Tutta la creatività dei vicentini in questo piatto di origine antiche, suffragato dall’autorevole “Confraternita del Bacalà”. Oltre alla pietra candida lavorata dal Palladio, ecco che a Vicenza il bianco trionfa anche in cucina
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Baccalà alla Vicentina

Fri, 29 Jun 2018
Ricetta: Baccalà alla Vicentina

La ricetta classica del baccalà alla vicentina, ritrovata e convalidata in numerose riunioni dalla “Confraternita del Bacalà” – con una “c” sola -, è certamente unica. Ma ci sono innumerevoli varianti, che evidenziano tutta l’inventiva vicentina, anche e soprattutto nella gastronomia. Fra le numerose opzioni, vi proponiamo una ricetta che è il frutto di studi e di comparazioni fra le numerose in auge nei ristoranti e nelle trattorie di Vicenza così come nei borghi della provincia vicentina.

Ingredienti

  • 1 chilogrammo di baccalà 
  • 250 grammi di cipolle
  • ½ litro di olio d’oliva non fruttato
  • 3 – 4 sarde sotto sale
  • ½ litro di latte fresco
  • poca farina
  • 50 grammi di grana grattugiato
  • un ciuffo di prezzemolo
  • sale e pepe

Procedimento

Prima di cucinare, bisogna innanzitutto acquistare. Ed è bene sapere che il baccalà, quello che i vicentini intendono, onorano e degustano, è lo stoccafisso. La materia prima è sempre la stessa, il merluzzo - gadus morhua -, caratterizzato da una carne bianca e da un gusto molto delicato, ma il metodo di conservazione è diverso: il baccalà è conservato sotto sale, lo stoccafisso è essiccato. Il baccalà alla vicentina, quindi, non è baccalà bensì stoccafisso: una voluta difformità terminologica che affonda – pare - le sue radici in ragioni fonetiche, più affini alla parlata veneta. E ora passiamo alla preparazione vera e propria di questo piatto tipico: immergere il baccalà in un recipiente e in acqua fredda per due-tre giorni, cambiando il più possibile l’acqua, in media ogni quattro ore diurne. Levare la pelle, aprire il pesce per il lato lungo, togliere la lisca e tutte le spine, tagliarlo a pezzi quadrati e possibilmente uguali. A parte affettate finemente le cipolle per poi rosolarle in un tegamino con un bicchiere d’olio, aggiungendo al soffritto le sarde dopo averle dissalate, diliscate e tagliate a pezzetti. Unire il prezzemolo tritato a fuoco spento. Ora infarinate i pezzi di stoccafisso, irrorateli con il soffritto preparato, poi disponeteli, uno accanto all’altro, in un tegame di cotto - o di alluminio - oppure ancora in una pirofila, facendo attenzione che prima di porvi il pesce vi sia sul fondo qualche cucchiaiata di soffritto. Utilizzate il resto del soffritto per ricoprire il pesce e aggiungere anche il latte, il grana, il sale e il pepe. Unite l’olio fino a coprire tutti i pezzi, livellandoli. Cuocere ora il tutto a fuoco molto lento per circa quattro ore e mezza, con l’accortezza di utilizzare il giusto metodo, che in dialetto vicentino si chiama “pipare”, ovvero muovere ogni tanto il recipiente senza mai mescolare. Il “bacalà alla vicentina” è squisito caldo con la polenta ma è ottimo anche a distanza di una dozzina – massimo quattordici - di ore.

...Buon appetito

Foto principale: ricette.donnamoderna.com

COMMENTI :

Notizie correlate

Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Fritto tradizionale, simbolo di abbondanza, la Scurpella è il dolce che festeggia le grandi occasioni
By Redazione
Ricetta: il Brasato al Barolo
Ricetta: il Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto piemontese ricco di sapori gustosi per il palato
By Redazione
Ricetta: Pasticciotto Leccese
Ricetta: Pasticciotto Leccese
Il Pasticciotto Leccese è uno dei dolci tipici del Salento, lo si trova anche nei bei borghi di Galatina, Otranto e Tricase. Una specialità da gustare in quei luoghi come a casa. Eccovi la ricetta originale.
By Nadia Calasso
Ricetta: Pasta e patate nella Tajedda
Ricetta: Pasta e patate nella Tajedda
La pasta e patate nella "Tajedda" è un piatto della tradizione calabrese e soprattutto silana. Un primo piatto con ingredienti semplici e genuini, facile da preparare ed ottimo da gustare.
By Nadia Calasso
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Sagne piccantine, specialità d'Abruzzo da assaggiare assolutamente se in uno di questi giorni estivi siete in vacanza in Abruzzo, una bontà che vi piacerà anche preparandola a casa.
By Nadia Calasso
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Il Pan De Mej è un dolce tipico di Angera, un caratteristico borgo che si trova sul Lago Maggiore. Da assaggiare assolutamente e preparare a casa. Ecco la ricetta
By Nadia Calasso

Piú letti del mese

Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Dal 16 al 22 settembre torna l'evento promosso dai comuni delle Terre di Castelli: noti protagonisti del teatro, del cinema e della musica animeranno l'attesissima edizione numero 15
By Redazione
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Ricetta: il Brasato al Barolo
Ricetta: il Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto piemontese ricco di sapori gustosi per il palato
By Redazione
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Fritto tradizionale, simbolo di abbondanza, la Scurpella è il dolce che festeggia le grandi occasioni
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di