Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna

Fri, 08 Feb 2019
Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna

“Ci si gode, tanto del ber quant’è grande la sete”. Così scrisse il sommo poeta italiano Dante Alighieri (1265-1321) nel XX canto del Purgatorio della sua universalmente nota Divina Commedia. Nello stesso periodo, le bevande “spiritose” iniziavano il loro inarrestabile cammino verso la popolarità. L’elisir di Sardegna è il Mirto, liquore con una gradazione alcolica di 30-35 gradi che si ottiene mediante infusione idroalcolica a freddo o delle bacche di colore violaceo scuro o delle foglie: con le prime si ottiene il mirto rosso, con le seconde si ha il mirto bianco. Entrambi prelibati se serviti freddi, vantano proprietà tonificanti e digestive. Il frutto del mirto matura verso novembre e da questo periodo per tutto l’inverno si esegue la raccolta delle bacche, interamente a mano: non esistono macchine in grado di sostituire l’uomo, capaci di staccare le bacche dalla pianta senza offendere l’arbusto.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di bacche di mirto sardo (se non siete in Sardegna a raccoglierle, si possono acquistare online)
  • 1 litro di alcool puro a 90-95°
  • 1,5/2 litri di acqua
  • 600 grammi circa di zucchero, in base ai gusti personali

Procedimento

Innanzitutto procuratevi uno o più contenitori in vetro con chiusura ermetica in modo da contenere tutte le bacche. Iniziate quindi a pulire le bacche di mirto da rametti ed eventuali residui e lasciatele appassire 2-3 giorni. Riempite il contenitore con le bacche senza pressarle, lasciando 2-3 cm dal bordo e versate l’alcool fino a coprire completamente tutte le bacche. Chiudete bene e conservate in un luogo buio a macerare per 40-50 giorni. Ogni settimana controllate il livello dell’alcool: se non copre tutte le bacche, dovrete aggiungerne un pochino. Trascorso il periodo di macerazione, travasate l’estratto di mirto in un altro contenitore utilizzando un colino, utile sia per effettuare una prima filtratura sia per scolare bene le bacche dall’essenza liquida. Mettete le bacche macerate da parte in un contenitore. Ora bisogna fare lo sciroppo di acqua e zucchero, quindi in un tegame mettete l’acqua fredda e versateci lo zucchero mescolando bene. Si consiglia 1,5 litri di acqua, ma dipende dalla gradazione che volete ottenere e lo stesso discorso vale per lo zucchero, a seconda della dolcezza che desiderate. Mettete sul fuoco, mescolate bene, lasciate in ebollizione per circa 10 minuti e poi fate raffreddare. Adesso si possono miscelare lo sciroppo all’estratto di mirto: mescolate bene il tutto, conservate al buio almeno per 15 giorni mescolando ogni 3-4 giorni per amalgamare bene, dopodiché potete travasare in bottiglie.

 Foto principale: www.ricettedisardegna.it

Eventi a Sorso

  • Santa Rita da Cascia
    22-05-2019 | Sorso (SS)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-05-22 2019-05-22 Europe/Rome Santa Rita da Cascia Sorso

    Borgo di Sorso

  • Beata Vergine di Noli Me Tollere
    26-05-2019 | Sorso (SS)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-05-26 2019-05-26 Europe/Rome Beata Vergine di Noli Me Tollere La festa è in parte agreste e in parte cittadina. Si festeggia il miracoloso simulacro che, secondo la tradizione popolare, scomparve da una chiesa in cui era stato collocato al centro cittadino per riapparire nel luogo dove sorge oggi la cappella dedicata alla Vergine. Sotto i piedi del simulacro, quando venne ritrovato, in una pietra di marmo era scritto “Noli Me Tollere” (non mi spostate). Nel 2008 ne ricorse l'ottavo centenario dell'apparizione. Sorso

    La festa è in parte agreste e in parte cittadina. Si festeggia il miracoloso simulacro che, secondo la tradizione popolare, scomparve da una chiesa in cui era stato collocato al centro cittadino per riapparire...

    Borgo di Sorso

  • Sant'Antonio da Padova
    13-06-2019 | Sorso (SS)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-13 2019-06-13 Europe/Rome Sant'Antonio da Padova Sorso

    Borgo di Sorso

  • San Costantino
    07-07-2019 | Sorso (SS)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-07-07 2019-07-07 Europe/Rome San Costantino Viene svolta la tradizionale Ardia attorno alla chiesa della Vergine d'Itria Sorso

    Viene svolta la tradizionale Ardia attorno alla chiesa della Vergine d'Itria

    Borgo di Sorso

  • Sagra della melanzana
    26-07-2019 | Sorso (SS)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2019-07-26 2019-07-26 Europe/Rome Sagra della melanzana Sorso

    Borgo di Sorso

  • San Pantaleo
    Dal 25-07-2019 Al 27-07-2019 | Sorso (SS)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-07-25 2019-07-27 Europe/Rome San Pantaleo Patrono del paese, è festeggiato con balli in piazza, albero della cuccagna, e manifestazioni sportive. Sorso

    Patrono del paese, è festeggiato con balli in piazza, albero della cuccagna, e manifestazioni sportive.

    Borgo di Sorso | Scopri di più

  • Madonna degli Angeli
    02-08-2019 | Sorso (SS)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-08-02 2019-08-02 Europe/Rome Madonna degli Angeli Sorso

    Borgo di Sorso


Notizie correlate

Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di