Un tortino di patate, croccante fuori e cremoso dentro. Un’icona friulana, un piatto antico che esprime sapori semplici e genuini, prelibati nel loro sapiente accostamento
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Ricetta: Frico, il baluardo dei borghi della Carnia

Fri, 12 Oct 2018
Ricetta: Frico, il baluardo dei borghi della Carnia

E’ uno dei simboli della gastronomia friulana e nasce nei borghi della Carnia, in particolare a Tolmezzo. Una tradizione quattrocentesca che ha percorso i secoli e ricorda il periodo in cui questo tortino veniva realizzato per utilizzare i ritagli di formaggio - definiti “strissulis” - che eccedevano una volta ultimata la sagomatura delle forme. Come spesso succede, le versioni di questa prelibatezza sono numerose e molto diffuso è anche il frico arricchito con piccoli ritagli di speck o verdure. Per realizzare il frico è fondamentale la scelta del formaggio, ovvero il Montasio ma, in alternativa, si può prevedere l’utilizzo di qualsiasi formaggio stagionato o semi-stagionato. Una curiosità: al frico si ispira il nome di un gioco da tavolo, una “battaglia culturale” tra le città di Udine e Trieste. E’ chiamato, appunto, "frico” e le pedine hanno proprio la forma del tortino mentre i dadi sono di color Tocai e Teran, ovvero due fra i vini tipici delle rispettive province.

Ingredienti

  • 700 grammi di patate
  • 100 grammi di formaggio Montasio stravecchio o stagionato a cubetti
  • 150 grammi di formaggio Montasio fresco o altro formaggio fresco (tipo Asiago)
  • 100 grammi di formaggio Montasio mezzano o altro formaggio di media stagionatura
  • 2 cipolle medie
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine d’oliva (oppure 2 cucchiai di battuto di lardo)

Procedimento

Tagliare tutti i formaggi a cubetti piccoli, poi pelare e tagliare a dadi le patate e metterle in una pentola. Coprirle con acqua fredda, aggiungere il sale e portare il tutto a ebollizione. Una volta cotte le patate, scolarle, schiacciarle e metterle da parte. Affettare finemente la cipolla e rosolarla in una padella larga – circa 24 centimetri e alta almeno 5 centimetri - con un paio di cucchiai d’olio o, in alternativa, con due cucchiai di battuto di lardo. Quando la cipolla si sarà ammorbidita, aggiungere le patate e il formaggio quindi mescolare bene il tutto ogni tre-quattro minuti per favorire lo scioglimento del formaggio Montasio e il suo amalgamarsi con le patate. Cuocere per un quarto d’ora circa, mescolando di tanto in tanto. Una volta sciolto il formaggio, livellare la superficie e lasciar cuocere il frico a fuoco medio, girandolo – come per una frittata - ogni dieci minuti e per una mezz’oretta circa fino a quando non si sarà formata una crosticina più scura su entrambe i lati. A questo punto spegnere il fuoco, trasferire il frico di patate su un piatto di portata e servirlo caldo.

Foto principale: www.buonissimo.org

...buon appetito

COMMENTI :

Notizie correlate

Prelibatezze dei parchi da nord a sud
Prelibatezze dei parchi da nord a sud
Un percorso enogastronomico che seduce le papille gustative, andando alla scoperta dei migliori parchi d'Italia
By Renata Giolli
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Ricetta: Le Sfogliatelle di donna Anna
Le sfogliatelle di Lama dei Peligni sono decisamente le dirette discendenti delle note sfogliatelle napoletane
By Redazione
Ricetta: i Culurgiones d’Ogliastra
Ricetta: i Culurgiones d’Ogliastra
Gustosissimi ravioloni tipici dell'Ogliastra, unici sia per il sapore che per la loro forma a spiga di grano.
By Redazione
Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di