Sono un piacere irrinunciabile per gli intenditori dei sapori genuini dei borghi, in questo caso di montagna e trentina. Un piatto che oltre al gusto dona anche l’inconfondibile colore verde delle valli e dei prati delle dolomiti
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: strangolapreti alla trentina: il sapore genuino dei borghi di montagna

Fri, 13 Jul 2018
Ricetta: strangolapreti alla trentina: il sapore genuino dei borghi di montagna

E’ una tradizione antica, quella degli strangolapreti alla trentina, che risale all’epoca del Concilio di Trento. Secoli dopo, gli strangolapreti sono ancora in auge sulle tavole della regione: un’icona di gusto, realizzata un tempo con quanto a disposizione in cucina, diventata ora un primo prelibato. Gustosi gnocchi di pane e spinaci che si possono preparare in anticipo e conservare in frigorifero, l’ideale durante la stagione estiva per avere sempre a disposizione un piatto pronto – da cuocere, certo – e sfizioso. Volendo, gli strangolapreti possono anche essere surgelati in sacchetti pronti all’uso. E una volta messi a cuocere, via libera all’invitante profumo degli ingredienti, che anche nel colore ricordano gli abiti verdi delle montagne trentine.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di pane raffermo
  • 500 grammi di spinaci
  • 100 grammi di formaggio Grana
  • 100 grammi burro
  • 1/2 litro di latte
  • 2 uova
  • Foglie di salvia
  • 1 cipolla
  • Farina bianca
  • Noce moscata q. b.
  • Olio extra vergine d'oliva
  • Sale
  • Pepe

Procedimento

Prendiamo il pane raffermo, tagliamolo a dadini e scaldiamo il latte a fuoco lento: una volta preparati i “dadi”, mettiamoli ad ammorbidire nel latte tiepido per un paio d’ore e in una terrina. Nel frattempo lessiamo gli spinaci in poca acqua e leggermente salata, quindi strizziamoli e facciamoli saltare nel burro, avendo cura di insaporirli con sale, pepe e noce moscata. In un altro pentolino rosoliamo la cipolla nell'olio, precedentemente tritata. Ultimata la preparazione degli spinaci, sminuzziamoli e aggiungiamoli ai dadini “a riposo” nel latte. E’ il momento di versare nella terrina la cipolla rosolata, le uova, il Grana grattugiato, il sale, il pepe e la noce moscata. Prepariamo l'amalgama degli ingredienti, mescoliamo per creare un composto compatto, magari usando un mestolo di legno, come quelli che si usano proprio in Trentino. Laddove il composto fosse troppo consistente o troppo liquido, regoliamolo aggiungendo a piacere altro pane grattugiato o del latte fino a quando otteniamo la compattezza desiderata. A questo punto mettiamo a bollire l'acqua e quando l’abbiamo portata a ebollizione mettiamoci gli strangolapreti: mescoliamo e lasciamo cuocere fino a quando riaffioreranno. Una volta scolati, li adagiamo su un piatto di portata e aggiungiamo copiosamente il formaggio Grana oltre a una “innaffiata” di burro caldo, precedentemente fatto sciogliere in un pentolino e a fuoco lento, naturalmente insaporito con delle foglie di salvia.

Foto principale gardaconcierge.com

...buon appetito!

COMMENTI :

Eventi a Cavalese


Notizie correlate

Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Fritto tradizionale, simbolo di abbondanza, la Scurpella è il dolce che festeggia le grandi occasioni
By Redazione

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformido col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di