Alla scoperta di un'antica specialità ligure, nonché piatto tipico del borgo marinaro delle Cinque Terre
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: la torta di riso salata di Riomaggiore

Ricetta: la torta di riso salata di Riomaggiore

La torta di riso salata è una ricetta tipica della Liguria, in particolare di Riomaggiore, uno dei borghi marinari appartenenti alle Cinque Terre. La torta di riso salata ha origini antiche. Per studiarle, dobbiamo tornare al 1500, quando il letterato Ortensio Lando compilò il Commentario delle più notabili et monstruose cose d’Italia, al quale aggiunse un Catalogo delli inventori delle cose che si mangiano et si bevano, in cui Lando menziona le «torte pasqualinhe, di verdure o d’altro vario contenuto», soprannominate «torte gattafure» perché le gatte volentieri «le furano, et vaghe ne sono», ovvero "ghiotte". Le torte salate nacquero per motivi economici, o meglio, parsimoniosi. Tanto che molti collegano questa parsimonia al presunto senso del risparmio comunemente associato ai liguri che, con poco materiale, riuscivano a creare un piatto unico, appetitoso e nutriente, buono da mangiare a tavola oppure seduti su uno scoglio.

Ingredienti

Per la pasta
  • 250 gr di farina
  • 2 cucchiai d’olio
  • 1 pizzico di sale
  • 100 ml circa di acqua tiepida
Per il ripieno
  • 300 gr di riso
  • 2 uova
  • 4 cucchiai di grana grattugiato
  • 150 g di prescinseua
  • o stracchino
  • 1 cucchiaio di olio
  • noce moscata
  • sale

Procedimento

Lavorare l’impasto a lungo. Aggiungere acqua finché si ottiene una pasta morbida. Dividere l’impasto in pezzi della grandezza di un limone, infarinarli e metterli in una pirofila coperta, poi con un canovaccio bagnato e ben strizzato. Lasciare riposare almeno per 6 ore. Ungere una teglia bassa (come quella da crostate, perfetto il pirex) e foderarla con la pasta, lasciando che ne escano 3 dita circa dal bordo. Mettere a bollire il latte con un pizzico di sale, unire il riso e cuocere al dente, lasciandolo poi a riposare nel latte stesso. In una terrina a parte, sbattere la ricotta, un uovo intero più il bianco dell’altro, il grana e una grattata di noce moscata. Unire il composto nel riso e latte tiepidi. Mescolare molto bene e versare la crema nella teglia. Ripiegare i bordi della pasta all’interno per tener fermo il ripieno. In una tazzina mescolare il rosso d’uovo rimasto insieme a un filo d’olio, spennellandolo delicatamente sul riso. Infornare a 200° per 30 minuti. Consumare tiepida o fredda.

Foto da www.ricettaidea.it

...buon appetito!

Notizie correlate

Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
Ricetta: il Boreto a la Graisana del borgo di Grado
Una zuppa di pesce che proprio una zuppa non è. Il Boreto a la Graisana è un piatto tipico, delizioso e speziato che esalta il sapore del pesce
By Redazione
Ricetta: Brosega di Paciano
Ricetta: Brosega di Paciano
Piatto tipico umbro dalle origini antichissime, è l'ideale per chi ama le uova strapazzate
By Redazione
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Dalla Valle d'Itria, in Puglia, ecco i famosi involtini con ripieno di carne di maiale. Una vera e propria esplosione... di sapore!
By Redazione
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione

Piú letti del mese

Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Una giornata a Castell'Arquato, tra vicoli saliscendi e una leggenda più viva che mai...
Vi portiamo in uno dei borghi medievali meglio conservati dell'Emilia-Romagna e dell'intero Nord Italia, alla riscoperta di un'atmosfera d'altri tempi e di un mistero ancora tutto da risolvere
By Stefano De Bernardi
Castel Savoia, una residenza da favola
Castel Savoia, una residenza da favola
Ai piedi del Monte Rosa, nei pressi di Gressoney-Saint-Jean, sorge l'antica villa della Regina Elisabetta, che in Valle d'Aosta trascorse molte estati, tra escursioni, scalate e amore per la botanica
By Joni Scarpolini
Calendario dei concerti nei borghi a luglio 2019
Calendario dei concerti nei borghi a luglio 2019
Un'imperdibile carrellata di concerti ed eventi musicali per gli amanti dei borghi e del buon sound
By Redazione
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Ricetta: le Bombette di Cisternino
Dalla Valle d'Itria, in Puglia, ecco i famosi involtini con ripieno di carne di maiale. Una vera e propria esplosione... di sapore!
By Redazione
Ricetta: Brosega di Paciano
Ricetta: Brosega di Paciano
Piatto tipico umbro dalle origini antichissime, è l'ideale per chi ama le uova strapazzate
By Redazione
e-borghi travel e Assoarte: quando il binomio è... un capolavoro!
e-borghi travel e Assoarte: quando il binomio è... un capolavoro!
La nostra rivista digitale lancia una rubrica dedicata alle opere di grandi artisti che, con il loro talento creativo, ci raccontano il mondo dei borghi e dei paesaggi
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di