Un tortino di patate, croccante fuori e cremoso dentro. Un’icona friulana, un piatto antico che esprime sapori semplici e genuini, prelibati nel loro sapiente accostamento
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Ricetta: Frico, il baluardo dei borghi della Carnia

Fri, 12 Oct 2018
Ricetta: Frico, il baluardo dei borghi della Carnia

E’ uno dei simboli della gastronomia friulana e nasce nei borghi della Carnia, in particolare a Tolmezzo. Una tradizione quattrocentesca che ha percorso i secoli e ricorda il periodo in cui questo tortino veniva realizzato per utilizzare i ritagli di formaggio - definiti “strissulis” - che eccedevano una volta ultimata la sagomatura delle forme. Come spesso succede, le versioni di questa prelibatezza sono numerose e molto diffuso è anche il frico arricchito con piccoli ritagli di speck o verdure. Per realizzare il frico è fondamentale la scelta del formaggio, ovvero il Montasio ma, in alternativa, si può prevedere l’utilizzo di qualsiasi formaggio stagionato o semi-stagionato. Una curiosità: al frico si ispira il nome di un gioco da tavolo, una “battaglia culturale” tra le città di Udine e Trieste. E’ chiamato, appunto, "frico” e le pedine hanno proprio la forma del tortino mentre i dadi sono di color Tocai e Teran, ovvero due fra i vini tipici delle rispettive province.

Ingredienti

  • 700 grammi di patate
  • 100 grammi di formaggio Montasio stravecchio o stagionato a cubetti
  • 150 grammi di formaggio Montasio fresco o altro formaggio fresco (tipo Asiago)
  • 100 grammi di formaggio Montasio mezzano o altro formaggio di media stagionatura
  • 2 cipolle medie
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine d’oliva (oppure 2 cucchiai di battuto di lardo)

Procedimento

Tagliare tutti i formaggi a cubetti piccoli, poi pelare e tagliare a dadi le patate e metterle in una pentola. Coprirle con acqua fredda, aggiungere il sale e portare il tutto a ebollizione. Una volta cotte le patate, scolarle, schiacciarle e metterle da parte. Affettare finemente la cipolla e rosolarla in una padella larga – circa 24 centimetri e alta almeno 5 centimetri - con un paio di cucchiai d’olio o, in alternativa, con due cucchiai di battuto di lardo. Quando la cipolla si sarà ammorbidita, aggiungere le patate e il formaggio quindi mescolare bene il tutto ogni tre-quattro minuti per favorire lo scioglimento del formaggio Montasio e il suo amalgamarsi con le patate. Cuocere per un quarto d’ora circa, mescolando di tanto in tanto. Una volta sciolto il formaggio, livellare la superficie e lasciar cuocere il frico a fuoco medio, girandolo – come per una frittata - ogni dieci minuti e per una mezz’oretta circa fino a quando non si sarà formata una crosticina più scura su entrambe i lati. A questo punto spegnere il fuoco, trasferire il frico di patate su un piatto di portata e servirlo caldo.

Foto principale: www.buonissimo.org

...buon appetito

COMMENTI :

Notizie correlate

Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: il Panficato gigliese
Ricetta: il Panficato gigliese
Discepolo del panforte senese, il panficato è il dolce tipico di Giglio Castello che viene preparato con fichi secchi e noci e tanti altri prodotti tipici dell'isola
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di