Il pittoresco groviglio di vicoli con vista sul mare, le facciate dai colori forti e la bella chiesa barocca. Poi l’olio extravergine di oliva, le olive taggiasche in salamoia, il Vermentino e tanto pesce.

 
CERCA PER ZONA

Liguria: l’antico borgo marinaro di Cervo Ligure, tra olio, olive taggiasche, Vermentino e piatti di pesce.
Mon, 09 Jul 2018

Liguria: l’antico borgo marinaro di Cervo Ligure, tra olio, olive taggiasche, Vermentino e piatti di pesce.

Appoggiato su di un poggio circondato di boschi il borgo di Cervo domina il mare.

Deliziosa località balneare della costa ligure di Ponente, è tra i centri più pittoreschi dei nostri mari.

Una volta proclamatosi libero comune, agli inizi del XIII secolo, si pose sotto la protezione della potente Repubblica di Genova che, nella prima metà del XIV secolo, lo affidò in feudo ai Cavalieri di Malta che, l’anno dopo, la vendettero al marchese Lazzaro Doria. Cervo tornò poi ai genovesi alla fine del XIV secolo per rimanerne sempre fedele.

Al periodo segnato dalle scorrerie di turchi e saraceni, chiusasi con la battaglia di Lepanto del 1571, che ridusse notevolmente il pericolo saraceno, successe l’epoca d’oro di Cervo che con il commercio dell’olio e la pesca del corallo s’arricchì notevolmente.

Rimasto nel tempo inalterato, il centro storico di Cervo è da scoprire poco alla volta percorrendo le pittoresche viuzze che dal mare salgono fino all’altura sulla quale sorge la chiesa di San Giovanni Battista, detta anche “dei Corallini” perché edificata con il contributo dei pescatori di corallo. Costruita tra il XVII ed il XVIII secolo propone una bella facciata barocca e sfarzosi interni arricchiti di opere e marmi.

Centro storico di Cervo Ligure

Percorrendo via Grimaldi-Salineri si giunge poi in piazza Santa Caterina dove sorge il Castello dei Clavesana, i marchesi che lo costruirono nel XVII secolo, sede del Museo Etnografico che custodisce migliaia di reperti illustranti la cultura marinaresca e contadina, con mobili, suppellettili e manichini che ricompongono gli ambienti dell’epoca.

Nel suggestivo intreccio di vicoli che alternano le colorate facciate degli edifici agli scenografici affacci sul mare, si uniscono altri edifici che raccontano la storia di questa bella località ligure come la chiesa di San Nicola da Tolentino, Palazzo Morchio, sede del municipio, il trecentesco Oratorio di Santa Caterina d’Alessandria e la Torre di Sant’Antonio, costruita sulla punta di capo Cervo contro le incursioni dei saraceni.

Olio, vino e frutti di mare sono le delizie dell’enogastronomia locale.

Olive Taggiasche - Foto lovemeinitaly.com
Olive Taggiasche - Foto lovemeinitaly.com

Non si può lasciare il borgo di Cervo senza aver acquistato una bottiglia dell’ottimo olio extravergine d’oliva prodotto sulle colline che fanno da cornice al borgo, o magari un vasetto di patè di olive o le deliziose olive taggiasche.

E’ invece il Vermentino il vino di questa terra di mare e colline, dal colore giallo paglierino, da bere giovane e da servire ad una temperatura di massimo 12 gradi. Un vino che ben si abbina con antipasti di mare e lasagne al pesto, ma anche con le verdure ripiene.

Vermentino che non deve mancare quando ci si siede a tavola in uno dei ristoranti del borgo, per accompagnare la ricca varietà di piatti di pesce locale. Tra antipasti, primi e secondi c’è l’imbarazzo della scelta.

Notizie correlate

Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori