Una specialità di pesce gustosa, veloce da preparare e che regala colore e sapore in qualsiasi stagione, anche in estate. Un omaggio al mare da parte di Livorno, celebre per le sue prelibatezze all’insegna di Nettuno

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Filetti di triglia alla livornese
Fri, 20 Jul 2018

Ricetta: Filetti di triglia alla livornese

Le triglie alla livornese sono un simbolo di questa città toscana legata inscindibilmente al mare e derivano da un’antica ricetta sefardita, le “triglie alla mosaica”. Gli ingredienti necessari alla realizzazione delle triglie alla livornese sono di una semplicità straordinaria: triglie freschissime e polpa di pomodoro. E ora uno sguardo alle caratteristiche della triglia: pesce di piccole dimensioni, presenta una colorazione rossastra sul dorso e rosa o aranciata sui fianchi. Per la precisione, esistono due tipologie di triglie: quella di sabbia e quella di scoglio, con quest’ultima che, pur avendo carni più tenere e pregiate, è particolarmente ricca di spine. E’ solo apparentemente difficile pulire le triglie, ma se proprio non ci si volesse cimentare con spine e affini, nessun problema: le triglie si possono acquistare anche già pulite.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di triglie fresche
  • 600-700 grammi di pomodori
  • 2 spicchi d'aglio
  • peperoncino
  • prezzemolo
  • basilico
  • sale e pepe quanto basta
  • olio extravergine

Procedimento

Lavare i pomodori e praticare un’incisione a croce sul fondo di ciascuno, poi immergerli per una trentina di secondi in acqua bollente. Sgocciolarli in acqua fredda, poi una volta spellati bisogna dividerli a metà. Tagliare la polpa a piccoli cubetti oppure, in alternativa, usare quattrocento grammi di pomodori pelati spezzettati ma la ricetta originale non lo prevede. Incidere il peperoncino nel senso della lunghezza, eliminare i semi e tritarlo. Prendere i filetti di triglia, togliere le eventuali spine rimaste con una pinzetta, sciacquarli e asciugarli. E’ ora il momento di preparare il sugo: scaldare nella padella antiaderente quattro-cinque cucchiai di olio extravergine con l'aglio spellato e tritato grossolanamente insieme a sedano, salvia e peperoncino. Far rosolare per due o tre minuti e irrorare con il vino, lasciarlo quasi completamente evaporare, unire i pomodori e cuocere a fuoco medio per circa ottominuti. La salsa di pomodoro dovrà risultare fluida ma con i pezzetti di pomodoro ancora visibili. Eliminare salvia e sedano dalla padella e dopo aver messo un pizzico di sale, aggiungere i filetti di triglia nel sugo. Cuocere per un paio di minuti a fuoco basso, poi spolverizzare con il prezzemolo tritato. I filetti di triglia alla livornese sono pronti per essere serviti in tavola! 

Foto principale: www.cucchiaio.it

...buon appetito!

Notizie correlate

Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori