A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
Fri, 30 Nov 2018

Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise

Secondo la leggenda, i mostaccioli furono regalati secoli fa ai contadini molisani da un monaco misterioso, apparso all’improvviso e poi scomparso nel nulla. Prima di far perdere le sue tracce, però, il monaco rivelò a un coltivatore curioso gli ingredienti di questi dolcetti assicurandogli che, preparandoli, avrebbe trovato loro un nome appropriato. Il contadino, tornato a casa, chiese alla moglie di realizzare i biscotti seguendo la ricetta che il monaco gli aveva donato aggiungendovi, però, il mosto. Ed ecco che arrivò l’idea del nome, “mostacciolo”, dal latino “mostacea”, ovvero mosto. Tipici dolci natalizi dei borghi molisani, i mostaccioli al giorno d’oggi vengono preparati la sera della Vigilia di Natale. Anche all’aria aperta e davanti a numerosi falò accesi per l’occasione nelle piazze dei borghi della regione.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di farina
  • 600 grammi di miele (in alternativa 300 grammi di miele e 300 grammi di zucchero)
  • 4 uova intere
  • 500 grammi di mandorle tritate (in alternativa 300 grammi di mandorle e 200 grammi di nocciole)
  • 100 grammi di cacao amaro
  • un bicchiere di olio di semi
  • una tazzina di caffè
  • un bicchiere di mosto cotto (in alternativa si può utilizzare del Marsala)
  • buccia grattugiata di un limone e di un’arancia
  • un pizzico di cannella
  • polvere di chiodi di garofano

Procedimento

Far scaldare il miele a bagnomaria aggiungendovi le mandorle e le nocciole tritate, la cannella, i chiodi di garofano, la buccia del limone e dell’arancia. A questo punto mescolare la farina insieme a tutti gli altri ingredienti in un recipiente abbastanza capiente, versando gradualmente il mosto cotto fino a quando non si otterrà un composto omogeneo. Stendere la pasta ottenuta lasciando uno spessore di circa un centimetro e tagliare a rombi, quindi disporre su una teglia ricoperta di carta da forno e infornare per una ventina di minuti a 170 gradi, in forno già caldo. Per preparare la glassatura, invece, occorrono il cioccolato fondente e mezzo bicchiere di olio da unire in un pentolino scaldandoli a bagnomaria, fino a quando non si otterrà una crema al cioccolato fluida e senza grumi. A questo punto, dopo averli fatti raffreddare, immergere i mostaccioli nel cioccolato - uno per volta - oppure versare direttamente il cioccolato sciolto sopra i biscotti. Lasciar raffreddare completamente ed ecco che i mostaccioli sono pronti per essere gustati.

 Foto principale: lamiacucinacasalinga.forumcommunity.net

...buon appetito

Eventi a Agnone

  • San Cristanziano
    13-05-2019 | Agnone (IS)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-05-13 2019-05-13 Europe/Rome San Cristanziano Agnone

    Borgo di Agnone

  • 'Ndocciata
    24-12-2019 | Agnone (IS)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2019-12-24 2019-12-24 Europe/Rome 'Ndocciata Si tratta del più grande rito di fuoco che si conosca. Una sfilata di migliaia di enormi fiaccole costruite artigianalmente. Questa tradizione probabilmente nell'antichità era connessa ai riti della rinascita della luce. Durante l'evento è possibile gustare gli ottimi prodotti della gastronomia locale, nei vari punti ristoro dislocati all'interno della manifestazione. Agnone

    Si tratta del più grande rito di fuoco che si conosca. Una sfilata di migliaia di enormi fiaccole costruite artigianalmente. Questa tradizione probabilmente nell'antichità era connessa ai riti della...

    Borgo di Agnone | Scopri di più


Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi