Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna

Fri, 08 Feb 2019
Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna

“Ci si gode, tanto del ber quant’è grande la sete”. Così scrisse il sommo poeta italiano Dante Alighieri (1265-1321) nel XX canto del Purgatorio della sua universalmente nota Divina Commedia. Nello stesso periodo, le bevande “spiritose” iniziavano il loro inarrestabile cammino verso la popolarità. L’elisir di Sardegna è il Mirto, liquore con una gradazione alcolica di 30-35 gradi che si ottiene mediante infusione idroalcolica a freddo o delle bacche di colore violaceo scuro o delle foglie: con le prime si ottiene il mirto rosso, con le seconde si ha il mirto bianco. Entrambi prelibati se serviti freddi, vantano proprietà tonificanti e digestive. Il frutto del mirto matura verso novembre e da questo periodo per tutto l’inverno si esegue la raccolta delle bacche, interamente a mano: non esistono macchine in grado di sostituire l’uomo, capaci di staccare le bacche dalla pianta senza offendere l’arbusto.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di bacche di mirto sardo (se non siete in Sardegna a raccoglierle, si possono acquistare online)
  • 1 litro di alcool puro a 90-95°
  • 1,5/2 litri di acqua
  • 600 grammi circa di zucchero, in base ai gusti personali

Procedimento

Innanzitutto procuratevi uno o più contenitori in vetro con chiusura ermetica in modo da contenere tutte le bacche. Iniziate quindi a pulire le bacche di mirto da rametti ed eventuali residui e lasciatele appassire 2-3 giorni. Riempite il contenitore con le bacche senza pressarle, lasciando 2-3 cm dal bordo e versate l’alcool fino a coprire completamente tutte le bacche. Chiudete bene e conservate in un luogo buio a macerare per 40-50 giorni. Ogni settimana controllate il livello dell’alcool: se non copre tutte le bacche, dovrete aggiungerne un pochino. Trascorso il periodo di macerazione, travasate l’estratto di mirto in un altro contenitore utilizzando un colino, utile sia per effettuare una prima filtratura sia per scolare bene le bacche dall’essenza liquida. Mettete le bacche macerate da parte in un contenitore. Ora bisogna fare lo sciroppo di acqua e zucchero, quindi in un tegame mettete l’acqua fredda e versateci lo zucchero mescolando bene. Si consiglia 1,5 litri di acqua, ma dipende dalla gradazione che volete ottenere e lo stesso discorso vale per lo zucchero, a seconda della dolcezza che desiderate. Mettete sul fuoco, mescolate bene, lasciate in ebollizione per circa 10 minuti e poi fate raffreddare. Adesso si possono miscelare lo sciroppo all’estratto di mirto: mescolate bene il tutto, conservate al buio almeno per 15 giorni mescolando ogni 3-4 giorni per amalgamare bene, dopodiché potete travasare in bottiglie.

 Foto principale: www.ricettedisardegna.it

COMMENTI :

Notizie correlate

Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: il Panficato gigliese
Ricetta: il Panficato gigliese
Discepolo del panforte senese, il panficato è il dolce tipico di Giglio Castello che viene preparato con fichi secchi e noci e tanti altri prodotti tipici dell'isola
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di