L’anfiteatro Romano di Larino, il Palazzo Ducale di Oratino, le forbici ed i coltelli di Frosolone, e poi il caciocavallo ed il pecorino.
 
CERCA PER ZONA

Weekend in Molise, a Larino, Oratino e Frosolone

Wed, 13 Sep 2017
Weekend in Molise, a Larino, Oratino e Frosolone

Si dividono quasi equamente tra montagne e colline le terre del Molise, terra di monti e poggi, borghi, piccole città e mare. Quel mare Adriatico sul quale s’affaccia una delle sue principali città, quella Termoli che ne è anche il porto principale. Da qui parte l’itinerario di scoperta nel cuore di questa regione spesso ingiustamente dimenticata.

E’ la strada statale 87 sannitica, che si distende nelle campagne che dalla costa portano al cuore della regione, che ci porta alla volta di Larino. Prima di lasciare l’automobile e godersi il centro storico merita spingersi un po’ oltre l’abitato, proseguendo e fermandosi lungo la strada che porta a Casacalenda, per godere del panorama di Larino antica circondata dalle colline e dominata dal campanile della Cattedrale. 

Larino

La Cattedrale di San Pardo, dalla bella facciata con bel portale decorato con statue, decorazioni floreali e ricchi capitelli, ed un bel rosone a tredici raggi, con all’interno preziosi dipinti trecenteschi, è l’elemento che caratterizza maggiormente il borgo. Da vedere anche il Museo Diocesano situato nel Palazzo Vescovile, mentre visitando la città si apprezzano altri interessanti edifici tra cui il Palazzo Ducale, quello che un tempo era l’antico castello. L’Anfiteatro Romano, risalente al I secolo d.C., dalla forma ellittica, ed il Parco Archeologico di Villa Zappone, dove sono rinvenuti un complesso termale di età romana e un prezioso mosaico, rappresentano la Larino più antica. Sosta golosa per godere di un buon piatto di cavatelli al sugo di carne di maiale e per assaggiare il nocino, liquore tipico molisano dolce dal retrogusto gradevolmente amaro.

Ripartiti alla volta di Oratino, seconda tappa del weekend, attraversiamo colline e piccoli borghi fino al capoluogo Campobasso. Una decina di chilometri dividono quest’ultimo dal delizioso centro di Oratino, situato a quasi ottocento metri d’altitudine dai quali domina un tratto della valle del Biferno e da cui si gode uno dei panorami più suggestivi della regione.

Oratina

Tra i centri del Molise con la più importante tradizione artigiana, testimoniata da innumerevoli dettagli opera di scalpellini, doratori, fabbri, pittori e vetrai, Oratino fu sede di scene del film di Sergio Castellitto “Non ti muovere”. Dall’impianto urbanistico contraddistinto da strette stradine di pietra che si intersecano disordinatamente, Oratino è un susseguirsi di piazzette ed edifici storici, tra cui il quattrocentesco Palazzo Ducale ed i resti della torre medioevale dalla quale si sorvegliavano gli antichi tratturi, percorsi delle greggi che scendevano dai monti. Autentico tesoro del centro storico è la quasi millenaria chiesa di Santa Maria Assunta con l’ostensorio ottocentesco d’argento e interessanti affreschi. Oratino è però anche ottima cucina; da non perdere un buon piatto di “laganelle e fagioli”, le tipiche lasagne fatte a mano, e un assaggio del “cacio e ova con salsiccia”, composto di formaggio di capra e uova cotto nel sugo di salsiccia.

Ultima tappa del weekend in terra molisana è Frosolone, a poco più di mezz’ora da Oratino, già in provincia d’Isernia. Zona di produzioni agroalimentari tra cui i formaggi vaccini come la scamorza ed il caciocavallo, e quelli ovini come il pecorino, ma anche d’artigianato con la produzione d’antica tradizione di forbici e coltelli, Frosolone è immersa in una zona contraddistinta da ampie zone prative dove ammirare lo spettacolo di mucche e cavalli al pascolo, ma anche da zone dove dominano imponenti formazioni rocciose, meta degli amanti della scalata.

Frosolone

Un groviglio di vicoli, piazzette e case di pietra fanno da cornice alla duecentesca chiesa di Santa Maria Assunta, e sono animati dalle botteghe artigiane dove si lavorano ancora acciaio e ferro, soprattutto per la produzione di coltelli e forbici. Imperdibile una visita al Museo dei Ferri Taglienti, dove sono custodite lame, forbici e coltelli di svariate forme e dimensioni, a testimonianza della storica attività artigianale locale.

Prima di lasciare quest’angolo di Molise, intriso di tradizioni e genuinità, ci concediamo un assaggio degli straordinari formaggi locali. Pecorino, scamorza e caciocavallo sono un tripudio di sapori ed emozioni, prima di riprendere la strada del ritorno, quella che ci riporta al mare.

COMMENTI :

Eventi a Larino

  • San Parde de Vellegne
    17-10-2019 | Larino (CB)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-10-17 2019-10-17 Europe/Rome San Parde de Vellegne Il 17 Ottobre ricorre la morte del Santo Patrono, commemorata dai Larinesi con una settimana di preghiera e con la processione per le vie del Centro Storico. Si tratta di un secondo rito propiziatorio, dopo quello primaverile (la Carrese di San Pardo), per far sì che la raccolta di uva e olive vada a buon fine. Anche questa è una tradizione fortemente legata alle abitudini di vita contadine dei secoli passati. Larino

    Il 17 Ottobre ricorre la morte del Santo Patrono, commemorata dai Larinesi con una settimana di preghiera e con la processione per le vie del Centro Storico. Si tratta di un secondo rito propiziatorio,...

    Borgo di Larino

  • Fiera d'Ottobre
    Dal 12-10-2019 Al 19-10-2019 | Larino (CB)
    Fiere

    Aggiungi al tuo calendario 2019-10-12 2019-10-19 Europe/Rome Fiera d'Ottobre Fiera campionaria di origini contadine che nei secoli scorsi era punto di passaggio per tutti coloro che, attraverso i tratturi, effettuavano la transumanza verso la vicina Puglia, si vendevano soprattutto animali da fattoria, salumi e formaggi. La prima edizione risale al XVIII secolo. Al giorno d'oggi alla fiera ci sono prodotti per la pelle, abbigliamento, ma anche salumi, formaggi ed elettrodomestici per la casa. La fiera d'Ottobre è composta da una parte esterna ed una interna, in quella esterna ci sono dei piccoli medi e grandi trattori o utensili per le campagne e all'interno appunto salumi, formaggi, cosmetici per la pelle, materassi, ecc. Larino

    Fiera campionaria di origini contadine che nei secoli scorsi era punto di passaggio per tutti coloro che, attraverso i tratturi, effettuavano la transumanza verso la vicina Puglia, si vendevano soprattutto...

    Borgo di Larino

  • Festa di San Pardo
    Dal 25-05-2020 Al 27-05-2020 | Larino (CB)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-25 2020-05-27 Europe/Rome Festa di San Pardo La Festa Patronale di Larino è considerata una delle più belle che si celebrano in Italia. Le origini di questa festa sono datate nell'anno 842 quando alcuni abitanti sopravvissuti all'invasione dei Saraceni, trovarono il sepolcro che racchiudeva il corpo del Santo, considerandolo come un ritrovamento divino, i larinesi elessero il Santo come loro protettore, caricarono le sue spoglie su un carro rivestito di fiori e lo portarono in città, seguiti da una trionfante processione. L'allestimento dei carri (oggi se ne contano circa 130) è un'operazione che richiede tempo e impegno. I carri sono trainati da pecore, vitelli, mucche e buoi, artisticamente addobbati e ricoperti di fiori di carta crespa lavorati a mano dagli abitanti del paese. Il Carro rappresenta il simbolo della famiglia tramandato da generazione in generazione, in segno di continuità e della tradizione. Ciascun carro è contraddistinto da un numero progressivo, attribuitogli a seconda della data di fondazione; i numeri più bassi corrispondono a quelli più antichi, quelli più alti sono di origine recente. Larino

    La Festa Patronale di Larino è considerata una delle più belle che si celebrano in Italia. Le origini di questa festa sono datate nell'anno 842 quando alcuni abitanti sopravvissuti all'invasione dei...

    Borgo di Larino | Scopri di più


Notizie correlate

Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
La meraviglia delle terre del Prosecco, patrimonio mondiale dell’UNESCO, a due passi da Treviso. Tra chiese, ville e antichi lanifici.
By Luca Sartori
Cosa vedere e cosa fare a  Metaponto Lido
Cosa vedere e cosa fare a Metaponto Lido
Splendide località a pochi passi da Matera, che vi offriranno un viaggio emozionante tra storia e mare.
By Nadia Calasso
Tour sulla costa toscana, per chi arriva in auto o... in nave!
Tour sulla costa toscana, per chi arriva in auto o... in nave!
Dalla Versilia alla Maremma, viaggio alla scoperta di splendidi borghi che, oltre a offrire eccellenti servizi balneari, custodiscono opere d'arte di valore inestimabile. E per coloro che arrivano dalla Sardegna ci sono traghetti disponibili tutto l'anno
By Redazione
Cornello dei Tasso, l'antico crocevia della Val Brembana
Cornello dei Tasso, l'antico crocevia della Val Brembana
Alla scoperta del borgo orobico che nel Medioevo rappresentava un importante snodo commerciale e diede i natali alla stirpe del celebre poeta Torquato Tasso
By Redazione
'Arte a Pedali': sapori, natura e musica montano in sella!
'Arte a Pedali': sapori, natura e musica montano in sella!
L'8 giugno, dalle Terme di Comano, tra il Lago di Garda e le Dolomiti di Brenta, parte il tour e-bike, che unisce la passione per la bicicletta al gusto del buon cibo locale, lungo un tragitto panoramico alla scoperta di borghi antichi e con le sette note in sottofondo
By Redazione
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Sulla sponda occidentale del Lario, a pochi chilometri da Menaggio, di fronte a Bellagio e Varenna, sorge un piccolo borgo antico, meritevole di una bella gita primaverile
By Joni Scarpolini

Piú letti del mese

Al Castello di Santa Severa va in onda un agosto... spettacolare!
Al Castello di Santa Severa va in onda un agosto... spettacolare!
Presso lo splendido maniero che sorge sulla spiaggia di Santa Marinella, nel Lazio, va in scena un'estate ricca di eventi imperdibili. Ecco tutti gli appuntamenti
By Redazione
Ferragosto 2019. Ecco alcuni eventi nei borghi che vi sorprenderanno
Ferragosto 2019. Ecco alcuni eventi nei borghi che vi sorprenderanno
Non le solite feste patronali o festeggiamenti per l'Assunzione di Maria o San Rocco ma una serie di eventi in alcuni borghi che sicuramente vi rimarranno nel cuore.
By Redazione
RespirArt Day 2019, 5 opere per i 10 anni di Dolomiti UNESCO
RespirArt Day 2019, 5 opere per i 10 anni di Dolomiti UNESCO
Sabato 27 luglio il Parco d’Arte di Pampeago, in Val di Fiemme (Trentino), invita a scoprirle in compagnia degli artisti e degli studenti delle accademie d’arte di Varsavia e Venezia
By Redazione
Ricetta: Pasticciotto Leccese
Ricetta: Pasticciotto Leccese
Il Pasticciotto Leccese è uno dei dolci tipici del Salento, lo si trova anche nel bei borghi di Galatina, Otranto e Tricase. Una specialità da gustare in quei luoghi come a casa. Eccovi la ricetta originale.
By Nadia Calasso
Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
La meraviglia delle terre del Prosecco, patrimonio mondiale dell’UNESCO, a due passi da Treviso. Tra chiese, ville e antichi lanifici.
By Luca Sartori
Neo-eremiti e castellani
Neo-eremiti e castellani
Siamo nella striscia occidentale del Parco Regionale delle Serre calabresi, a Soreto e ad Arena: entrambe appartenenti alla provincia di Vibo Valentia. Un piccolo viaggio: in un antico convento francescano; in un piccolo borgo medioevale vibonese.
By Daniela Sorace
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di