E’ il protagonista autunnale sulle tavole dei borghi ammantati da castagni, ma il suo trionfo è in Toscana, nella quale è realizzato tra antichi saperi, profumi e… poteri magici
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Il castagnaccio, dolce dei borghi toscani che profumano di bosco

Fri, 19 Oct 2018
Ricetta: Il castagnaccio, dolce dei borghi toscani che profumano di bosco

Un gusto che arriva dal passato, un sapore “galeotto” che ha fatto innamorare, un dolce povero e antico della cucina toscana che arricchisce la tavola in autunno. Il castagnaccio è un caratteristico dolce autunnale dei borghi nelle zone appenniniche di Toscana, Liguria, Emilia e Piemonte e, a seconda della regione nella quale viene cucinato, presenta qualche differenza. In Toscana, per esempio, il tortino è alto un centimetro circa e secondo la ricetta tradizionale andrebbe realizzato con la farina di castagne del monte Amiata. Una delle particolarità del castagnaccio è la presenza degli aghi di rosmarino che conferiscono al dolce un sapore particolare e che rimandano a una curiosità. In passato, infatti, si diceva che le foglioline di rosmarino usate nel castagnaccio fungessero da filtro d’amore: il ragazzo che avesse mangiato il dolce offertogli da una ragazza, si sarebbe innamorato di lei e l’avrebbe sposata. Usanze e detti popolari dei borghi, che si tramandano di generazione in generazione e giungono ai giorni nostri.

Ingredienti

  • 300 grammi di farina di castagne
  • 30 grammi di uvetta sultanina
  • 40 grammi di pinoli
  • 350 millilitri di acqua
  • Olio extravergine di oliva
  • Aghi di rosmarino

Procedimento

Mettere l’uvetta nell’acqua tiepida per una decina di minuti, quindi scolarla e asciugarla con un canovaccio. Nel frattempo, setacciare la farina di castagne, versarla in un recipiente insieme a un pizzico di sale e iniziare ad aggiungere l’acqua, poco alla volta, sino a ottenere un impasto omogeneo e piuttosto morbido. Passare al setaccio la farina di castagne e versarla in un ampio recipiente, aggiungere un pizzico di sale quindi aggiungere l’acqua sino a ottenere un impasto molto morbido. Aggiungere un cucchiaio d’olio, mescolare ancora e lasciar riposare un paio d’ore. A questo punto ungere una teglia larga e sottile, versare l’impasto, aggiungere l’uvetta, i pinoli e il rosmarino. Cuocere in forno - preriscaldato a 180 gradi – per una mezz’oretta. Il castagnaccio è pronto, ed è ottimo caldo ma è squisito anche freddo, magari accompagnato da panna montata.

Foto principale: www.donnamoderna.com

Eventi a Barga

  • San Cristoforo
    25-07-2019 | Barga (LU)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-07-25 2019-07-25 Europe/Rome San Cristoforo Barga

    Borgo di Barga

  • Barga Scottish Week
    Dal 01-09-2019 Al 08-09-2019 | Barga (LU)
    Festival

    Aggiungi al tuo calendario 2019-09-01 2019-09-08 Europe/Rome Barga Scottish Week Barga celebra il suo legame con la Scozia e con la cultura scozzese. Barga

    Barga celebra il suo legame con la Scozia e con la cultura scozzese.

    Borgo di Barga

  • Barga Castagna
    02-11-2019 | Barga (LU)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2019-11-02 2019-11-02 Europe/Rome Barga Castagna Barga

    Borgo di Barga

  • Concerto di Capodanno al Ciocco Tenuta e Parco
    01-01-2020 | Barga (LU)
    Spettacoli

    Aggiungi al tuo calendario 2020-01-01 2020-01-01 Europe/Rome Concerto di Capodanno al Ciocco Tenuta e Parco Appuntamento alle ore 17.30 presso l'Auditorium del Ciocco con la 19° edizione del Concerto di Capodanno, iniziativa a scopo benefico quest’anno dal titolo “Cinema Amore Mio - le più belle colonne sonore della nostra vita”. Barga

    Appuntamento alle ore 17.30 presso l'Auditorium del Ciocco con la 19° edizione del Concerto di Capodanno, iniziativa a scopo benefico quest’anno dal titolo “Cinema Amore Mio - le più belle colonne...

    Dalle 17:30 | Borgo di Barga

  • La befana vien da Barga
    Dal 05-01-2020 Al 06-01-2020 | Barga (LU)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2020-01-05 2020-01-06 Europe/Rome La befana vien da Barga La festa in onore della Befana inizia nel pomeriggio del 5 gennaio. La vecchietta parte dalla sua casetta di legno a Pegnana, sulla montagna barghigiana, per arrivare nel centro storico di Barga dove troverà ad attenderla i bambini in costume da "befanotto" che insieme a lei attraverseranno il paese intonando i tradizionali canti. Dalle 21, davanti ad un grande falò, prenderà il via la serata in costume. La Befana porterà di casa in casa, a cavallo di una scopa o un asinello, i regali ai bambini e in piazza si festeggerà con vin brulè e vari intrattenimenti. Il 6 gennaio, a partire dalle 14.30, la Befana incontrerà adulti e bambini nella propria abitazione a Pegnana, visitabile tutto l'anno nei pomeriggi festivi. In programma sorprese, giochi, doni e specialità come i tradizionali biscotti secchi, chiamati i Befanini, preparati secondo una ricetta che si tramanda di generazione in generazione. Barga

    La festa in onore della Befana inizia nel pomeriggio del 5 gennaio. La vecchietta parte dalla sua casetta di legno a Pegnana, sulla montagna barghigiana, per arrivare nel centro storico di Barga dove troverà...

    Dalle 21:00 | Borgo di Barga

  • Carnevale Barghigiano
    Dal 21-02-2020 Al 25-02-2020 | Barga (LU)
    Carnevale

    Aggiungi al tuo calendario 2020-02-21 2020-02-25 Europe/Rome Carnevale Barghigiano Barga

    Borgo di Barga

  • Festa delle Quarantore - Antichi Giuochi Pasquali
    12-04-2020 | Barga (LU)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-12 2020-04-12 Europe/Rome Festa delle Quarantore - Antichi Giuochi Pasquali L'appuntamento clou è nel pomeriggio al Giardino nella nuova Piazza Giovanni Pascoli dove si svolgeranno gli "antichi giochi pasquali", una rivisitazione di tanti giochi di una volta legati alla ricorrenza: il rotolino, la corsa nei sacchi, la corsa con le carrette, mondo, slalom con l'ovino ecc. Barga

    L'appuntamento clou è nel pomeriggio al Giardino nella nuova Piazza Giovanni Pascoli dove si svolgeranno gli "antichi giochi pasquali", una rivisitazione di tanti giochi di una volta legati alla ricorrenza:...

    Borgo di Barga


Notizie correlate

Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di