Una vera e propria delizia, un regalo della generosa terra di questo borgo marchigiano, una ricetta che attinge dalla tradizione. Il trionfo del sapore in questi carciofi viola, facili da cucinare e allegri cromaticamente in tavola
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Carciofi viola ripieni del borgo di Montelupone

Fri, 07 Sep 2018
Ricetta: Carciofi viola ripieni del borgo di Montelupone

A Montelupone, in provincia di Macerata, trionfa il “carciofo di Montelupone”, noto anche come “scarciofeno”: di colore violaceo con striature verdastre, ha dimensioni più piccole rispetto alla media e non ha peluria interna né spine esterne. Di altissima qualità, è una varietà tardiva e si differenzia in due “specie”: la varietà precoce che si raccoglie dalla fine di marzo, con foglie dal contorno gentile - non seghettate – e quella che si raccoglie più tardi, con foglie più seghettate e con la dimensione della pianta più piccola. Storicamente, a Montelupone, i primi capolini, quelli più grandi, sono cucinati in padella interi con finocchio selvatico, foglie di aglio fresco, varie erbe aromatiche locali, olio, sale e vino bianco, mentre i capolini più piccoli sono scottati e poi messi sott’olio. Un’altra ricetta che affonda le sue origine nella notte dei tempi è anche quella dei “carciofi viola di Montelupone ripieni”, una specialità facile da preparare e che ben esalta il gusto dolce e saporito di questa prelibatezza.

Ingredienti

  • 6 carciofi
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • 100 grammi di pane grattugiato
  • 2 spicchi d’aglio
  • un bicchiere di vino bianco
  • olio extravergine di oliva
  • sale

Procedimento

Si inizia pulendo con cura i carciofi Montelupone, avendo l’accortezza di eliminare le foglie esterne, solitamente più dure, così come le punte. Tagliate i gambi a rondelle, dopo averli privati della scorza esterna, e allargate nella parte centrale i carciofi, perché dovrete metterci il ripieno. A questo punto in una teglia disponete sia i gambi sia i carciofi, questi ultimi con la farcitura che avrete preparato prima. La farcitura consiste in un impasto composto da pane grattugiato, aglio, prezzemolo, alcuni gambi dei carciofi tagliati a dadini e un pochino di olio. Fate cuocere i carciofi con il loro ripieno avendo cura di versarvi sopra l’olio e il vino, aggiungendo anche un pochino d’acqua. Far cuocere a fuoco lento per una ventina di minuti con un coperchio e, una volta cotti, servire i carciofi caldi in tavola.

 Immagine principale: blog.bauer.it

... buon appetito

Notizie correlate

Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di