Color vermiglio e sapore delicato. Sono i gamberi rossi di Gallipoli, una delizia da servire con una spolverata di pepe su una purea di fave nella quale far trionfare il sapore deciso delle cipolle di Acquaviva delle Fonti

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Gamberi rossi di Gallipoli su purea di fave con cipolla di Acquaviva delle Fonti
Fri, 06 Jul 2018

Ricetta: Gamberi rossi di Gallipoli su purea di fave con cipolla di Acquaviva delle Fonti

Una prelibatezza che è un concentrato di Puglia: il pescato del mare di Gallipoli - in provincia di Lecce - e i generosi doni della terra della provincia di Bari, le cipolle di Acquaviva delle Fonti. I gamberi di Gallipoli sono una specie pregiata, molto apprezzata dagli intenditori che amano accostarli a un calice di vino bianco salentino, che ne esalta il sapore. Quanto al loro caratteristico colore è, a differenza dei comuni gamberi, scarlatto e talmente acceso da sembrare quasi fluorescente. Le sfumature vanno dalle tinte più scure a un rosa tenue, abbracciando tutte le varie tonalità del rosso, che donano a questi crostacei un fascino davvero particolare anche nella presentazione. Caratteristiche di unicità anche nel gusto, per questi crostacei: se freschi e crudi risultano carnosi e delicati, una volta preparati e ben cotti sono più “dolci” degli altri gamberi e ben si accostano a ingredienti che giocano con le note di testa e il retrogusto dei sapori.

Ingredienti

  • 12 gamberi rossi di Gallipoli
  • 500 grammi di fave secche
  • 100 grammi di patate
  • 1 cipolla di Acquaviva delle Fonti
  • 70 grammi di olio extravergine di oliva
  • sale quanto basta
  • pepe quanto basta

Procedimento

Mettete in un tegame alto le fave e le patate tagliate a pezzetti. Coprite completamente con un litro di acqua, salate e lasciate cuocere a fuoco lento senza coperchio per circa un’oretta, evitando di mescolare. A cottura ultimata, le fave devono risultare morbide e l’acqua deve essere quasi del tutto evaporata. Aggiungete ora dell’olio e frullate le fave e le patate cotte in modo da ottenere una purea. Sgusciate a questo punto i gamberi di Gallipoli, rosolateli in padella con poco olio, aggiungete un pizzico di sale e, a piacere, anche il pepe. Tritate ora la cipolla di Acquaviva delle Fonti e unitela ai gamberi. A questo punto la prelibatezza è pronta: mettete la purea di fave e patate in un piatto di portata, adagiatevi sopra i gamberi con la cipolla e servite in tavola.

...Buon appetitio!

Notizie correlate

Ricetta: Mirto, sorsi di benessere dai borghi della Sardegna
Il mirto è considerata una pianta che apporta benessere e prosperità. E l’inebriante liquore che se ne ricava, è un vero e proprio elisir della Sardegna, dal colore variabile a seconda della fase di invecchiamento e con un gusto dalle note vellutate
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Jota, il gustoso minestrone dei borghi friulani
Una saporita minestra di verdura e legumi, un piatto tradizionale dei borghi friulani da apprezzare in tutte le stagioni: caldo e fumante in inverno, freddo e saporito in estate. Secondo le infinite varianti, anche con le costine di maiale
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Il Sarchiapone di Atrani, il trionfo del sapore in Costiera Amalfitana
In questa specialità è racchiusa tutta la bontà gastronomica di Atrani, borgo-gioiello della Costiera Amalfitana. Pare sia proprio il Sarchiapone l’antenato dei cannelloni, e si prepara con le tradizionali zucche verdi di forma allungata
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi