Il suggestivo borgo fortificato nel cuore della Garfagnana, le mura e le torri, il castello, i palazzi nobiliari, le chiese di San Michele e San Pietro, e le prelibatezze gastronomiche, la Mondiola, il Biroldo e il pane di patate.
 
CERCA PER ZONA

Toscana: il borgo di Castiglione della Garfagnana, tra il Biroldo, la Mondiola ed il pane di patate.

Toscana: il borgo di Castiglione della Garfagnana, tra il Biroldo, la Mondiola ed il pane di patate.

Non ci sono solo le colline con in cima i cipressi, i borghi arroccati sui poggi di tufo, le isole circondate da un mare incantevole e le innumerevoli città d’arte sparse da nord a sud. La Toscana è anche altro. E’ anche una regione di monti e valli boscose, terre alte e a volte aspre che si perdono nel cuore dell’Appennino tosco-emiliano, terre di torrenti e profumi, ma anche di borghi di storia e sapori.

Parte di questa Toscana è la Garfagnana, area storica della provincia di Lucca a due passi dalle Alpi Apuane, tra la Lunigiana, la Versilia ed il massese.

Cuore di questa zona geografica dell’estremo nord toscano, terra che l’Ariosto definì “Terra di lupi e di briganti”, è il borgo di Castiglione di Garfagnana, centro murato che si perde nei boschi tra la natura selvaggia. Già cinto di mura e torri poco dopo l’anno Mille, Castiglione di Garfagnana fu spesso sottoposto ad assedi, ma fu anche il castello più importante della Repubblica di Lucca, a difesa del suo territorio dal confinante ducato di Modena.

Risale al 1371 la cerchia di mura e torrioni che fanno da cornice al suo abitato ricco di testimonianze storiche, cultura e tradizioni, ed è la Porta del ponte levatoio, una delle tre d’accesso al paese, a consentirci di approdare nel centro antico. Mentre su piazza del Castello hanno sede il rinascimentale palazzo cinquecentesco del parlamento, oggi sede del Municipio, e palazzo Nobili, su via Roma si affacciano i palazzi delle antiche famiglie notabili locali.

Da vedere le chiese di San Michele e San Pietro. La prima, consacrata all’inizio del Quattrocento, presenta una facciata tardogotica in pietra grigia, marmo rosso e bianco, ed un interno che custodisce una preziosa testimonianza della pittura lucchese del Trecento, la “Madonna col Bambino” di Giuliano di Simone di Lucca, dipinta nel 1389 a tempera su tavola, il ciborio realizzato in marmo di Carrara contenente gli “oli santi”, con motivi decorativi classici greci e romani, della scuola di Matteo Civitali, un prezioso Crocefisso ligneo trecentesco e la statua in legno della Madonna col Bambino. La seconda, consacrata nel 1197, è situata a ridosso della rocca e propone le tre statue lignee dei Santi Pietro e Paolo con al centro la statua della Beata Vergine del Carmelo, opera di Vincenzo Civitali, l’altare maggiore decorato in legno dorato e un secentesco paliotto a decorazione dell’altare della Madonna dei sette colori. La rocca medievale, attorno alla quale si sviluppò l’abitato, domina il borgo e regala una vista imperdibile sul borgo e sulla Garfagnana.

Alla bellezza del luogo si uniscono le specialità gastronomiche. Oltre ai frutti dei boschi e delle campagne, Castiglione di Garfagnana ed il suo territorio si raccontano anche attraverso autentiche prelibatezze come la Mondiola, il Biroldo ed il tipico pane di patate.

La Mondiola di Castigione Garfagnana
Foto Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano

Prodotta fin da quando i contadini della zona iniziarono ad allevare e macellare i maiali, la Mondiola, il classico salame garfagnino, è un salume di consistenza morbida e dal profumo speziato e gradevole, dall’impasto ricavato dalla macinatura della carne che viene poi miscelata con sale, pepe, spezie locali e chiodi di garofano. Singolare la sua forma a u; il salume viene infatti piegato e, dopo l’aggiunta di una foglia di alloro al centro, ne vengono collegate le due estremità.

il Biroldo di Castiglione di Garfagnana
Foto Pro Loco Castiglione di Garfagnana

Anche il Biroldo ha origini molto antiche. Salume dal gusto piccante, dal colore scuro e dalla forma a palla leggermente schiacciata, è un antico e particolare sanguinaccio. Per la preparazione si usa esclusivamente la testa del maiale, che si fa bollire per tre ore; la si disossa e si aggiunge una piccola quantità di sangue a cui s’aggiungono poi sale, pepe, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, anice stellato e finocchio selvatico. Il Biroldo si può consumare tagliato a striscioline, accompagnato dal tipico pane di castagne garfagnine o dal pane di patate, oppure scaldato in padella.

E’ invece il pane rustico della zona quello preparato con le patate, cibo povero nato dalla necessità, nelle annate in cui i cereali erano scarsi, di integrare la farina di grano con le patate lesse. Aggiunta di patate che consentiva, un tempo, di mantenere il pane per parecchi giorni; nella tradizione locale infatti il pane si produceva una sola volta alla settimana, solitamente il sabato.

COMMENTI :

Eventi a Castiglione di Garfagnana

  • Natale a Castelnuovo
    Dal 30-11-2019 Al 23-12-2019 | Castiglione di Garfagnana (LU)
    Natale a Castelnuovo
    Festival

    Aggiungi al tuo calendario 2019-11-30 2019-12-23 Europe/Rome Natale a Castelnuovo Castiglione di Garfagnana

    Borgo di Castiglione di Garfagnana | Scopri di più

  • La Festa del Regalo
    05-01-2020 | Castiglione di Garfagnana (LU)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-01-05 2020-01-05 Europe/Rome La Festa del Regalo Un bambino, con non più di 7 anni, nato a Castiglione, in segno di riconoscimento alla Madonna per aver salvato il comune durante la peste nel 1631, le dona oro incenso e mirra. Castiglione di Garfagnana

    Un bambino, con non più di 7 anni, nato a Castiglione, in segno di riconoscimento alla Madonna per aver salvato il comune durante la peste nel 1631, le dona oro incenso e mirra.

    Borgo di Castiglione di Garfagnana

  • La Befana
    05-01-2020 | Castiglione di Garfagnana (LU)
    Festival

    Aggiungi al tuo calendario 2020-01-05 2020-01-05 Europe/Rome La Befana Gruppi di persone travestiti da befanotti e con la befana in testa, vanno di casa in casa a suonare e ricevere doni. La sera termina con l'incontro dei gruppi nella piazza del Comune. Castiglione di Garfagnana

    Gruppi di persone travestiti da befanotti e con la befana in testa, vanno di casa in casa a suonare e ricevere doni. La sera termina con l'incontro dei gruppi nella piazza del Comune.

    Borgo di Castiglione di Garfagnana

  • I Crocioni
    09-04-2020 | Castiglione di Garfagnana (LU)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-09 2020-04-09 Europe/Rome I Crocioni Rappresentazione storica della morte di Gesù. Castiglione di Garfagnana

    Rappresentazione storica della morte di Gesù.

    Borgo di Castiglione di Garfagnana

  • San Michele
    29-09-2020 | Castiglione di Garfagnana (LU)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-09-29 2020-09-29 Europe/Rome San Michele Castiglione di Garfagnana

    Borgo di Castiglione di Garfagnana


Notizie correlate

Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione

Piú letti del mese

I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
La Finlandia è un paesaggio composto per il 10% da laghi, un luogo in cui si possono compiere esperienze autentiche nella natura e scoprire borghi tipici disseminati in ambiente singolare.
By Nicoletta Toffano
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di