E’ una specialità regionale, ma di varianti ne esistono tantissime, quasi quante le località che costellano l’isola. Una specialità che rallegra la tavola e che da antipasto diventa anche contorno o, insieme alla pasta, un piatto unico gustoso e sfizioso
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Caponata alla siciliana, i sapori dell'antica Trinacria

Fri, 10 Aug 2018
Caponata alla siciliana, i sapori dell'antica Trinacria

Porta con orgoglio il vessillo della sua tradizione, che la vede da tempo immemore protagonista fra le prelibatezze della Sicilia. Ha il pregio della sfiziosità e una volta veniva preparata con il pesce, da cui sembra derivi il suo nome, ovvero da “capone”, pesce dalla carne pregiata - oggi chiamato lambuga - condito con salsa agrodolce. Altra ipotesi, invece, vede l’etimologia riconducibile a “caupone”, termine che indica le taverne dei marinai, i quali erano soliti fermarsi in questi luoghi di ristoro. E non è finita qui. Altre tesi sostengono che potrebbe derivare dal sostantivo latino “caupona” – taverna - e dall’aggettivo “cauponia”, col significato di “cibo da taverna”. Insomma, se le varianti di caponata alla siciliana sono innumerevoli, altrettante sono le origini del suo nome e anche della sua storia. Sostituito il pesce con le melanzane, ecco oggigiorno questo piatto colorato e saporito.

Ingredienti

  • 3 grossi pomodori maturi
  • mezzo peperone rosso
  • mezzo peperone giallo
  • mezzo peperone verde
  • 1 costa di sedano
  • 1 melanzana media
  • 1 cipolla
  • 60 grammi di olive nere
  • 20 grammi di uvetta
  • 20 grammi di pinoli
  • 20 grammi di capperi sotto sale
  • aceto di vino bianco
  • olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • sale quanto basta

Procedimento

Tagliate la melanzana a cubetti - lasciate la buccia, la caponata risulterà più saporita -, cospargetela di sale e lasciatela sgocciolare su un setaccio per un’oretta affinché perda l’amaro del retrogusto. Prendete ora i pomodori, privateli dei semi e tagliateli a cubetti, poi pulite i peperoni - eliminando i semi e le nervature interne – tagliateli a quadretti, poi lavate la costa di sedano e affettatela. Mettete in una padella l’olio extravergine e, una volta bollente, immergetevi i cubetti di melanzana che devono diventare di un bel colore dorato. Con un ramaiolo prendere i cubetti e adagiateli su un piatto con carta assorbente, per eliminare l’unto in eccesso. In una padella mettete la cipolla affettata a rondelle e fatela rosolare per un paio di minuti nell’olio, quindi unite i peperoni e fateli cuocere per qualche minuto, poi aggiungete i capperi – precedentemente dissalati sotto acqua corrente -, i cubetti di pomodoro, l’uvetta fatta rinvenire per dieci minuti in acqua tiepida, le olive e i pinoli. Mescolate bene, fate cuocere una quindicina di minuti e, alla fine, aggiungete le melanzane e fate proseguire la cottura per altri cinque minuti. A questo punto potete aggiungere l’aceto e lo zucchero e cuocere il tutto a fuoco basso per cinque o sei minuti, lasciando evaporare completamente l’aceto. Il sale potete metterlo a fine cottura. Fate riposare in frigorifero per almeno un’ora e servite a temperatura ambiente. Per consentire ai sapori di amalgamarsi al meglio tra loro, si può preparare la caponata anche il giorno prima di servirla in tavola.

 

Foto principale: www.sceltedigusto.it

...buon appetito

COMMENTI :

Notizie correlate

Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: il Panficato gigliese
Ricetta: il Panficato gigliese
Discepolo del panforte senese, il panficato è il dolce tipico di Giglio Castello che viene preparato con fichi secchi e noci e tanti altri prodotti tipici dell'isola
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di