Da non confondere con la piadina, un sostituto al pane che ci arriva direttamente dai tempi dei Montefeltro
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: la Crescia del borgo di Frontone

Fri, 21 Sep 2018
Ricetta: la Crescia del borgo di Frontone

Prodotto tipico dell’appennino pesarese, la Crescia, che già sostituiva il pane alla corte urbinate dei Montefeltro, vanta una ricetta che è stata tramandata per generazioni grazie alla tradizione contadina degli abitanti del borgo di Frontone. Da non confondere con la piadina, la Crescia, più morbida e gustosa, può accompagnare perfettamente, o essere farcita con salumi, erbe, verdure lessate o tutto ciò che può stuzzicare. La Crescia in graticola, così chiamata perché cucinata a Frontone direttamente sui carboni ardenti, può anche rappresentare un pasto gustoso ed è saporita anche gustata da sola. Sembra che alcuni segreti di una buona Crescia siano nella scelta di ingredienti genuini, nello spennellare con strutto di maiale da entrambe le parti, di girarla velocemente per evitare che bruci eccessivamente, o che diventi troppo dura, durante la cottura e di aggiungere del pecorino grattugiato all’impasto.
La Crescia di Frontone ha ottenuto la denominazione comunale di origine e viene festeggiata nel borgo durante la Festa della Crescia e dello Spignolo, organizzata dalla Pro Loco ogni fine maggio.

Ingredienti

  • 500 g di farina di grano tenero 00
  • 1 bicchiere d’acqua
  • 100g di strutto
  • 2 uova
  • Sale e pepe qb

Procedimento

Iniziamo col versare a fontana la farina formando una montagnetta con un buco in mezzo e inseriamoci le uova con un pò d’acqua. Mescoliamo l’impasto aggiungendo sale e pepe. Amalgamiamo metà dello strutto aggiungendo man mano l’acqua per lavorare l’impasto con le mani. Dividiamo l’impasto formando 6-7 palline e lasciamole riposare per circa mezz’ora.

Stendiamo le palline con un mattarello fino ad ottenere dei dischi di pasta sottile. Spalmiamo lo strutto su ogni disco e arrotoliamoli su se stessi senza farlo fuoriuscire. Lasciamo riposare i rotoli in frigo per almeno un’ora avvolti nella pellicola.

Stendiamo nuovamente, su una spianatoia infarinata, i rotoli di pasta fino ad ottenere dei dischi sottili.

Scaldiamo una padella antiaderente a fuoco vivace e iniziamo a cuocere i dischi, uno ad uno, girandoli dopo pochi secondi fino a che non si formeranno delle piccole bolle. Attenzione a non cuocere troppo i dischi di pasta o rischierete che le Crescie diventino dure.

Una volta pronte, le vostre Crescie potranno essere farcite con ciò che preferite o usate al posto del pane.

Foto principale da marcheinfesta.com

COMMENTI :

Eventi a

Non ci sono eventi per i criteri selezionati

Notizie correlate

I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di