In questo articolo percorreremo insieme la splendida Costiera Amalfitana per scoprirne i suoi tesori ed apprezzarne le sue specialità enogastronomiche.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Napoli: fuga in costiera

Mon, 24 Jul 2017
Napoli: fuga in costiera

Tra Cetara e Maiori, tra la Torre Vicereale, un piatto di spaghetti con colatura d’alici, le spiagge di Maiori e la Collegiata di Santa Maria a Mare.

Si resta senza fiato quando si approda in quest’angolo d’Italia. La Costiera Amalfitana lascia sempre a bocca aperta. Quando si giunge al cospetto di tale spettacolo prevalgono lo stupore e l’emozione e le parole incredibilmente vengono a mancare.

Da quest’angolo di costiera sembra tanto lontana la congestionata Napoli e le popolose cittadine del golfo all’ombra del Vesuvio che ci hanno accompagnato lungo il percorso. Torre Annunziata, Nocera Inferiore, Cava dè Tirreni, Vietri sul Mare e poi tanta meraviglia lungo questo primo tratto della famosa strada statale 163 Amalfitana, la sinuosa strada nota anche come “Nastro Azzurro” che tocca le perle di questo straordinario litorale.

Prima tappa della gita è il pittoresco borgo marinaro di Cetara, situata all’ombra del monte Falerio, che si insinua in una stretta vallata tra agrumeti e vigneti fino ad affacciarsi sul mare.

Un tempo roccaforte saracena fu a lungo sotto la dominazione della vicina potente Amalfi. Il mare cristallino ne ha sempre segnato la storia e le tradizioni, come quella della partenza primaverile dei suoi pescatori alla volta dei mari di Marocco ed Algeria per la pesca delle acciughe, importanti ingredienti della cucina tipica locale.

E’ la Torre Vicereale ad accoglierci all’arrivo, costruita in periodo angioino e ulteriormente fortificata durante la dominazione aragonese, edificio di difesa contro le scorrerie dei pirati e le invasioni dei Turchi. Passeggiando per le sue strade si apprezza il suo intatto fascino marinaro tra la spiaggia all’ombra della torre ed i suoi tesori artistici, tra cui la bella chiesa romanica di San Pietro Apostolo, dall’interno barocco, la cupola maiolicata ed il campanile duecentesco a bifore, e la seicentesca chiesa con convento di San Francesco, dalla cupola affrescata dal pittore Marco Benincasa.

Un piatto di spaghetti con la colatura d’alici, il ricavato della fermentazione di queste ultime messe a marinare, ed una frittura mista di pesce, tutto accompagnato con un buon Capri bianco DOC sono il meritato pranzo che ci concediamo prima di partire alla volta di Maiori, seconda tappa della gita in costiera.

In epoca medioevale fu il principale porto della Repubblica Amalfitana, luogo ricco di palazzi nobiliari e conventi. Pittoresco centro balneare, noto per la produzione di limoni, Maiori è dominata dalla rocca di San Nicola de Thoro Plano, e presenta una delle spiagge più estese della costiera. Ci si deve concedere una passeggiata sul suo lungomare prima di addentrarsi nel borgo e raggiungere il bel complesso duecentesco della Collegiata di Santa Maria a Mare, situato su un’altura nel cuore dell’abitato. Agli esterni settecenteschi, con il campanile del XIV secolo e la cupola emisferica rivestita di maioliche vietresi, si uniscono gli interni a tre navate, la sacrestia edificata nel 1866 e la cripta che custodisce le spoglie di San Clemente. Da non perdere una passeggiata in corso Regina fino a giungere al mare, mentre il sole inizia a calare.

E’ la poesia del tramonto a riaccompagnarci a Napoli. Dopo gli splendidi scenari delle coste frastagliate al tramonto, riecco comparire il Vesuvio che pare accoglierci e darci il benvenuto.  

COMMENTI :

Notizie correlate

Penisole del cuore
Penisole del cuore
Un tour tra le penisole e i promontori più belli d'Italia
By Antonella Andretta
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
La meraviglia delle terre del Prosecco, patrimonio mondiale dell’UNESCO, a due passi da Treviso. Tra chiese, ville e antichi lanifici.
By Luca Sartori
Cosa vedere e cosa fare a  Metaponto Lido
Cosa vedere e cosa fare a Metaponto Lido
Splendide località a pochi passi da Matera, che vi offriranno un viaggio emozionante tra storia e mare.
By Nadia Calasso
Tour sulla costa toscana, per chi arriva in auto o... in nave!
Tour sulla costa toscana, per chi arriva in auto o... in nave!
Dalla Versilia alla Maremma, viaggio alla scoperta di splendidi borghi che, oltre a offrire eccellenti servizi balneari, custodiscono opere d'arte di valore inestimabile. E per coloro che arrivano dalla Sardegna ci sono traghetti disponibili tutto l'anno
By Redazione
Cornello dei Tasso, l'antico crocevia della Val Brembana
Cornello dei Tasso, l'antico crocevia della Val Brembana
Alla scoperta del borgo orobico che nel Medioevo rappresentava un importante snodo commerciale e diede i natali alla stirpe del celebre poeta Torquato Tasso
By Redazione

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di