Sono ottimi caldi, quando sprigionano il profumo del loro ripieno e rimandano ai tempi in cui venivano cotti sulle stufe a legna. Una preparazione sfiziosa, una tipicità gastronomica della valle trentina, incastonata tra le montagne e il lago
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: i Caponec, un viaggio del gusto fra i borghi della Val di Ledro

Ricetta: i Caponec, un viaggio del gusto fra i borghi della Val di Ledro

Sono gnocchetti gustosi, cotti in foglie di vite e apprezzati in tutte le stagioni, anche se nei borghi della val di Ledro il loro trionfo è alla fine dell’estate, quando ci sono le foglie di vite mature e le erbe vengono raccolte nei campi. Ovviamente in tutta Italia vengono preparati in tutte le stagioni: le foglie di vite si acquistano nei negozi di prodotti biologici e consentono di cucinare i Caponec, una prelibatezza che viene tramandata di generazione in generazione. Si dice che ogni abitante della valle abbia una sua personale – e segreta – variante, soprattutto a Pieve di Ledro, dove una volta i Caponec si cuocevano sul fuoco in un paiolo di rame. Vi proponiamo la ricetta classica, per insaporire e colorare le tavole d’autunno con i sapori della natura.

Ingredienti

  • 300 grammi di erbette
  • 500 grammi di pane grattugiato
  • 300 grammi di Trentingrana grattugiato
  • 2 uova
  • 200 grammi di luganega fresca o, in alternativa, di lardo
  • brodo
  • 100 grammi di prezzemolo
  • pepe
  • 3 spicchi d’aglio
  • 30 foglie di vite
  • spago sottile

Procedimento

Gli ingredienti servono per preparare trenta Caponec. Si inizia mescolando il pane con il formaggio grattugiato e un pizzico di pepe. In un recipiente a parte mettere le due uova e sbatterle sino a rendere il composto ben amalgamato, quindi preparare la luganega pestata – o il lardo - e farla rosolare. Aggiungere quindi le erbette precedentemente tritate finemente e lasciar raffreddare il composto. Tritare il prezzemolo e tre spicchi di aglio, prendere poi un bicchiere d’olio d’oliva e del brodo e amalgamare tutti gli ingredienti fino a ottenere un impasto morbido. Prendere le trenta foglie di vite, dividere l’impasto in altrettante piccole porzioni e metterle a una a una nelle foglie di vite, chiudendole a fagottino e legandole con dello spago sottile. Cuocere i Caponec in acqua bollente salata per un quarto d’ora circa, quindi scolarli e poi – ben asciutti - portarli in tavola.

Foto principale: www.vallediledro.com

...buon appetito

COMMENTI :

Eventi a

Non ci sono eventi per i criteri selezionati

Notizie correlate

I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di