La ricetta risalirebbe addirittura ai tempi dei Gonzaga e celebra l’incontro autunnale fra i sapori della campagna. Un trionfo agrodolce, ricco di carattere e con la zucca nel ripieno, in tema per festeggiare Halloween
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: I tortelli di zucca del borgo di Sabbioneta, i sapori della campagna in autunno

Fri, 26 Oct 2018
Ricetta: I tortelli di zucca del borgo di Sabbioneta, i sapori della campagna in autunno

La zucca abbraccia voluttuosa gli amaretti, la mostarda di frutta e il Parmigiano Reggiano. A racchiuderli, un sottile scrigno di pasta fresca. Sono i famosi tortelli di Sabbioneta, tipici della città di Mantova e di tutto il suo territorio, disseminato di borghi incastonati nel verde della campagna lombarda. Fra questi c’è Sabbioneta e in questa ricetta vi proponiamo i tortelli di zucca che si preparano in questo borgo fondato nel Cinquecento da Vespasiano Gonzaga Colonna. Un primo piatto che colora le tavole in autunno e la cui particolarità è la combinazione del sapore dolce della zucca - e degli amaretti - in contrasto con il salato del formaggio e il leggero accento piccante della mostarda. Molte, naturalmente, sono le varianti della ricetta tradizionale, che ormai ha fatto il giro d’Italia e consente di prepararli proprio come vuole la tradizione. Ecco come fare.

Ingredienti

Per il ripieno

  • 1.200 grammi di zucca mantovana
  • 150 grammi di amaretti
  • 150 di mostarda mantovana con relativo sciroppo
  • 150 grammi di Parmigiano Reggiano
  • la buccia di mezzo limone
  • una manciata di pangrattato (per dare consistenza all’impasto)
  • noce moscata
  • sale e pepe

 Per la pasta

  • 400 grammi di farina 00
  • 4 uova e un tuorlo
  • 25 grammi di olio extra vergine di oliva

 Per il condimento

  • 25 grammi di burro
  • 5 foglioline di salvia

Procedimento

Si inizia con l’impasto, che per praticità può essere preparato il giorno prima: lavare la zucca, privarla di semi e buccia e tagliarla a spicchi - non troppo grandi – e poi metterla in forno in una teglia e per una quarantina di minuti, sino a quando è ben cotta e asciutta. Aspettare che la zucca si raffreddi per poterla lavorare e intanto schiacciare e tritare la mostarda insieme agli amaretti. Passare la zucca nello schiacciapatate e metterla in un recipiente insieme agli amaretti sbriciolati, alla mostarda, al Parmigiano Reggiano, alla buccia grattugiata di un limone. Mescolare accuratamente, aggiungere una spolverata di noce moscata e un pizzico di sale e pepe. Se la consistenza dell’impasto è troppo morbida, aggiungere una manciata di pane grattugiato. Il ripieno è pronto, ora si passa alla pasta: mettere la farina sul tavolo e fare la “fontana” al centro con dentro le uova e l’olio e iniziare a impastare. Prima con una forchetta, poi con le mani sino a formare una “palla” elastica e soda. Coprire con uno strofinaccio e lasciare riposare a temperatura ambiente per un’oretta. Stendere quindi l’impasto sino a ottenere una sfoglia molto sottile e predisporre strisce larghe circa 6-7 centimetri. E’ il momento di aggiungere il ripieno: un cucchiaino per volta, distanziando i mucchietti tra di loro di circa 3 centimetri. Chiudere i tortelli con un’altra striscia di pasta e premere bene per non far uscire il ripieno, quindi tagliare ogni tortello con una rotella dentellata. A parte, intanto, far sciogliere del burro in una padella con della salvia quindi mettere i tortelli in una pentola con acqua bollente salata. Quando i tortelli sono pronti, cospargerli con il burro fuso e Parmigiano grattugiato e… servirli in tavola.

Foto dei tortelli di Paolo Munari @mrpaolo72

 

...buon appetito

Eventi a Sabbioneta


Notizie correlate

Ricetta: Brosega di Paciano
Ricetta: Brosega di Paciano
Piatto tipico umbro dalle origini antichissime, è l'ideale per chi ama le uova strapazzate
By Redazione
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di