Sono ottimi caldi, quando sprigionano il profumo del loro ripieno e rimandano ai tempi in cui venivano cotti sulle stufe a legna. Una preparazione sfiziosa, una tipicità gastronomica della valle trentina, incastonata tra le montagne e il lago
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: i Caponec, un viaggio del gusto fra i borghi della Val di Ledro

Ricetta: i Caponec, un viaggio del gusto fra i borghi della Val di Ledro

Sono gnocchetti gustosi, cotti in foglie di vite e apprezzati in tutte le stagioni, anche se nei borghi della val di Ledro il loro trionfo è alla fine dell’estate, quando ci sono le foglie di vite mature e le erbe vengono raccolte nei campi. Ovviamente in tutta Italia vengono preparati in tutte le stagioni: le foglie di vite si acquistano nei negozi di prodotti biologici e consentono di cucinare i Caponec, una prelibatezza che viene tramandata di generazione in generazione. Si dice che ogni abitante della valle abbia una sua personale – e segreta – variante, soprattutto a Pieve di Ledro, dove una volta i Caponec si cuocevano sul fuoco in un paiolo di rame. Vi proponiamo la ricetta classica, per insaporire e colorare le tavole d’autunno con i sapori della natura.

Ingredienti

  • 300 grammi di erbette
  • 500 grammi di pane grattugiato
  • 300 grammi di Trentingrana grattugiato
  • 2 uova
  • 200 grammi di luganega fresca o, in alternativa, di lardo
  • brodo
  • 100 grammi di prezzemolo
  • pepe
  • 3 spicchi d’aglio
  • 30 foglie di vite
  • spago sottile

Procedimento

Gli ingredienti servono per preparare trenta Caponec. Si inizia mescolando il pane con il formaggio grattugiato e un pizzico di pepe. In un recipiente a parte mettere le due uova e sbatterle sino a rendere il composto ben amalgamato, quindi preparare la luganega pestata – o il lardo - e farla rosolare. Aggiungere quindi le erbette precedentemente tritate finemente e lasciar raffreddare il composto. Tritare il prezzemolo e tre spicchi di aglio, prendere poi un bicchiere d’olio d’oliva e del brodo e amalgamare tutti gli ingredienti fino a ottenere un impasto morbido. Prendere le trenta foglie di vite, dividere l’impasto in altrettante piccole porzioni e metterle a una a una nelle foglie di vite, chiudendole a fagottino e legandole con dello spago sottile. Cuocere i Caponec in acqua bollente salata per un quarto d’ora circa, quindi scolarli e poi – ben asciutti - portarli in tavola.

Foto principale: www.vallediledro.com

...buon appetito

Eventi a

Non ci sono eventi per i criteri selezionati

Notizie correlate

Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di