Il pane tipico di Vico del Gargano che ha antiche origini contadine
 
CERCA PER ZONA

Ricetta: la Paposcia di Vico del Gargano

Ricetta: la Paposcia di Vico del Gargano

La Paposcia è una pane focaccia dell'area di Vico del Gargano diffusosi nel territorio già nel XVI secolo. Alimento principe per i contadini vichesi e non solo, nasce in realtà dall'esigenza di verificare se la temperatura del forno fosse corretta. La paposcia nasce dagli scarti della pasta che rimaneva attaccata alla madia, la cosiddetta fazzatura. Meticolosamente raccolta, impastata e allungata a mano fino a 20-30 centimetri, la si poneva nel forno per pochi minuti, prima delle pagnotte di pane. La tenuta della paposcia alla buona cottura indicava la buona riuscita del pane. Deve il suo nome alla sua forma allungata, che assomiglia ad una pantofola: da babbuccia, la babouche francese, e da qui paposcia, in dialetto vichese. La Paposcia, frutto di antiche tradizioni contadine, è ottima se, appena sfornata, viene condita con un filo d'olio e gustata con formaggio fresco locale. 

Ingredienti

Per 6 pezzi

Procedimento

Impasto: Sciogliamo il lievito a pezzetti con le mani in metà dell'acqua indicata, poi uniamo metà della farina e cominciamo ad inglobarla, aggiungendo poco per volta l'acqua rimanente, l'olio e il sale. Mescolando l'impasto a un certo punto si staccherà dalla ciotola. A quel punto trasferiamolo sulla spianatoia, copriamolo e lasciamolo riposare per 10 minuti. Procediamo con una serie di pieghe a tre: ricopriamolo, lasciamolo riposare per trenta minuti e ripetiamo l'operazione. Dividiamo il panetto in 6 parti da 250 gr. circa l'una, formiamo delle palline e lasciamole in frigo per trenta minuti, anche se tradizionalmente venivano lasciate riposare (non in frigo, ovviamente) da 24 a 48 ore. Tiriamole fuori dal frigo almeno 8 ore prima della cottura. 

Cottura: Accendiamo il forno alla massima temperatura e distendiamo i panetti sulla teglia, tirandoli delicatamente da sotto, in modo tale da allungarli. Lasciamoli a cuocere per dieci minuti o finché non vedremo che prendono colore. Sfornare con un guanto da cucina. Tagliare e farcire a piacere.

Foto da statoquotidiano.it

COMMENTI :

Notizie correlate

Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Fritto tradizionale, simbolo di abbondanza, la Scurpella è il dolce che festeggia le grandi occasioni
By Redazione
Ricetta: il Brasato al Barolo
Ricetta: il Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto piemontese ricco di sapori gustosi per il palato
By Redazione
Ricetta: Pasticciotto Leccese
Ricetta: Pasticciotto Leccese
Il Pasticciotto Leccese è uno dei dolci tipici del Salento, lo si trova anche nei bei borghi di Galatina, Otranto e Tricase. Una specialità da gustare in quei luoghi come a casa. Eccovi la ricetta originale.
By Nadia Calasso

Piú letti del mese

Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Ricetta: gli Strascinati di Cascia
Un piatto simile alla carbonara originario dell'Umbria, gli strascinati di Cascia
By Redazione
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Ricetta: le Manfrigole Valtellinesi
Un piatto gustosissimo ideale per cene in compagnia nelle fredde serate invernali
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformio col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di