Tutta la creatività dei vicentini in questo piatto di origine antiche, suffragato dall’autorevole “Confraternita del Bacalà”. Oltre alla pietra candida lavorata dal Palladio, ecco che a Vicenza il bianco trionfa anche in cucina
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Baccalà alla Vicentina

Fri, 29 Jun 2018
Ricetta: Baccalà alla Vicentina

La ricetta classica del baccalà alla vicentina, ritrovata e convalidata in numerose riunioni dalla “Confraternita del Bacalà” – con una “c” sola -, è certamente unica. Ma ci sono innumerevoli varianti, che evidenziano tutta l’inventiva vicentina, anche e soprattutto nella gastronomia. Fra le numerose opzioni, vi proponiamo una ricetta che è il frutto di studi e di comparazioni fra le numerose in auge nei ristoranti e nelle trattorie di Vicenza così come nei borghi della provincia vicentina.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di baccalà 
  • 250 grammi di cipolle
  • ½ litro di olio d’oliva non fruttato
  • 3 – 4 sarde sotto sale
  • ½ litro di latte fresco
  • poca farina
  • 50 grammi di grana grattugiato
  • un ciuffo di prezzemolo
  • sale e pepe

Procedimento

Prima di cucinare, bisogna innanzitutto acquistare. Ed è bene sapere che il baccalà, quello che i vicentini intendono, onorano e degustano, è lo stoccafisso. La materia prima è sempre la stessa, il merluzzo - gadus morhua -, caratterizzato da una carne bianca e da un gusto molto delicato, ma il metodo di conservazione è diverso: il baccalà è conservato sotto sale, lo stoccafisso è essiccato. Il baccalà alla vicentina, quindi, non è baccalà bensì stoccafisso: una voluta difformità terminologica che affonda – pare - le sue radici in ragioni fonetiche, più affini alla parlata veneta. E ora passiamo alla preparazione vera e propria di questo piatto tipico: immergere il baccalà in un recipiente e in acqua fredda per due-tre giorni, cambiando il più possibile l’acqua, in media ogni quattro ore diurne. Levare la pelle, aprire il pesce per il lato lungo, togliere la lisca e tutte le spine, tagliarlo a pezzi quadrati e possibilmente uguali. A parte affettate finemente le cipolle per poi rosolarle in un tegamino con un bicchiere d’olio, aggiungendo al soffritto le sarde dopo averle dissalate, diliscate e tagliate a pezzetti. Unire il prezzemolo tritato a fuoco spento. Ora infarinate i pezzi di stoccafisso, irrorateli con il soffritto preparato, poi disponeteli, uno accanto all’altro, in un tegame di cotto - o di alluminio - oppure ancora in una pirofila, facendo attenzione che prima di porvi il pesce vi sia sul fondo qualche cucchiaiata di soffritto. Utilizzate il resto del soffritto per ricoprire il pesce e aggiungere anche il latte, il grana, il sale e il pepe. Unite l’olio fino a coprire tutti i pezzi, livellandoli. Cuocere ora il tutto a fuoco molto lento per circa quattro ore e mezza, con l’accortezza di utilizzare il giusto metodo, che in dialetto vicentino si chiama “pipare”, ovvero muovere ogni tanto il recipiente senza mai mescolare. Il “bacalà alla vicentina” è squisito caldo con la polenta ma è ottimo anche a distanza di una dozzina – massimo quattordici - di ore.

...Buon appetito

Foto principale: ricette.donnamoderna.com

Notizie correlate

Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di