Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: gli Strascinati di Cascia

Fri, 04 Oct 2019
Ricetta: gli Strascinati di Cascia

Gli Strascinati di Cascia (o anche di Monteleone di Spoleto) sono un piatto simile alla più nota carbonara. La loro origine risale al 1494, quando i Capitani Paolo e Camillo Vitelli assalirono, insieme alla loro cavalleria, Monteleone di Spoleto per dar manforte a Re Carlo VII Re di Francia, intento allora alla conquista del Regno di Napoli. I due fratelli, stanchi e affamati, trovandosi alle porte del Castello di Vetranola, chiesero ristoro. Ritendendo però sleali gli abitanti, decisero di prendere il Castello con forza, mettendo gli uomini in prigione e obbligando le donne a cucinare per loro. L’odio e il rancore che le donne provavano per i due fratelli, le indusse a preparare un misero piatto di “penchi” sconditi, giustificandosi dicendo che non avevano niente di meglio da offrire. Tale comportamento provocò nei fratelli uno scatto di ira, ordinando così che tutti i prigionieri, con mani e piedi legati, venissero attaccati ai cavalli per essere “trascinati”, fino a morte, intorno al Castello. Inutili furono le preghiere delle donne finché una si offrì di variare quel piatto di penchi sconditi in un gustoso piatto, a patto che non mettessero in atto la sanguinosa rivalsa. La giovane andò quindi in cucina e con guanciale, uova, salsiccia e pecorino, creò un piatto talmente gustoso che placò i Vitelli dalla loro ira, liberando i prigionieri e lasciando il castello. Da quel giorno gli strascinati sono un piatto tipico nato a Spoleto, ma conosciuto come strascinati di Cascia.

Ingredienti

Per 4 persone:
Pasta
300 g di farina
3 uova
Sale
Condimento
300 g di salsiccia
100 g di guanciale/pancetta
3 uova
Pecorino grattugiato
Olio
Sale
Pepe

Procedimento

Iniziamo col fare la pasta. Su una spianatoia versiamo la farina, formando il classico incavo al centro. Poniamoci le uova e il sale e impastiamo fino ad ottenere un impasto liscio, elastico ed omogeneo. Raggiunta la giusta consistenza, formiamo una palla e ricopriamola con la pellicola trasparente, e lasciamola riposare per almeno mezz’ora.
Una volta trascorso il tempo necessario, togliamo la pellicola e stendiamola formando una sfoglia di almeno 1-2 mm di spessore. Tagliamola a strisce sottili di circa 6 cm di lunghezza e 2-3 cm di larghezza e con le dita “trascinate” ogni piccolo lembo di pasta sulla spianatoia infarinata, facendolo arrotolare su sé stesso. Ecco così che creiamo gli strascinati. Poniamoli su un vassoio e ricopriamoli con un po’ di semola di grano duro, in modo tale da non farli attaccare gli uni agli altri e lasciamoli asciugare per almeno mezz’ora.
Iniziamo con il condimento. Spelliamo le salsicce e sbricioliamole fino ad ottenere tanti piccoli pezzetti. Prendiamo il guanciale o la pancetta (a vostro piacimento) e sminuzziamola a strisce sottilissime. In una padella versiamo un filo d’olio e gli ingredienti precedentemente sminuzzati e lasciamoli rosolare.
Nel frattempo, rompiamo le uova in una ciotola e cominciamo a sbatterle fino a quando non si formerà una schiumetta e aggiungiamoci anche il pecorino. Continuiamo a sbattere per far incorporare il pecorino all’uovo fino a formare una crema.
Mettiamo a bollire una pentola di acqua e aggiungiamo una presa di sale, versiamo poi gli strascinati. Bastano pochi minuti per una cottura al dente. Una volta cotti, versiamoli nella padella con la salsiccia e il guanciale facendo saltare il tutto per un paio di minuti.
Spegniamo il fuoco e versiamo la cremina di uova e pecorino e mescoliamo. Aggiungiamo una grattata di pepe nero e serviamoli. Una volta impiattati aggiungiamoci una buona spolverata di pecorino grattugiato.
Buon appetito!
Foto di Salus Caffè Bistrot
COMMENTI :

Eventi a Cascia

  • Festa di Sant'Antonio Abate
    17-01-2020 | Cascia (PG)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-01-17 2020-01-17 Europe/Rome Festa di Sant'Antonio Abate Cascia

    Borgo di Cascia

  • Dal Falò alle Pasquarelle
    Dal 08-12-2020 Al 19-01-2020 | Cascia (PG)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-12-08 2020-01-19 Europe/Rome Dal Falò alle Pasquarelle Rassegna Presepi Cascia

    Rassegna Presepi

    Borgo di Cascia

  • Processione del Venerdì Santo
    10-04-2020 | Cascia (PG)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-10 2020-04-10 Europe/Rome Processione del Venerdì Santo Cascia

    Borgo di Cascia

  • Celebrazioni in onore della patrona Santa Rita da Cascia
    Dal 21-05-2020 Al 22-05-2020 | Cascia (PG)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-21 2020-05-22 Europe/Rome Celebrazioni in onore della patrona Santa Rita da Cascia Cascia

    Borgo di Cascia

  • Festa delle Rose e delle Rite a Roccaporena
    21-06-2020 | Cascia (PG)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-21 2020-06-21 Europe/Rome Festa delle Rose e delle Rite a Roccaporena Cascia

    Borgo di Cascia

  • Mostra mercato dello Zafferano di Cascia
    Dal 31-10-2020 Al 03-11-2020 | Cascia (PG)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2020-10-31 2020-11-03 Europe/Rome Mostra mercato dello Zafferano di Cascia Cascia

    Borgo di Cascia


Notizie correlate

Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione

Piú letti del mese

I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
La Finlandia è un paesaggio composto per il 10% da laghi, un luogo in cui si possono compiere esperienze autentiche nella natura e scoprire borghi tipici disseminati in ambiente singolare.
By Nicoletta Toffano
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di