E’ il dolce tradizionale della provincia di Parma e ogni borgo del territorio vanta la sua ricetta. Una prelibatezza dalle origini antiche e che trasmette, oltre al sapore, tutta l’atmosfera della tradizione natalizia

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: La Spongata, il dolce di Natale dei borghi di Parma

Ricetta: La Spongata, il dolce di Natale dei borghi di Parma

La Spongata è uno scrigno di pastafrolla ricco, al suo interno, di un ripieno di pinoli, miele, uvetta, mandorle, cedro pangrattato e spezie. Le origini di questo dolce sono trecentesche e la storia, intrecciata a leggenda, narra che nel 1454 un generale di Parma inviò in dono la Spongata a Francesco Sforza, duca di Milano. Il nome pare derivi da “sponga“, che tradotto dal dialetto all’italiano significa “spugna“, probabilmente in virtù del suo spetto: l’involucro di pasta, infatti, un tempo veniva “pizzicato” nella parte superiore facendo assumere, appunto, un aspetto spugnoso. Una specialità antica, la Spongata, da assaporare nei borghi parmensi del presente per vivere la magica atmosfera di un tempo.

Ingredienti

  • 250 grammi di farina 00
  • 80 grammi di burro
  • 120 grammi di zucchero
  • 300 grammi di miele
  • 150 grammi di noci
  • 80 grammi di uvetta
  • 60 grammi di cedro candito
  • 60 grammi di pinoli
  • chiodi di garofano
  • noce moscata
  • cannella
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 2 cucchiai di pan grattato
  • 1 uovo
  • zucchero a velo
  • sale

Procedimento

Fare ammorbidire l'uvetta in un recipiente con acqua tiepida e poi deporla in un piatto, ben scolata. Tagliare a dadini il cedro candito, pelare e tritare le noci e i pinoli, quindi tostare il pane grattugiato fino a ottenere una colorazione dorata. Scaldare il miele a bagnomaria poi aggiungervi il pane grattugiato tostato, le noci e i pinoli, avendo cura di insaporire il tutto con la noce moscata, la cannella e i chiodi di garofano. Amalgamare bene e aggiungere poco per volta anche l’uvetta e il cedro candito. Togliere dal fuoco e versare il composto in una terrina, coprire e far riposare in un luogo fresco. E’ il momento di preparare la pastafrolla: versare la farina “a fontana” sul tavolo, mettere al centro il burro a pezzetti insieme a uovo, zucchero, vino e un pizzico di sale. Amalgamare bene e lavorare l'impasto, quindi lasciarlo riposare una mezz’oretta. A questo punto dividere la pasta frolla in due parti - una leggermente più grande dell'altra - e stenderla ricavandone due dischi. In una teglia imburrata stendere il disco di pastafrolla più grande, aggiungere il ripieno e coprire con il disco rimasto. Per far cuocere bene la Spongata – trenta minuti circa in forno già caldo e a duecento gradi - bisogna bucherellare la superficie dopo averla spennellata con un pochino d'olio. Il dolce è ottimo freddo, avendo cura di spolverizzare con zucchero a velo.

 

Immagine principale: https://caffebook.it

...buon appetito

Eventi a Fontanellato


Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi