Sono ottimi caldi, quando sprigionano il profumo del loro ripieno e rimandano ai tempi in cui venivano cotti sulle stufe a legna. Una preparazione sfiziosa, una tipicità gastronomica della valle trentina, incastonata tra le montagne e il lago

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: i Caponec, un viaggio del gusto fra i borghi della Val di Ledro

Ricetta: i Caponec, un viaggio del gusto fra i borghi della Val di Ledro

Sono gnocchetti gustosi, cotti in foglie di vite e apprezzati in tutte le stagioni, anche se nei borghi della val di Ledro il loro trionfo è alla fine dell’estate, quando ci sono le foglie di vite mature e le erbe vengono raccolte nei campi. Ovviamente in tutta Italia vengono preparati in tutte le stagioni: le foglie di vite si acquistano nei negozi di prodotti biologici e consentono di cucinare i Caponec, una prelibatezza che viene tramandata di generazione in generazione. Si dice che ogni abitante della valle abbia una sua personale – e segreta – variante, soprattutto a Pieve di Ledro, dove una volta i Caponec si cuocevano sul fuoco in un paiolo di rame. Vi proponiamo la ricetta classica, per insaporire e colorare le tavole d’autunno con i sapori della natura.

Ingredienti

  • 300 grammi di erbette
  • 500 grammi di pane grattugiato
  • 300 grammi di Trentingrana grattugiato
  • 2 uova
  • 200 grammi di luganega fresca o, in alternativa, di lardo
  • brodo
  • 100 grammi di prezzemolo
  • pepe
  • 3 spicchi d’aglio
  • 30 foglie di vite
  • spago sottile

Procedimento

Gli ingredienti servono per preparare trenta Caponec. Si inizia mescolando il pane con il formaggio grattugiato e un pizzico di pepe. In un recipiente a parte mettere le due uova e sbatterle sino a rendere il composto ben amalgamato, quindi preparare la luganega pestata – o il lardo - e farla rosolare. Aggiungere quindi le erbette precedentemente tritate finemente e lasciar raffreddare il composto. Tritare il prezzemolo e tre spicchi di aglio, prendere poi un bicchiere d’olio d’oliva e del brodo e amalgamare tutti gli ingredienti fino a ottenere un impasto morbido. Prendere le trenta foglie di vite, dividere l’impasto in altrettante piccole porzioni e metterle a una a una nelle foglie di vite, chiudendole a fagottino e legandole con dello spago sottile. Cuocere i Caponec in acqua bollente salata per un quarto d’ora circa, quindi scolarli e poi – ben asciutti - portarli in tavola.

Foto principale: www.vallediledro.com

...buon appetito

Eventi

Non ci sono eventi per i criteri selezionati

Notizie correlate

Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori