Il pane tipico di Vico del Gargano che ha antiche origini contadine

 
CERCA PER ZONA

Ricetta: la Paposcia di Vico del Gargano

Ricetta: la Paposcia di Vico del Gargano

La Paposcia è una pane focaccia dell'area di Vico del Gargano diffusosi nel territorio già nel XVI secolo. Alimento principe per i contadini vichesi e non solo, nasce in realtà dall'esigenza di verificare se la temperatura del forno fosse corretta. La paposcia nasce dagli scarti della pasta che rimaneva attaccata alla madia, la cosiddetta fazzatura. Meticolosamente raccolta, impastata e allungata a mano fino a 20-30 centimetri, la si poneva nel forno per pochi minuti, prima delle pagnotte di pane. La tenuta della paposcia alla buona cottura indicava la buona riuscita del pane. Deve il suo nome alla sua forma allungata, che assomiglia ad una pantofola: da babbuccia, la babouche francese, e da qui paposcia, in dialetto vichese. La Paposcia, frutto di antiche tradizioni contadine, è ottima se, appena sfornata, viene condita con un filo d'olio e gustata con formaggio fresco locale. 

Ingredienti

Per 6 pezzi

  • 600 gr farina 00

  • 300 gr acqua temperatura ambiente

  • 1/2 cubetto lievito di birra

  • 1 cucchiaino di malto, o miele, o zucchero

  • 30 gr olio extra vergine oliva

  • 1 cucchiaino e mezzo di sale fino

Procedimento

Impasto: Sciogliamo il lievito a pezzetti con le mani in metà dell'acqua indicata, poi uniamo metà della farina e cominciamo ad inglobarla, aggiungendo poco per volta l'acqua rimanente, l'olio e il sale. Mescolando l'impasto a un certo punto si staccherà dalla ciotola. A quel punto trasferiamolo sulla spianatoia, copriamolo e lasciamolo riposare per 10 minuti. Procediamo con una serie di pieghe a tre: ricopriamolo, lasciamolo riposare per trenta minuti e ripetiamo l'operazione. Dividiamo il panetto in 6 parti da 250 gr. circa l'una, formiamo delle palline e lasciamole in frigo per trenta minuti, anche se tradizionalmente venivano lasciate riposare (non in frigo, ovviamente) da 24 a 48 ore. Tiriamole fuori dal frigo almeno 8 ore prima della cottura. 

Cottura: Accendiamo il forno alla massima temperatura e distendiamo i panetti sulla teglia, tirandoli delicatamente da sotto, in modo tale da allungarli. Lasciamoli a cuocere per dieci minuti o finché non vedremo che prendono colore. Sfornare con un guanto da cucina. Tagliare e farcire a piacere.

Foto da statoquotidiano.it

Notizie correlate

Ricetta: La Michetta del borgo di Dolceacqua, tra amore e leggenda
La Michetta di Dolceacqua è tipica del borgo ligure e, rispetto all’omonimo tipo di pane, pare sia legata a una storia d’amore. Una prelibatezza semplice e gustosa, per tornare indietro nel tempo assaggiando il presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La Befana, il tradizionale biscotto dell’Epifania del borgo di Barga
Preparato secondo una ricetta antica, la Befana è il biscotto tradizionale del borgo di Barga per festeggiare l'epifania in famiglia o con amici
By Redazione
Ricetta: La Ciambella del borgo di Veroli. Capodanno a tutto gusto
Rinomata in tutta la Ciociaria, la Ciambella di Veroli, ha un inconfondibile aroma all’anice e la sua forma ricorda una corona. Per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna di serenità e prosperità
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Pastorelle del borgo di Cuccaro Vetere, il sapore del Natale nel Cilento
Fagottini dolci e ripieni, tipici della tradizione natalizia del Cilento, precisamente del borgo di Cuccaro Vetere. Il trionfo delle castagne e dell’abilità dolciaria locale, tramandata nel tempo per la più importante festività della famiglia
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: i Susumelli, i biscottini natalizi del borgo Sant’Agata di Puglia
Sono le prelibatezze natalizie del borgo di Sant’Agata di Puglia, in provincia di Foggia, quando scocca l’Avvento e si attende con trepidazione il Natale. Biscottini dai sapori antichi, i Susumelli portano in tavola tutta l’emozione del presente
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: La leggenda natalizia dei mostaccioli nei borghi del Molise
A forma di rombo, ricoperti di glassa al cioccolato e con un cuore tenero a base di mele cotogne. Sono i mostaccioli, che rallegrano nelle festività natalizie i borghi della regione anche con la curiosa leggenda che aleggia intorno al loro nome.
By Luciana Francesca Rebonato