Un tortino di patate, croccante fuori e cremoso dentro. Un’icona friulana, un piatto antico che esprime sapori semplici e genuini, prelibati nel loro sapiente accostamento

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Frico, il baluardo dei borghi della Carnia
Fri, 12 Oct 2018

Ricetta: Frico, il baluardo dei borghi della Carnia

E’ uno dei simboli della gastronomia friulana e nasce nei borghi della Carnia, in particolare a Tolmezzo. Una tradizione quattrocentesca che ha percorso i secoli e ricorda il periodo in cui questo tortino veniva realizzato per utilizzare i ritagli di formaggio - definiti “strissulis” - che eccedevano una volta ultimata la sagomatura delle forme. Come spesso succede, le versioni di questa prelibatezza sono numerose e molto diffuso è anche il frico arricchito con piccoli ritagli di speck o verdure. Per realizzare il frico è fondamentale la scelta del formaggio, ovvero il Montasio ma, in alternativa, si può prevedere l’utilizzo di qualsiasi formaggio stagionato o semi-stagionato. Una curiosità: al frico si ispira il nome di un gioco da tavolo, una “battaglia culturale” tra le città di Udine e Trieste. E’ chiamato, appunto, "frico” e le pedine hanno proprio la forma del tortino mentre i dadi sono di color Tocai e Teran, ovvero due fra i vini tipici delle rispettive province.

Ingredienti

  • 700 grammi di patate
  • 100 grammi di formaggio Montasio stravecchio o stagionato a cubetti
  • 150 grammi di formaggio Montasio fresco o altro formaggio fresco (tipo Asiago)
  • 100 grammi di formaggio Montasio mezzano o altro formaggio di media stagionatura
  • 2 cipolle medie
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine d’oliva (oppure 2 cucchiai di battuto di lardo)

Procedimento

Tagliare tutti i formaggi a cubetti piccoli, poi pelare e tagliare a dadi le patate e metterle in una pentola. Coprirle con acqua fredda, aggiungere il sale e portare il tutto a ebollizione. Una volta cotte le patate, scolarle, schiacciarle e metterle da parte. Affettare finemente la cipolla e rosolarla in una padella larga – circa 24 centimetri e alta almeno 5 centimetri - con un paio di cucchiai d’olio o, in alternativa, con due cucchiai di battuto di lardo. Quando la cipolla si sarà ammorbidita, aggiungere le patate e il formaggio quindi mescolare bene il tutto ogni tre-quattro minuti per favorire lo scioglimento del formaggio Montasio e il suo amalgamarsi con le patate. Cuocere per un quarto d’ora circa, mescolando di tanto in tanto. Una volta sciolto il formaggio, livellare la superficie e lasciar cuocere il frico a fuoco medio, girandolo – come per una frittata - ogni dieci minuti e per una mezz’oretta circa fino a quando non si sarà formata una crosticina più scura su entrambe i lati. A questo punto spegnere il fuoco, trasferire il frico di patate su un piatto di portata e servirlo caldo.

Foto principale: www.buonissimo.org

...buon appetito

Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi


Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 716

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 718

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 720

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 724

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 726

Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/blog.php on line 728