E’ il dolce tradizionale della provincia di Parma e ogni borgo del territorio vanta la sua ricetta. Una prelibatezza dalle origini antiche e che trasmette, oltre al sapore, tutta l’atmosfera della tradizione natalizia

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: La Spongata, il dolce di Natale dei borghi di Parma

Ricetta: La Spongata, il dolce di Natale dei borghi di Parma

La Spongata è uno scrigno di pastafrolla ricco, al suo interno, di un ripieno di pinoli, miele, uvetta, mandorle, cedro pangrattato e spezie. Le origini di questo dolce sono trecentesche e la storia, intrecciata a leggenda, narra che nel 1454 un generale di Parma inviò in dono la Spongata a Francesco Sforza, duca di Milano. Il nome pare derivi da “sponga“, che tradotto dal dialetto all’italiano significa “spugna“, probabilmente in virtù del suo spetto: l’involucro di pasta, infatti, un tempo veniva “pizzicato” nella parte superiore facendo assumere, appunto, un aspetto spugnoso. Una specialità antica, la Spongata, da assaporare nei borghi parmensi del presente per vivere la magica atmosfera di un tempo.

Ingredienti

  • 250 grammi di farina 00
  • 80 grammi di burro
  • 120 grammi di zucchero
  • 300 grammi di miele
  • 150 grammi di noci
  • 80 grammi di uvetta
  • 60 grammi di cedro candito
  • 60 grammi di pinoli
  • chiodi di garofano
  • noce moscata
  • cannella
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 2 cucchiai di pan grattato
  • 1 uovo
  • zucchero a velo
  • sale

Procedimento

Fare ammorbidire l'uvetta in un recipiente con acqua tiepida e poi deporla in un piatto, ben scolata. Tagliare a dadini il cedro candito, pelare e tritare le noci e i pinoli, quindi tostare il pane grattugiato fino a ottenere una colorazione dorata. Scaldare il miele a bagnomaria poi aggiungervi il pane grattugiato tostato, le noci e i pinoli, avendo cura di insaporire il tutto con la noce moscata, la cannella e i chiodi di garofano. Amalgamare bene e aggiungere poco per volta anche l’uvetta e il cedro candito. Togliere dal fuoco e versare il composto in una terrina, coprire e far riposare in un luogo fresco. E’ il momento di preparare la pastafrolla: versare la farina “a fontana” sul tavolo, mettere al centro il burro a pezzetti insieme a uovo, zucchero, vino e un pizzico di sale. Amalgamare bene e lavorare l'impasto, quindi lasciarlo riposare una mezz’oretta. A questo punto dividere la pasta frolla in due parti - una leggermente più grande dell'altra - e stenderla ricavandone due dischi. In una teglia imburrata stendere il disco di pastafrolla più grande, aggiungere il ripieno e coprire con il disco rimasto. Per far cuocere bene la Spongata – trenta minuti circa in forno già caldo e a duecento gradi - bisogna bucherellare la superficie dopo averla spennellata con un pochino d'olio. Il dolce è ottimo freddo, avendo cura di spolverizzare con zucchero a velo.

 

Immagine principale: https://caffebook.it

...buon appetito

Eventi a Fontanellato


Notizie correlate

Ricetta: la torta di riso salata di Riomaggiore
Alla scoperta di un'antica specialità ligure, nonché piatto tipico del borgo marinaro delle Cinque Terre
By Redazione
Ricetta: Paccheri con carciofi alla procidana
Un primo piatto succulento e genuino della tradizione procidana.
By Redazione
Ricetta: Le Sagne de la Madonna del borgo di Roccavivara
Un primo piatto della tradizione molisana, semplice da preparare e ottimo da gustare
By Redazione
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
Il numero dedicato al benessere di e-borghi travel è online
Non perdete lo speciale dedicato al benessere, ai borghi e al turismo slow di e-borghi travel, la rivista digitale di viaggi
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi