Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Ricetta: le Ferratelle abruzzesi

Fri, 08 Nov 2019
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi

Pizzelle, ferratelle, cancellate, neole, nevole o nivole: diversi sono i nomi ma tutti rappresentano un’unica regione. La loro preparazione, al di là del nome, prevede numerose varianti a seconda del paese o la zona di provenienza. Quella delle ferratelle è una tra le più apprezzate e note ricette tipiche abruzzesi.
In Abruzzo però le tipologie di preparazione sono due, che non si distinguono solo dalla quantità degli ingredienti ma anche dalla tipologia di piastra, detta “ferro”, utilizzato per prepararle:

  • Le pizzelle rigide, più croccanti perché cucinate mediante una ricetta che prevede meno impiego di lievito e uova.
  • Le pizzelle morbide, più “alte” e simili agli ormai celebri “waffles”, con cui spesso, non a caso, vengono confuse.

A Pescocostanzo, per fare un esempio, la ricetta prevede che venga usata la cannella per rendere le ferratelle di colore ambrato. La loro origine risale al tempo dei romani, quando si usava preparare il Crustulum, un biscotto molto simile alla moderna ferratella, per celebrare occasioni speciali. Nel ‘700, i ferri per la preparazione delle pizzelle venivano personalizzati da fabbri e artigiani, che usavano incidere su richiesta le iniziali del committente del lavoro. Una volta che il dolce veniva preparato, attraverso il marchio, era facile riconoscere chi lo aveva realizzato. Tale strumento diventò un oggetto di valore al pari del corredo nuziale, tanto da essere inserito tra gli oggetti portati in dote dalla sposa al momento del matrimonio. La differenza tra i ferri vecchi e quelli moderni sta nel fatto che i primi prevedevano un’apertura a “forbice”, poiché venivano utilizzati nel camino e questo permetteva di rilasciare la pizzella in maniera più agevole da chi aiutava la persona impegnata nella cottura.

Ferro

La differenza tra le piastre per il waffle e quelle per le pizzelle morbide sta nell’altezza: i primi infatti sono leggermente più profondi, in quanto la ricetta dei waffle prevede una ricrescita maggiore della cialda in fase di cottura. Quelli per le ferratelle sono rigide e molto sottili, ma anch’essi disponibili nella versione elettrica o per la fiamma viva. Ma ora andiamo a vedere come si preparano le ferratelle croccanti.

Ingredienti

Per circa 35 cialde
3 uova
6 cucchiai di zucchero
6 cucchiai d’olio di semi (oppure di oliva leggero)
3 cucchiai di liquore Anice o Sambuca
la buccia grattugiata di un limone non trattato
300 g di farina

Procedimento

Iniziamo mettendo le uova, lo zucchero, l’olio, il liquore e la buccia di limone in una ciotola e mescoliamo con una frusta a mano. Incorporiamo poi la farina, mescolando con un cucchiaio di legno e mettiamo il nostro composto da parte.
Nel frattempo, mettiamo il ferro tipico per ferratelle a surriscaldare sul fornello medio per circa 10 minuti a fiamma medio bassa. Ungiamo la superficie interna del ferro, solo quando stiamo iniziando a cuocere il nostro dolce, con un po’ d’olio e versiamoci un cucchiaino d’impasto nel centro. Chiudiamo il ferro e lasciamo cuocere per una 30 di secondi per lato o fino a doratura.
Facciamo raffreddare le ferratelle su una spianatoia e una volta fredde, se volete, potete farcirle con una confettura oppure con crema di nocciole.

Buon appetito!

COMMENTI :

Notizie correlate

Ricetta: I Tozzetti alle nocciole
Ricetta: I Tozzetti alle nocciole
Un dolce tipico della tradizione viterbese che ricorda i famosi “cantucci” ma che si differenziano per l’uso delle nocciole tostate
By Redazione
Prelibatezze dei parchi da nord a sud
Prelibatezze dei parchi da nord a sud
Un percorso enogastronomico che seduce le papille gustative, andando alla scoperta dei migliori parchi d'Italia
By Renata Giolli
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Le sfogliatelle di Lama dei Peligni sono decisamente le dirette discendenti delle note sfogliatelle napoletane
By Redazione
Ricetta: i Culurgiones d’Ogliastra
Ricetta: i Culurgiones d’Ogliastra
Gustosissimi ravioloni tipici dell'Ogliastra, unici sia per il sapore che per la loro forma a spiga di grano.
By Redazione
Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di