Un dolce che piace a tutti, con le mele che conducono il fil rouge delle note di testa e si stemperano nel voluttuoso retrogusto di uvetta, pinoli e noci, uniti a vaniglia e cannella

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Strudel di mele del Trentino-Alto Adige

Ricetta: Strudel di mele del Trentino-Alto Adige

La gastronomia altoatesina è l’espressione di due grandi arti culinarie: la gustosa cucina tirolese e gli innesti della fantasiosa cucina italiana. Il tutto con un pizzico di sapore viennese, ungherese e, addirittura, boemo. E’ la varietà, quindi, a contraddistinguere la cucina altoatesina e non esiste un’unica ricetta per il suo dolce più famoso, lo Strudel. Se il ripieno presenta perlopiù variazioni sul tema, è la pasta che vanta le differenze più incisive: lo strudel, infatti, vede nella ricetta originale la pasta frolla ma è frequente la preparazione con la cosiddetta pasta tirata a sfoglia. E per un tocco di sapore in più, sovente lo Strudel viene presentato con il gelato, la crema o la panna, serviti a parte.

Ingredienti

Per la frolla: 

  • 300 gr di farina bianca
  • 150 gr di burro a temperatura ambiente
  • 150 gr di zucchero bianco semolato
  • 1 uovo grande
  • latte quanto basta (meglio intero)
  • la scorza grattugiata di 1 limone non trattato
  • 1/2 bustina di lievito vanigliato in polvere
  • 1 pizzico di bicarbonato di sodio
  • 1 pizzico di sale 

Per il ripieno:

  • 700 gr di mele tipo Golden Delicious o Gala
  • 70 gr di zucchero bianco semolato
  • 70 gr di pangrattato dorato nel burro
  • 50 gr di uvetta passa
  • 2 cucchiai di rum
  • 30 gr di pinoli
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaio di scorza di agrumi (grattuggiata)

 

Per la copertura:

  • Zucchero a velo
  • 1 tuorlo d'uovo

Procedimento

Iniziamo lo Strudel preparando la frolla. In una ciotola impastiamo il burro - che deve essere a temperatura ambiente - insieme a zucchero, scorza di limone e zucchero vanigliato, fino a ottenere una massa omogenea. Aggiungiamo quindi il latte, l’uovo, la farina e infine il lievito: a questo punto possiamo iniziare a impastare bene il tutto. Ricordiamo che la consistenza della frolla deve presentarsi morbida per poi essere messa a riposare per almeno mezz'ora. E’ il momento di pensare al ripieno: sbucciamo e tagliamo le mele a fettine o a pezzetti, a seconda delle preferenze, ma se utilizziamo mele biologiche possiamo anche tenere la buccia. Uniamole in una ciotola insieme al pangrattato dorato nel burro, all'uvetta passa, al rum, ai pinoli, alla cannella in polvere, all'estratto di vaniglia e alla scorza degli agrumi. La ricetta originale prevede l'uso del limone, ma possiamo dare una nota più dolce e aromatica unendo anche arancia e bergamotto. Le mele devono impregnarsi del liquido per prenderne tutto il sapore. Intanto accendiamo il forno a 180° C e foderiamo una teglia ampia, dai bordi bassi, con della carta oliata. Prendiamo la frolla e stendiamola sul piano precedentemente spolverato di farina, imprimendole una forma rettangolare con una lunghezza di circa 50 centimetri e 30 di larghezza.

Appoggiamo la frolla sulla carta forno, aggiungiamo la farcitura a base di mele e arrotoliamo l'impasto. Per dare l’inconfondibile doratura allo Strudel, non dimentichiamo di spennellarne la superficie con il tuorlo d'uovo. Il tempo di cottura nel forno si aggira sui 30-40 minuti circa. Una volta cotto, lasciamo raffreddare lo Strudel e poi cospargiamolo di zucchero a velo.

Ingredienti

Per la frolla: 

  • 300 gr di farina bianca
  • 150 gr di burro a temperatura ambiente
  • 150 gr di zucchero bianco semolato
  • 1 uovo grande
  • latte quanto basta (meglio intero)
  • la scorza grattugiata di 1 limone non trattato
  • 1/2 bustina di lievito vanigliato in polvere
  • 1 pizzico di bicarbonato di sodio
  • 1 pizzico di sale 

Per il ripieno:

  • 700 gr di mele tipo Golden Delicious o Gala
  • 70 gr di zucchero bianco semolato
  • 70 gr di pangrattato dorato nel burro
  • 50 gr di uvetta passa
  • 2 cucchiai di rum
  • 30 gr di pinoli
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaio di scorza di agrumi (grattuggiata)

 

Per la copertura:

  • Zucchero a velo
  • 1 tuorlo d'uovo

 

...buon appetito!

Foto principale da mangiarebuono.it

Eventi


Notizie correlate

Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato
5 imperdibili borghi del vino
Gavi, Castagneto Carducci, Sirolo, Venafro e Sant’Agata dei Goti, borghi straordinari del vino e non solo.
By Luca Sartori