Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani

Fri, 22 Feb 2019
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani

E’ un liquore poco conosciuto e dal nome apparentemente francese, il Génépy, tipico dei borghi della Valle d’Aosta. In realtà si ottiene per infusione di varie erbe nelle quali prevale l’artemisia weber seguita a ruota dall’artemisia glacialis. Entrambe erbe alpine, per vivere devono “stare in quota”: minimo 2.000 metri, ma non disdegnano nemmeno i 3.000, dove crescono su terreni morenici che i ghiacciai lasciano scoperti durante le loro cicliche “ritirate”. Le artemisia concorrono con l’alcool o con la grappa a produrre il liquore della regione: 40 gradi di natura allo stato puro da assaporare come tonico oppure da miscelare con il caffè per il caratteristico caffè alla valdostana, ricco anche di altri ingredienti, fra i quali la cannella.

Ingredienti

  • 45 piantine di artemisia coltivata (si possono acquistare anche online)
  • 500 cc di alcool puro a 95 gradi
  • 500 grammi di acqua naturale
  • 125 grammi di zucchero semolato

Procedimento

Mettete a macerare per 40 giorni le piantine nell'alcool in un vaso di vetro, riposto in luogo buio e a temperatura di cantina. Di tanto in tanto agitate il composto. Trascorso questo periodo aggiungete alle piantine messe nell’alcool uno sciroppo, ottenuto facendo bollire l'acqua con lo zucchero. Mescolate bene e lasciate riposare un altro giorno prima di imbottigliare. A questo punto si può filtrare il tutto con un colino a maglie finissime, ma nei borghi ancora si usa un canovaccio di tela pulito! Imbottigliate il Génépy e lasciar riposare altri 40 giorni. Il Génépy necessita di tempo affinché il suo sapore e il suo aroma possano sprigionarsi appieno. E il risultato merita.

Foto principale: http://luirig.altervista.org

 

Notizie correlate

Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di