Da non confondere con la piadina, un sostituto al pane che ci arriva direttamente dai tempi dei Montefeltro

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: la Crescia del borgo di Frontone
Fri, 21 Sep 2018

Ricetta: la Crescia del borgo di Frontone

Prodotto tipico dell’appennino pesarese, la Crescia, che già sostituiva il pane alla corte urbinate dei Montefeltro, vanta una ricetta che è stata tramandata per generazioni grazie alla tradizione contadina degli abitanti del borgo di Frontone. Da non confondere con la piadina, la Crescia, più morbida e gustosa, può accompagnare perfettamente, o essere farcita con salumi, erbe, verdure lessate o tutto ciò che può stuzzicare. La Crescia in graticola, così chiamata perché cucinata a Frontone direttamente sui carboni ardenti, può anche rappresentare un pasto gustoso ed è saporita anche gustata da sola. Sembra che alcuni segreti di una buona Crescia siano nella scelta di ingredienti genuini, nello spennellare con strutto di maiale da entrambe le parti, di girarla velocemente per evitare che bruci eccessivamente, o che diventi troppo dura, durante la cottura e di aggiungere del pecorino grattugiato all’impasto.
La Crescia di Frontone ha ottenuto la denominazione comunale di origine e viene festeggiata nel borgo durante la Festa della Crescia e dello Spignolo, organizzata dalla Pro Loco ogni fine maggio.

Ingredienti

  • 500 g di farina di grano tenero 00
  • 1 bicchiere d’acqua
  • 100g di strutto
  • 2 uova
  • Sale e pepe qb

Procedimento

Iniziamo col versare a fontana la farina formando una montagnetta con un buco in mezzo e inseriamoci le uova con un pò d’acqua. Mescoliamo l’impasto aggiungendo sale e pepe. Amalgamiamo metà dello strutto aggiungendo man mano l’acqua per lavorare l’impasto con le mani. Dividiamo l’impasto formando 6-7 palline e lasciamole riposare per circa mezz’ora.

Stendiamo le palline con un mattarello fino ad ottenere dei dischi di pasta sottile. Spalmiamo lo strutto su ogni disco e arrotoliamoli su se stessi senza farlo fuoriuscire. Lasciamo riposare i rotoli in frigo per almeno un’ora avvolti nella pellicola.

Stendiamo nuovamente, su una spianatoia infarinata, i rotoli di pasta fino ad ottenere dei dischi sottili.

Scaldiamo una padella antiaderente a fuoco vivace e iniziamo a cuocere i dischi, uno ad uno, girandoli dopo pochi secondi fino a che non si formeranno delle piccole bolle. Attenzione a non cuocere troppo i dischi di pasta o rischierete che le Crescie diventino dure.

Una volta pronte, le vostre Crescie potranno essere farcite con ciò che preferite o usate al posto del pane.

Foto principale da marcheinfesta.com

Eventi

Non ci sono eventi per i criteri selezionati

Notizie correlate

Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori