E’ il dolce tradizionale della provincia di Parma e ogni borgo del territorio vanta la sua ricetta. Una prelibatezza dalle origini antiche e che trasmette, oltre al sapore, tutta l’atmosfera della tradizione natalizia
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: La Spongata, il dolce di Natale dei borghi di Parma

Ricetta: La Spongata, il dolce di Natale dei borghi di Parma

La Spongata è uno scrigno di pastafrolla ricco, al suo interno, di un ripieno di pinoli, miele, uvetta, mandorle, cedro pangrattato e spezie. Le origini di questo dolce sono trecentesche e la storia, intrecciata a leggenda, narra che nel 1454 un generale di Parma inviò in dono la Spongata a Francesco Sforza, duca di Milano. Il nome pare derivi da “sponga“, che tradotto dal dialetto all’italiano significa “spugna“, probabilmente in virtù del suo spetto: l’involucro di pasta, infatti, un tempo veniva “pizzicato” nella parte superiore facendo assumere, appunto, un aspetto spugnoso. Una specialità antica, la Spongata, da assaporare nei borghi parmensi del presente per vivere la magica atmosfera di un tempo.

Ingredienti

  • 250 grammi di farina 00
  • 80 grammi di burro
  • 120 grammi di zucchero
  • 300 grammi di miele
  • 150 grammi di noci
  • 80 grammi di uvetta
  • 60 grammi di cedro candito
  • 60 grammi di pinoli
  • chiodi di garofano
  • noce moscata
  • cannella
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 2 cucchiai di pan grattato
  • 1 uovo
  • zucchero a velo
  • sale

Procedimento

Fare ammorbidire l'uvetta in un recipiente con acqua tiepida e poi deporla in un piatto, ben scolata. Tagliare a dadini il cedro candito, pelare e tritare le noci e i pinoli, quindi tostare il pane grattugiato fino a ottenere una colorazione dorata. Scaldare il miele a bagnomaria poi aggiungervi il pane grattugiato tostato, le noci e i pinoli, avendo cura di insaporire il tutto con la noce moscata, la cannella e i chiodi di garofano. Amalgamare bene e aggiungere poco per volta anche l’uvetta e il cedro candito. Togliere dal fuoco e versare il composto in una terrina, coprire e far riposare in un luogo fresco. E’ il momento di preparare la pastafrolla: versare la farina “a fontana” sul tavolo, mettere al centro il burro a pezzetti insieme a uovo, zucchero, vino e un pizzico di sale. Amalgamare bene e lavorare l'impasto, quindi lasciarlo riposare una mezz’oretta. A questo punto dividere la pasta frolla in due parti - una leggermente più grande dell'altra - e stenderla ricavandone due dischi. In una teglia imburrata stendere il disco di pastafrolla più grande, aggiungere il ripieno e coprire con il disco rimasto. Per far cuocere bene la Spongata – trenta minuti circa in forno già caldo e a duecento gradi - bisogna bucherellare la superficie dopo averla spennellata con un pochino d'olio. Il dolce è ottimo freddo, avendo cura di spolverizzare con zucchero a velo.

 

Immagine principale: https://caffebook.it

...buon appetito

COMMENTI :

Eventi a Fontanellato


Notizie correlate

I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di