Un dolce che piace a tutti, con le mele che conducono il fil rouge delle note di testa e si stemperano nel voluttuoso retrogusto di uvetta, pinoli e noci, uniti a vaniglia e cannella
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: Strudel di mele del Trentino-Alto Adige

Ricetta: Strudel di mele del Trentino-Alto Adige

La gastronomia altoatesina è l’espressione di due grandi arti culinarie: la gustosa cucina tirolese e gli innesti della fantasiosa cucina italiana. Il tutto con un pizzico di sapore viennese, ungherese e, addirittura, boemo. E’ la varietà, quindi, a contraddistinguere la cucina altoatesina e non esiste un’unica ricetta per il suo dolce più famoso, lo Strudel. Se il ripieno presenta perlopiù variazioni sul tema, è la pasta che vanta le differenze più incisive: lo strudel, infatti, vede nella ricetta originale la pasta frolla ma è frequente la preparazione con la cosiddetta pasta tirata a sfoglia. E per un tocco di sapore in più, sovente lo Strudel viene presentato con il gelato, la crema o la panna, serviti a parte.

Ingredienti

Per la frolla: 

  • 300 gr di farina bianca
  • 150 gr di burro a temperatura ambiente
  • 150 gr di zucchero bianco semolato
  • 1 uovo grande
  • latte quanto basta (meglio intero)
  • la scorza grattugiata di 1 limone non trattato
  • 1/2 bustina di lievito vanigliato in polvere
  • 1 pizzico di bicarbonato di sodio
  • 1 pizzico di sale 

Per il ripieno:

  • 700 gr di mele tipo Golden Delicious o Gala
  • 70 gr di zucchero bianco semolato
  • 70 gr di pangrattato dorato nel burro
  • 50 gr di uvetta passa
  • 2 cucchiai di rum
  • 30 gr di pinoli
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaio di scorza di agrumi (grattuggiata)

 

Per la copertura:

  • Zucchero a velo
  • 1 tuorlo d'uovo

Procedimento

Iniziamo lo Strudel preparando la frolla. In una ciotola impastiamo il burro - che deve essere a temperatura ambiente - insieme a zucchero, scorza di limone e zucchero vanigliato, fino a ottenere una massa omogenea. Aggiungiamo quindi il latte, l’uovo, la farina e infine il lievito: a questo punto possiamo iniziare a impastare bene il tutto. Ricordiamo che la consistenza della frolla deve presentarsi morbida per poi essere messa a riposare per almeno mezz'ora. E’ il momento di pensare al ripieno: sbucciamo e tagliamo le mele a fettine o a pezzetti, a seconda delle preferenze, ma se utilizziamo mele biologiche possiamo anche tenere la buccia. Uniamole in una ciotola insieme al pangrattato dorato nel burro, all'uvetta passa, al rum, ai pinoli, alla cannella in polvere, all'estratto di vaniglia e alla scorza degli agrumi. La ricetta originale prevede l'uso del limone, ma possiamo dare una nota più dolce e aromatica unendo anche arancia e bergamotto. Le mele devono impregnarsi del liquido per prenderne tutto il sapore. Intanto accendiamo il forno a 180° C e foderiamo una teglia ampia, dai bordi bassi, con della carta oliata. Prendiamo la frolla e stendiamola sul piano precedentemente spolverato di farina, imprimendole una forma rettangolare con una lunghezza di circa 50 centimetri e 30 di larghezza.

Appoggiamo la frolla sulla carta forno, aggiungiamo la farcitura a base di mele e arrotoliamo l'impasto. Per dare l’inconfondibile doratura allo Strudel, non dimentichiamo di spennellarne la superficie con il tuorlo d'uovo. Il tempo di cottura nel forno si aggira sui 30-40 minuti circa. Una volta cotto, lasciamo raffreddare lo Strudel e poi cospargiamolo di zucchero a velo.

Ingredienti

Per la frolla: 

  • 300 gr di farina bianca
  • 150 gr di burro a temperatura ambiente
  • 150 gr di zucchero bianco semolato
  • 1 uovo grande
  • latte quanto basta (meglio intero)
  • la scorza grattugiata di 1 limone non trattato
  • 1/2 bustina di lievito vanigliato in polvere
  • 1 pizzico di bicarbonato di sodio
  • 1 pizzico di sale 

Per il ripieno:

  • 700 gr di mele tipo Golden Delicious o Gala
  • 70 gr di zucchero bianco semolato
  • 70 gr di pangrattato dorato nel burro
  • 50 gr di uvetta passa
  • 2 cucchiai di rum
  • 30 gr di pinoli
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaio di scorza di agrumi (grattuggiata)

 

Per la copertura:

  • Zucchero a velo
  • 1 tuorlo d'uovo

 

...buon appetito!

Foto principale da mangiarebuono.it

Eventi a Castelrotto - Kastelruth


Notizie correlate

Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Ricetta: Caponata di melanzane di Mazara del Vallo
Piatto tipico della cucina siciliana, fu portato per la prima volta dagli arabi, che sbarcarono nell'827 sulle spiagge del borgo in provincia di Trapani
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Ad Arnad è tutto lardo che cola!
Il salume prodotto nel piccolo borgo valdostano ha ricevuto il prestigioso riconoscimento europeo del marchio DOP
By Redazione
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
La ricetta: le Scalette del borgo di Altomonte
I biscotti tipici della tradizione calabrese sono ideali per celebrare feste e ricorrenze
By Redazione
Ricetta: la zuppa  di cipolla vernina di Certaldo
Ricetta: la zuppa di cipolla vernina di Certaldo
Il primo piatto tipico del borgo toscano viene rigorosamente servito con pane a lievitazione naturale e pecorino di Pienza
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
Grosio, tornando alle radici più antiche della Valtellina
L'antico borgo in provincia di Sondrio custodisce un'area archeologica che racconta, tramite incisioni rupestri, la vita delle prime popolazioni della valle lombarda
By Stefano De Bernardi
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di