. Il Museo dei Tasso e della storia postale racconta lo sviluppo del borgo dal Basso Medioevo (i primi insediamenti risalgono agli inizi del 1200) al Rinascimento.

Essendo un borgo molto piccolo, Cornello dei Tasso è facilmente visitabile in mezza giornata. L’itinerario che vi consigliamo parte dal sentiero che costeggia il fiume Brembo, in mezzo al verde alpino dell’Alta Val Brembana. Dopo una brevissima passeggiata di cinque minuti, si giunge davanti all’arco d’ingresso della Via Mercatorum, che nel Medioevo rappresentava il punto di scambio commerciale tra i mercanti  bergamaschi e valtellinesi. La Via Mercatorum, spina dorsale del complesso abitato, è molto caratteristica per la sua pavimentazione in acciotolato, le sue arcate in pietra, le massicce travi in legno e il soffitto molto basso. Dà un senso di accoglienza e protezione a chi la percorre. Camminate piano piano, in totale relax: qui il tempo sembra scorrere molto lentamente.

Il borgo, arroccato su un colle, si sviluppa su tre livelli. Al “piano terra” sorgono case a strapiombo sul Brembo; il primo piano è la Strada Porticata; al terzo c’è la parte abitata, dove si trovano i palazzi che un tempo appartenevano alle famiglie nobili del paese, tra cui i Tasso, la chiesa romanica dei Santi Cornelio e Cipriano (XII secolo) e il Museo dei Tasso e della storia postale: qui è possibile ammirare il primo francobollo emesso al mondo, il Penny Black; inoltre, presso la biglietteria, si organizzano periodicamente visite guidate gratuite al borgo. Dove farvi selfie perfetto? In Via Mercatorum, precisamente davanti all’angolo di un’antica bottega adornata da fioriere in legno, dove gli abitanti amano piantare margherite e ciclamini, soprattutto in primavera e in estate.

Se amate l’equitazione e volete regalarle un romantico giro a cavallo, il maneggio di Camerata Cornello, poco fuori dal borgo ripercorrendo il sentiero iniziale, farà al caso vostro. La scuderia, anche fattoria didattica (corsi di equitazione per bambini), è aperta al pubblico tutto l’anno e dispone di otto destrieri: purosangue inglesi, frisoni e pony. Siamo certi che verrete conquistati dalla bellezza (e dalla simpatia!) di queste creature stupende.

A Cornello dei Tasso si arriva comodamente in automobile. Da Bergamo prendete la Strada Statale 470, che corre lungo la Val Brembana, e uscite a Camerata Cornello. Attraversate il paese e parcheggiate nello spiazzo. Da lì proseguite a piedi percorrendo un sentiero sterrato che, in neppure cinque minuti, vi condurrà all’arco d’ingresso della Strada Porticata, dove la visita al borgo avrà inizio.

COMMENTI :

Notizie correlate

Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
La meraviglia delle terre del Prosecco, patrimonio mondiale dell’UNESCO, a due passi da Treviso. Tra chiese, ville e antichi lanifici.
By Luca Sartori
Cosa vedere e cosa fare a  Metaponto Lido
Cosa vedere e cosa fare a Metaponto Lido
Splendide località a pochi passi da Matera, che vi offriranno un viaggio emozionante tra storia e mare.
By Nadia Calasso
Tour sulla costa toscana, per chi arriva in auto o... in nave!
Tour sulla costa toscana, per chi arriva in auto o... in nave!
Dalla Versilia alla Maremma, viaggio alla scoperta di splendidi borghi che, oltre a offrire eccellenti servizi balneari, custodiscono opere d'arte di valore inestimabile. E per coloro che arrivano dalla Sardegna ci sono traghetti disponibili tutto l'anno
By Redazione
'Arte a Pedali': sapori, natura e musica montano in sella!
'Arte a Pedali': sapori, natura e musica montano in sella!
L'8 giugno, dalle Terme di Comano, tra il Lago di Garda e le Dolomiti di Brenta, parte il tour e-bike, che unisce la passione per la bicicletta al gusto del buon cibo locale, lungo un tragitto panoramico alla scoperta di borghi antichi e con le sette note in sottofondo
By Redazione
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Sulla sponda occidentale del Lario, a pochi chilometri da Menaggio, di fronte a Bellagio e Varenna, sorge un piccolo borgo antico, meritevole di una bella gita primaverile
By Joni Scarpolini
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di