Una specialità di pesce gustosa, veloce da preparare e che regala colore e sapore in qualsiasi stagione, anche in estate. Un omaggio al mare da parte di Livorno, celebre per le sue prelibatezze all’insegna di Nettuno

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Filetti di triglia alla livornese
Fri, 20 Jul 2018

Ricetta: Filetti di triglia alla livornese

Le triglie alla livornese sono un simbolo di questa città toscana legata inscindibilmente al mare e derivano da un’antica ricetta sefardita, le “triglie alla mosaica”. Gli ingredienti necessari alla realizzazione delle triglie alla livornese sono di una semplicità straordinaria: triglie freschissime e polpa di pomodoro. E ora uno sguardo alle caratteristiche della triglia: pesce di piccole dimensioni, presenta una colorazione rossastra sul dorso e rosa o aranciata sui fianchi. Per la precisione, esistono due tipologie di triglie: quella di sabbia e quella di scoglio, con quest’ultima che, pur avendo carni più tenere e pregiate, è particolarmente ricca di spine. E’ solo apparentemente difficile pulire le triglie, ma se proprio non ci si volesse cimentare con spine e affini, nessun problema: le triglie si possono acquistare anche già pulite.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di triglie fresche
  • 600-700 grammi di pomodori
  • 2 spicchi d'aglio
  • peperoncino
  • prezzemolo
  • basilico
  • sale e pepe quanto basta
  • olio extravergine

Procedimento

Lavare i pomodori e praticare un’incisione a croce sul fondo di ciascuno, poi immergerli per una trentina di secondi in acqua bollente. Sgocciolarli in acqua fredda, poi una volta spellati bisogna dividerli a metà. Tagliare la polpa a piccoli cubetti oppure, in alternativa, usare quattrocento grammi di pomodori pelati spezzettati ma la ricetta originale non lo prevede. Incidere il peperoncino nel senso della lunghezza, eliminare i semi e tritarlo. Prendere i filetti di triglia, togliere le eventuali spine rimaste con una pinzetta, sciacquarli e asciugarli. E’ ora il momento di preparare il sugo: scaldare nella padella antiaderente quattro-cinque cucchiai di olio extravergine con l'aglio spellato e tritato grossolanamente insieme a sedano, salvia e peperoncino. Far rosolare per due o tre minuti e irrorare con il vino, lasciarlo quasi completamente evaporare, unire i pomodori e cuocere a fuoco medio per circa ottominuti. La salsa di pomodoro dovrà risultare fluida ma con i pezzetti di pomodoro ancora visibili. Eliminare salvia e sedano dalla padella e dopo aver messo un pizzico di sale, aggiungere i filetti di triglia nel sugo. Cuocere per un paio di minuti a fuoco basso, poi spolverizzare con il prezzemolo tritato. I filetti di triglia alla livornese sono pronti per essere serviti in tavola! 

Foto principale: www.cucchiaio.it

...buon appetito!

Notizie correlate

Ricetta: la torta di riso salata di Riomaggiore
Alla scoperta di un'antica specialità ligure, nonché piatto tipico del borgo marinaro delle Cinque Terre
By Redazione
Ricetta: Paccheri con carciofi alla procidana
Un primo piatto succulento e genuino della tradizione procidana.
By Redazione
Ricetta: Le Sagne de la Madonna del borgo di Roccavivara
Un primo piatto della tradizione molisana, semplice da preparare e ottimo da gustare
By Redazione
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi